Kofi Annan, ambasciatore di pace

Francesco Provinciali-

I drammatici fatti di cronaca nazionale (il ponte crollato a Genova, il terremoto in Molise, la tragedia del Pollino, gli sbarchi e gli attracchi negati alle navi dei migranti-profughi-clandestini)) insieme al rilievo spesso sproporzionato che viene dato alle beghe della politica, nei suoi risvolti semiseri e spesso caricaturali, hanno fatto passare in secondo piano la notizia della recente scomparsa dell’ex Segretario Generale dell’ONU e premio Nobel per la pace Kofi Annan.

Artefice e protagonista di una lunga stagione di impegno istituzionale ai massimi livelli mondiali, uomo di mediazione, diplomatico per vocazione e carriera, sempre incline alla ricerca di soluzioni ai conflitti e alle problematiche che hanno attraversato il pianeta nel periodo del suo doppio mandato (dal 1997 al 2006) , per i meriti acquisiti nella sua incessante tessitura di accordi e nella sua determinata ricerca della pace e della stabilità, della giustizia sociale e della difesa delle libertà individuali e comunitarie, la sua uscita di scena meritava forse una più attenta considerazione e un riconoscimento più diffuso e condiviso per le sua difesa del bene comune come valore primario e fondativo della società contemporanea.

Di fatto Annan è stato il grande traghettatore, dal secondo al terzo millennio, dei compiti istituzionali del più importante e prestigioso Organismo mondiale – l’Organizzazione delle Nazioni Unite- che nel periodo della ricostruzione post-bellica era stato visto da tutti i governi nazionali come punto di riferimento “terzo” e super-partes, un vero e proprio sodalizio internazionale a garanzia degli equilibri mondiali e a tutela dei valori umani condivisi. Il suo ruolo di analisi, comprensione, compensazione e azione diplomatica fu determinante: durante il suo mandato al Qaeda colpì New York e Washington, gli Stati Uniti invasero l’Iraq e i politici occidentali trasformarono i loro punti di vista dalla Guerra Fredda alla globalizzazione e alla lotta contro la militanza armata islamica.
Dopo aver lasciato le Nazioni Unite aveva continuato instancabilmente a lavorare per la causa della pace attraverso la presidenza della sua Fondazione Annan e come presidente di The Elders, fondata da Nelson Mandela”.  
A Kofi Annan non erano certo sfuggiti i grandi temi planetari del nostro tempo: le disuguaglianze sociali, i focolai di guerra, i genocidi, lo sfruttamento per scopi bellici dei minori, le malattie endemiche, la fame mai saziata, l’odio razziale e le discriminazioni mai debellate, la persecuzione delle minoranze, i fondamentalismi religiosi e ideologici. Con questi temi Annan si era sempre misurato con energia e insieme con toni pacati, sempre incline al dialogo e al confronto aperto e coraggioso, in nome della tradizione ricevuta e della modernità come visione positiva, ricomposizione e mediazione continua verso un equilibrio istituzionale e sociale sostenibile.

Mi piace accostare l’azione di questo grande uomo ai massimi livelli istituzionali mondiali con alcune analisi interpretative del nostro tempo, frutto di riflessione culturale e osservazione mirata e sempre ricca di prospettive, a cominciare dagli studi sociologici di Zigmunt Bauman e dalle ricerche in tema di “beni comuni” di Elinor Ostrom, premio Nobel per l’economia nel 2009, riconoscimento conferito a Kofi Annan nel 2001 per la pace nel mondo.

L’attuale Segretario dell’‘Onu Antonio Guterres gli ha reso omaggio con queste parole: “Siamo in lutto per aver perso una grande persona. Kofi Annan in molti modi era le Nazioni Unite. Era una forza guida per il bene. Aveva salito tutti i gradini dell’amministrazione Onu, guidando l’organizzazione nel nuovo millennio con una dignità ed una determinazione incomparabili. In questi tempi turbolenti e difficili, la sua eredità come campione globale della pace resterà una vera ispirazione per tutti noi”.

Credo che dovremmo riflettere più spesso e con maggiore profondità sugli esempi di vita che uomini come Kofi Annan ci hanno lasciato perché rappresentano la coerenza di una vita tra principi e azioni, riferimenti “alti e nobili” in una quotidianità troppo spesso di basso profilo etico e culturale, dove ricevono più attenzione la notizia di selfie o di un tweet dei politici nostrani, veri ominicoli che con la loro pochezza descrivono assai bene gli orizzonti limitati del nostro tempo.

10 Comments

  1. Grande uomo di pace e di capacità politica, con una visione mondiale dei problemi.
    Una vita spesa per l’umanità, per i deboli, gli oppressi, le vittime della guerra.
    Troppo spesso dimentichiamo l’esempio di persone così’.
    Una bella riflessione per tutti.

  2. Kofi Annan, come Marin Luther King, Nelson Mandela, Madre Teresa di Calcutta, Papa Francesco.
    Gente straordinaria che fa onore al genere umano, in mezzo a tanta violenza, ingiustizia, in mezzo a tanto schifo….

  3. Un uomo retto, un politico “pulito”, ha dedicato la sua vita al progresso dell’umanità, alla difesa della pace, alla lotta contro le disuguaglianze sociali.
    Oggi non ce ne sono più persone così, ed è un vero peccato perchè è di questi uomini che avremmo bisogno. Invece basta guardarsi intorno e vediamo uno spettacolo indecoroso.Abbiamo bisogno di buoni esempi e invece la politica non cerca il bene comune ma i personalismi e gli interessi di parte.

  4. Un grande, grandissimo. Eppure c’è gente che ne ignorava l’esistenza.
    Non mi risulta che abbia amato le luci della ribalta, eppure ha fatto tantissimo per la pace nel mondo.
    Almeno un ricordo….

  5. Ha combattuto contro i prepotenti e i governi guerrafondai, gli dobbiamo molto.
    Ma vedo che i praesi sono molto timidi a esprimere una parola di omaggio a questo grande uomo.
    Più facile che si accapiglino su un muro, le strisce pedonali o le deiezioni dei cani nelle aiuole.
    Serve anche questo ma…..stavolta…..

  6. I migliori se ne vanno e ci lasciano il loro ricordo, le cose belle che hanno fatto e una specie di armata brancaleone di dilettanti allo sbaraglio.
    Dobbiamo anche a lui se non è scoppiata la terza guerra mondiale.

  7. In genere, cara Carla, grazie alla TV spazzatura, a Xfactor, al Grande Fratello, all’isola dei famosi e ai talk show, conosciamo persone vuote, viziate, egoiste, indifferenti, che curano soprattutto la propria immagine, danno più importanza all’apparire che all’essere.
    Narcisisti infantili e immaturi o persone manovrate dai poteri mediatici per portare all’ammasso il cervello della gente.
    Conosciamo argomenti futili, inutili o privi di significato, diseducativi: che cosa hanno da imparare i giovani da questi personaggi da paese dei balocchi? Uomini di levatura mondiale, che dedicano la propria vita al progresso dei popoli, alla pace, alla giustizia sociale sono del tutto ignorati o sottostimati.
    Per questo quella del nostro tempo è una cultura banale e di basso profilo, vuota di principi, ideali, valori. Ci emozioniamo per un selfie, ci scanniamo su facebook, ci realizziamo a mandare tweet o a postare messaggi insignificanti o peggio idioti.Certo, hai ragione: peccato che la maggior parte di noi conosca il lato peggiore e più sciocco e frivolo della vita e ignori l’esistenza di questi giganti della Storia.

Rispondi a Carla Pietà Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*