La Festa di San Pietro a Pra’, una tradizione che continua

Chiara Bozzo

Foto di Michela Repetto e Francesco Castiglione

«Quando le differenze diventano un arricchimento e non un motivo di scontro allora sì che si è intrapresa la strada giusta». Così, Don Gianni Grondona ha iniziato l’omelia della Messa della festività di San Pietro e Paolo celebrata lo scorso lunedì 28 giugno nella parrocchia di N. S. del Soccorso e San Rocco di Pra’. «Pietro e Paolo, due santi così importanti che la Chiesa ha scelto di celebrare insieme nonostante fossero così diversi tra loro: l’irruente pescatore di Galilea tra i primi discepoli da una parte, mentre, dall’altra, il riflessivo teologo di Tarso convertitosi solo dopo una prima parte di vita passata a perseguitare i Cristiani» continua Don Gianni «si tratta di un forte segnale di comunità». La stessa comunità che si trova a vivere ogni anno Pra’ nel ricordare il suo patrono in un mix di celebrazioni religiose e momenti diversi. Tante le anime a contribuire. Dopo la Messa, dalla parrocchia, si è snodata, in maniera ordinata, nel pieno del rispetto delle norme anti-covid, grazie alla collaborazione degli Alpini e della Polizia municipale la processione verso il mare. In Fascia di Rispetto, le barche dell’ASD SMS Pescatori Pra’ hanno atteso l’arrivo della statua di San Pietro per scortarla nel suo breve tragitto lungo il canale di calma dove si è concluso con la benedizione del mare e il ricordo delle persone scomparse nel corso dell’ultimo anno. L’ultimo atto di questa settimana di festeggiamenti sarà la tradizionale fiera con il mercatino per le vie di Pra’ di domenica 4 luglio. Mancherà, ancora, il tradizionale spettacolo pirotecnico conclusivo, ma Pra’ non farà passare un anno senza festeggiare il suo santo, quindi, siamo sicuri che tornerà anche quello.

4 Comments

  1. Articolo intenso e splendide foto grazie Chiara…ed auguri al tuo piccolo Pietro che avanza nella vita portando un nome importante ed impegnativo!

  2. Un segno di speranza. ..Forse il prossimo anno si potrà svolgere la Festa di San Pietro e Paolo in maniera “normale ” …Forse saremo fuori del tutto dall’incubo della pandemia!
    Intanto la celebrazione di quest’anno, anche in forma più ridotta, è un bell’evento da divulgare e ricordare!

  3. Grazie Chiara per questa bella testimonianza. Mi hanno fatto molto riflettere le parole di don Gianni Grondona, che ricordiamo come vice parroco e grande animatore della pastorale giovanile.
    Mi hanno fatto molto riflettere perché quasi sempre le diversità hanno un effetto respingente: ciò che non conosco o non riconosco mi spaventa. Se invece riusciamo ad avere l’atteggiamento giusto, quello suggerito da papà Francesco in “Fratelli tutti”, e riusciamo ad essere accoglienti, la diversità diventerà sempre ricchezza per entrambi. Grazie Chiara, e sono molto contenta che la nostra Festa di San Pietro continui anno dopo anno, spero che prossimamente avremo anche i nostri consueti “FUOCHI”…. e allora sarà tutto come prima, come sempre, come ricordiamo fino da bambini.

  4. Grazie alla gloriosa SMS per mantenere in vita questo evento della piu’ genuina tradizione praese, sentito, suggestivo, spettacolare.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*