La lezione di Manuel

Redazione: pubblichiamo questo contributo, che l’autore dedica in modo particolare ai tanti, tra noi, che a Pra’ dedicano parte del loro tempo, impegno ed energie, ai giovani ed alle loro esigenze: sportive, culturali, di aggregazione, di svago, di sano agonismo e di gioco di squadra…i giovani praesi, dai piccolissimi, agli adolescenti, dai bambini scatenati, a coloro cui un handicap fisico o psichico non impedisce di divertirsi, andare in barca a vela, stare insieme, crescere bene…diciamo solo i nomi, sperando di non omettere alcuno, qualora ciò avvenisse, non è voluto, ma siamo, siete , in tantissimi: Giuliano, Massimo, Michele 1 e Michele 2, Niclo, Stefania, Oscar, Marco, Titti, Stefano, Caterina, Luigi, Francesca, Elisa, Elio, Auretta, Ivo, Luciano, Giuseppe, Davide, Luca, Patrizia…spero che i nominati si riconoscano e che avvenga una contaminazione buona, affinchè la Pra’ Futura sia davvero “To sport”, ma anche solidale e senza barriere.

 

Francesco Provinciali-

L’Italia guarda con affetto e condivisione emotiva l’esperienza umana di Manuel Bortuzzo, il 19enne ferito poco più di un mese fa a Roma da un colpo di pistola sparato da due balordi: quel gesto disgraziato e vile ha suscitato sdegno e chiede giustizia. Speriamo che il pentitismo postumo non eviti loro una pena esemplare, francamente siamo stufi di giustificazioni del giorno dopo, di tempeste emotive, di fiaccolate e palloncini liberati al cielo a futura memoria.

Il coraggio e la forza di volontà di Manuel, che fin dal primo momento ha voluto tranquillizzare i suoi genitori, gli amici e tutti coloro che si sono interessati alla sua vicenda, affrontando la prova che il destino gli ha riservato, cercando di rasserenare gli altri senza mai parlare di vendetta e concentrandosi sulle risorse più intime del suo animo e del suo fisico, hanno qualcosa di stupefacente e di esemplare: sono l’icona di un gladiatore che combatte la diagnosi più infausta, come chi è al centro dell’arena e raccoglie tutte le energie con la certezza di farcela, di uscire vincitore dalla imprevista e dura battaglia che la vita gli ha riservato.

Leggiamo spesso storie di adolescenti inquieti, di giovani irretiti dal buco nero della rete che tutto inghiotte e raramente restituisce speranze, di ragazzi protagonisti in negativo di episodi di bullismo, di comportamenti violenti, di cadute nella droga, di adultismo precoce in senso deteriore: inconsapevolmente ci stiamo abituando ad una immagine negativa della gioventù, prestando il megafono ad aspetti che diffondono sensazioni di inaffidabilità e giudizi affrettati e negativi.

Che cosa sta sorprendendo di questa vicenda fino al punto di commuoverci intimamente?

La reazione immediata di questo ragazzo appena maggiorenne, che coltivava il sogno del nuoto come progetto di vita, che era animato da una determinazione talmente forte da spingerlo a convincere la famiglia a trasferirsi a Roma da Treviso, per dimostrare di possedere doti fisiche e vigore, motivazione, capacità, attitudine alla pratica agonistica di quello sport, che era già entrato nel giro degli atleti più esperti e blasonati e vedeva in loro un esempio e un’esperienza da seguire, imparare, coltivare con dedizione e sacrificio.

La sua capacità di consolare piuttosto che la richiesta di consolazione per sè, la certezza di farcela e “tornare più forte di prima”, una forza interiore straordinaria che alimenta il vigore fisico dell’età, la tenacia di tenere un contatto aperto con il mondo, di infondere fiducia, di rassicurare i dubbiosi, di infondere coraggio.

E soprattutto- se posso dirlo – la sua innocenza: affrontare il futuro guardandolo in faccia, senza remore, con quel viso pulito e sorridente.

In un mondo spesso indifferente fino all’ignavia è una grande e bella lezione per tutti.

 

18 Comments

  1. Questo ragazzo ha una forza d’animo incredibile, unita ad una volontà straordinaria di farcela, di tornare a nuotare e gareggiare come era il suo sogno.
    Un bellissimo esempio di coraggio, una grande lezione per tutti noi.
    Speriamo con il cuore che ce la faccia, che avvenga un miracolo.
    facciamo tutti il tifo per lui!

