La notizia. Il maxi-mortaio della rotonda “Scoglio dell’Oca” finalista su Radio2

Guido Barbazza

Il mortaio che campeggia al centro della rotatoria “Scoglio dell’Oca”, che con la sua grande sctitta “Pra’ “ indica il centro della “terra del basilico”, è stato scelto per partecipare a “Monumentellum”, il concorso sui monumenti più curiosi e originali d’Italia. Infatti per “Pif” e Michele Astori, che da lunedì a venerdì conducono su Radio2 lo show radiofonico “I Provinciali”, Il mega mortaio di Pra’ è tra i monumenti che meglio rappresentano un territorio. La rotonda praese sembra avere conquistato l’Italia, perché a furia di voti è entrati nella rosa dei 5 finalisti insieme con il monumento al pisello nano di Zollino (Lecce), il monumento al camionista di Borgo Panigale (Bologna), il monumento alla salama da sugo di Madonna dei Boschi (Ferrara) e alla rotonda dei tonni suicidi di Molassana, anch’essa in quel di Genova. Indipendentemente dal risultato finale dell’originale competizione, che assicura comunque a Pra’ un piazzamento tra i cinque primi d’Italia, e scusate se è poco, la bella ed originale rotonda praese, probabilmente una delle più simpatiche ed originali della Liguria, costituisce un grande, evidente, importante tassello nella visione di riappropriazione e di valorizzazione dell’identità e della visibilità di Pra’ lanciata dalla FondAzione PrimA’vera e che sta registrando un sempre maggior numero di appassionati sostenitori.

2 Comments

  1. Ragazzi, questa e’ una bella e dirompente notizia!
    Pensare che in tanti vedono, sentono e parlano del nostro mega-mortaio, qualificato come un monumento che interpreta al meglio il carattere di un territorio e la sua gente, e’ certamente una novella freccia messa a segno per l’identita’ e la visibilita’ anche mediatica della NOSTRA PRA’.
    Grazia a Guido, che ce ne informa e naturalmente all’ideatore e progettatore del manufatto che sormonta e valorizza la rotonda “Scoglio dell’Oca”, attirando gli sguardi dei passanti e non solo loro!

    • Molto bello questo.
      Ma bisognerebbe approfondire la questione Sapello.
      Da più di un anno e messa in un angolo,altro che ripresa,pare che la ditta che operava sia fallita,quindi i lavori sono fermi e gli abitanti della zona sono costretti a fare gincane e serpenti per raggiungere casa e quei poveri sfortunati che vi lavorano.
      MEGLIO DI NIENTE mi sembra proprio fuori luogo
      Ps della vecchia stazione ne parliamo?

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*