    • Quando le luci dei riflettori si saranno spente la storia di Manuel verrà a poco a poco dimenticata e confusa con altre e lui dovrà avere il coraggio e la forza di adesso, per continuare la sua battaglia da solo fino alla fine della sua vita. E’ doloroso ammetterlo ma è così: la gente è cattiva, dimentica, pensa ai fatti suoi, è egoista.
      Il mondo di oggi è fatto di cattiveria e indifferenza, passato il ricordo Manuel sarà solo il passato e non più il presente.
      Che tristezza e che ingiustizia, la vita. Vanno avanti i delinquenti e i criminali, i ladri e gli imbroglioni e le persone per bene sono destinate a soffrire.
      Triste e schifoso, la sofferenza è sempre personale, si è soli quando si soffre e si muore, l’aveva scritto De Andrè.

      • Siamo già all’egoismo Yuri. Molti pensano meno male che non è toccato a me o a mio figlio.
        La gente si commuove facilmente e poi facilmente dimentica.
        Di fronte a una disgrazia del genere si cerca di rimuovere il pensiero.
        Tra poco è Pasqua si aprono le uova e poi tutti al mare a mostrar le chiappe chiare.

  2. Speriamo che i colpevoli di questo misfatti che sono delinquenti più che balordi vengano assicurati alla giustizia e puniti in modo esemplare.
    Rovinare la vita di un ragazzo di 19 anni e costringerlo sulla sedia a rotelle è come ucciderlo.
    Si meritano l’ergastolo questi criminali.

  3. Chi ha detto che Manuel si è trovato per sfortuna nel posto sbagliato al momento sbagliato è semplicemente un idiota. Uno si può trovare dove vuole se sta al suo posto. Lui era con la fidanzata. I due delinquenti candidati alla galera a vita hanno preso la mira e l’hanno colpito alla schiena, come in un tiro al bersaglio.
    Lui ha una forza immensa ma i medici hanno detto che salvo miracoli non ci sarà guarigione, resterà immobilizzato alle gambe per sempre. Questa è una grossa disgrazia per lui e per i suoi genitori che sanno la verità.

  4. Prego con tutto il cuore che questo sfortunato ragazzo, un bel ragazzo, un atleta, possa guarire, alzarsi in piedi, camminare, nuotare, gareggiare, arrivare alle Olimpiadi come era il suo sogno. Per il suo coraggio se lo merita. Veramente come scrive Francesco Provinciali tutta Italia segue con commozione ed emozione la vicenda di Manuel. E’ una storia che ha toccato il cuore di tutti.
    Spero che questo bravo ragazzo sia incoraggiato e abbia sempre accanto a sè chi lo sostiene e lo invoglia a tener duro. Coraggio Manuel!

  5. Vedere un ragazzo di neanche 20 anni seduto su una sedia a rotelle dove forse dovrà stare per tutta la vita mi spezza il cuore.
    Un atleta, un bravo e serio ragazzo.
    Provo un sentimento di tristezza e desolazione unici, mi metto nei suoi panni e in quelli del suoi genitori. Loro hanno tutti reagito ìcon dignità e compostezza a questo fatto tragico. QUESTO è IL VOLTO BELLO de PULITO, ONESTO dell’ITALIA di OGGI:
    Poi ci sono i due disgraziati: condanna a vita, ANCHE PER LORO (visto che loro hanno condannato e rovinato MANUEL) e poi buttare la chiave.
    Non sono ammessi pentitismi o richieste di perdono: sapevano quello che facevano.

  6. Troppa violenza in giro, troppe armi che circolano. Ogni giorno uno, due tre delitti.,
    Follie o gravate, gesti criminali, femminicidi: quante donne sono state uccisa da inizio anno d oggi, 10, 20, 30 o più!?
    Ormai perdiamo il conto.
    E ci abituiamo a questi delitti assurdi.
    La violenza sula porta di casa, per strada, negli ambienti di vita comuni.
    Anche la sotira di Manuel appartiene a questo triste elenco di vittime. Ma la gente non si scandalizza più, giusto un giorno o due e poi si aspretta il prossimo crimine.
    Vedasi la storia del senegalese che aveva sequestrato 51 bambini e voleva incendiare il pullmann. Alle porte di Milano.
    Da Roma a ilano dal sud al nord ormai il paese è in ma o a baniti e delinquenti.
    Mi aspettavo una reazione più unanime da Prà per Manuel.
    Si vede che anche qui conta più una piastrella della passeggiata a mare che la vita di un ragazzo di 20 anni.
    Una vergogna.
    Tutti zitti, aspettiamo il prossimo fatto di cronaca.

    • Forza ragazzi e ragazze di Prà, sportivi che fate attività per migliorare il vostro fisico e per passare il tempo in modo sano, dimostrate che non è vero che Prà è assente, che siete vicini a questo vostro coetaneo!
      Un grande corale incoraggiamento per Manuel!

  7. Manuel fa coraggio a noi. Si capisce che è un ragazzo speciale. La sua forza ci commuove. La sua famiglia chiede sostegno morale e materiale. Chi ha fede almeno preghi che Dio aiuti Manuel e I sui cari

  8. Affetto e preghiera per questo sfortunato ragazzo. Gli siamo tutti vicini. La sua forza fisica e morale ci commuove e ci stupisce, di fronte a tanta gioventù indolente, che si brucia nella droga.
    Coraggio Manuel, siamo tutti con te!

  9. Una vita spezzata e una famiglia distrutta.
    Due disgraziati con il grilletto facile che spadroneggiano nel quartiere.
    Il destino ingiusto che si accanisce contro un ragazzo modello.
    Vedremo cosa concluderà la giustizia italiana. Speriamo in una pena severa di cui non dobbiamo vergognarci di essere italiani.
    Forza Manuel, siamo tutti con te.

  10. Da tutti commenti dei lettori, commossi e partecipati, si avverte tutta la risonanza ed il dolore che questa drammatica vicenda ha provocato. Manuel, bello, atletico, innocente ha avuto la sorte avversari trovare sullasia strada due balordi assassini…di perché hanno ucciso i suoi sogni e la sua visione di una vitadedicata allo sport del nuoto.
    Prego perché abbiano la giusta e severa pena….e soprattutto, affinche Manuel possa avere una speranza di cura e guarigione.

  11. Certo Ariel, Manuel deve sentire tutto il calore umano che lo circonda. Gli italiani in fondo sono davvero brava gente capace di commuoversi.
    Speriamo che la scienza faccia passi da gigante e che ciò che ora sembra solo un miracolo possa un giorno non lontano diventare una speranza, che ci siano in futuro cure e riabilitazioni in grado di restituire al ragazzo la speranza che l’aveva spinto a Roma.
    Sogno di vederlo presto sul podio delle Olimpiadi, sarebbe un dono per lui , per i suoi cari, per tutti coloro che hanno quasi adottato questo figlio dell’Italia che ama, soffre, spera, esprime affetto.

  12. Nei numerosi commenti traspare tutta la rabbia e la frustrazione più che giustificata di chi subisce una terribile ingiustizia e non può far nulla per evitarne le conseguenze. Condivido anche tutta l’amarezza che episodi del genere lasciano in bocca. È difficile avere fiducia nel prossimo ai giorni nostri!Manuel è un grande nonostante la sua giovane età! Gli auguro ogni bene. Prego e spero che abbia sempre la forza d’animo che sta
    dimostrando e sia sempre sostenuto da coloro che gli vogliono bene.Le persone come lui sono un raro dono e meritano tutto il nostro affetto e incoraggiamento.

  13. Hai ragione Rita: oggi è difficile avere fiducia negli altri.
    Troppa violenza, troppi delinquenti che circolano a piede libero e non si può fare nulla per fermarli. Una vergogna per un Paese che di definisce civile.
    Per questo l’ammirazione in Manuel e nella sua lezione di forza ed educazione è ancora più importante. Non ha reagito con toni aggressivi, il padre non ha minacciato vendette. Lasciano che la giustizia faccia il suo corso.
    Ma se i due criminali che l’hanno ridotto su una sedia a rotelle per tutta la vita non dovessero essere condannati in modo esemplare, beh allora dovremmo vergognarci di dirci italiani.
    Commovente davvero questa storia. Io credo che Manuel non sarà dimenticato e la gente penserà sempre e intensamente a lui.
    Speriamo nella scienza o in un miracolo.

  14. Ogni volta che vedo in TV Manuel Bortuzzo mi si stringe il cuore perché penso ad una vita passata sulla sedia a rotelle. Per una famiglia vedere il proprio figlio in questa condizione è un dolore lacerante. Speriamo che la sua forza batta il destino ingiusto

  15. Che Dio benedica e protegga questo ragazzo e consoli i suoi genitori. La vita in fondo è ingiusta. Punisce i buoni e i meritevoli e assolve i cattivi e i delinquenti

Rispondi a Yuri Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*