Intervista a Cecilia Parodi, vincitrice della Borsa di Studio “Luigina Giorgetti”-Fondazione Primavera-A.S.2020/21

Miglior alunna classi terze medie dell'ICPra'

Elis@Provinciali

Complimenti, vogliamo conoscerti meglio… Se dovessi descriverti in poche parole, come ti definiresti? Riporta ciò che i tuoi genitori raccontano della tua infanzia, che bambina eri?
<<Mi chiamo Cecilia, ho 14 anni e vivo a Pra’ da quando sono nata. La mia famiglia è composta da quattro persone: mamma, papà e la mia sorellina Beatrice di 9 anni. Sono sempre stata una bimba tranquilla (anche se non dormivo mai) e molto timida, ma col passare degli anni sono riuscita combattere questo mio “difetto”,oggi mi considero abbastanza socievole. Sono molto precisa e testarda, ma coltivo anche la mia vena creativa, infatti sono appassionata di hand lettering, cioè una scrittura calligrafica a mano libera>>.        Cosa rappresenta per te la scuola, hai materie preferite, usi un metodo di studio particolare?  Preferisci concentrarti individualmente o lavorare con le compagne/i? Questi due anni scolastici, fortemente disturbati nella continuità dalla pandemia, dalla DAD, sono stati da te vissuti come……(racconta)…Con chi condividi il tuo successo?
<<Mi è sempre piaciuto andare a scuola e cerco di fare del mio meglio in ogni materia. Preferisco studiare da sola e ho un particolare metodo che ho cominciato a utilizzare in prima media: faccio i compiti il giorno stesso in cui vengono assegnati, in modo da essere pronta nel caso di imprevisti!. Le mie materie preferite sono sempre state quelle scientifiche, infatti da settembre frequento la prima liceo Scientifico al Lanfranconi, dove però quest’anno ho scoperto il latino, diventato una delle mie materie preferite. A parte i primi mesi di lockdown in cui eravamo tutti frastornati, lo scorso anno ho avuto l’opportunità di frequentare sempre in presenza tranne quattro giorni che abbiamo svolto in DAD, quindi non ho vissuto una particolare disagio… sempre seguita e incoraggiata dai miei genitori e dai miei nonni, che mi spronano sempre a diventare la versione migliore di me stessa e a coltivare i miei talenti anche quando, a volte, mi abbatto. Oltre a loro vorrei ringraziare tutti i miei professori delle medie, le mie insegnanti di italiano e di inglese, Valentina Cavallo e Francesca Ravera, che mi hanno dato un’ottima preparazione>>.  Ci parli delle tue passioni? <<Pratico danza sportiva a livello agonistico da 4 anni presso la società ASD ImPonente Danza qui a Pra’. Nonostante le restrizioni imposte dal covid, ho potuto continuare ad allenarmi e riuscire ad ottenere dei buoni risultati, come un argento ai campionati Italiani di Rimini a luglio con il gruppo del Latino Show e tre primi posti ai Campionati Regionali nella mia categoria a novembre.
Frequento l’Azione Cattolica della parrocchia N.S. Signora del Soccorso e San Rocco fin da quando avevo sei anni; quest’anno sono entrata a far parte del gruppo dei Giovanissimi, con cui oltre alla riunione settimanale, partecipo anche a diverse attività di volontariato. Alcune sono saltuarie come la colletta alimentare o la raccolta per Telethon, altre più costanti come il servizio che svolgo presso la casa delle suore missionarie della carità in via Fusinato e suonare la chitarra animando la messa dei bimbi ogni domenica. All’inizio ero un po’ timorosa, ma poi ho scoperto che fare volontariato e venire a contatto con queste diverse realtà a volte serve anche a ridimensionare i piccoli problemi quotidiani>>.
Cecilia, esprimi le tue emozioni per la vincita ed i tuo progetti.
<< Quando ho sentito pronunciare il mio nome mi sono emozionata tantissimo: non me l’aspettavo assolutamente, è stata una grandissima gioia e anche una bella soddisfazione personale, quando il dirigente scolastico mi ha consegnato la pergamena, penso che il mio sorriso si vedesse anche al di sotto della mascherina. Penso che i soldi limetterò da parte per la mia istruzione futura o magari, chissà, per un viaggio quando sarò più grande. Per quanto riguarda il mio futuro non ho ancora le idee molto chiare, ma spero di realizzare quello che deciderò di fare, attraverso l’impegno e la costanza nello studio>>.
Conoscevi la Fondazione Primavera e Supra’tutto, sei al corrente dei miglioramenti apportati a Pra’, cosa ne pensi del tuo territorio, che faresti per riqualificarlo al meglio per i giovani?
<<Conoscevo già la Fondazione Primavera e Supra’tutto tramite alcune attività proposte in collaborazione con la scuola. Trovo che Pra’ negli ultimi anni abbia subito una trasformazione in positivo: abbiamo molti spazi, come la passeggiata a mare e il Parco Dapelo, che, se ben tenuti, insieme alle svariate società sportive presenti sul territorio, possono davvero renderla ideale per noi giovani. Io amo la mia Pra’ e spesso cerco di sponsorizzarla con i miei compagni di classe di Pegli, che però non ne vogliono sapere. In ogni caso prima o poi ce la farò a convincerli, dopotutto… sono una grande testarda>>!

Una ragazza , Cecilia, che merita davvero ogni cosa positiva che raggiungerà, ed ha già dimostrato di essere una personcina tenace e volitiva…Senza dimenticare il suo prossimo, con le varie attività cui dedica parte del suo tempo,e la gratitudine ai suoi cari ed ai docenti che l’hanno seguita. Brava!

1 Comment

  1. Cara Cecilia, conosco il tuo papà da quando era un ragazzino e mi fa un po’ impressione vedere che ha una figlia così grande… Mi è piaciuto molto leggere le tue risposte, perché tratteggiano una bella persona. Leggo che hai “scoperto” il latino e che ti sta piacendo molto. Anche a me , da studentessa, piaceva moltissimo, perché è una lingua “scientifica” , con regole, eccezioni, chiarezza e punti fermi. Sono contenta che ti piaccia vivere a Pra’ e spero che con l’aiuto di tutti noi la nostra qualità di vita continuerà a migliorare. Grazie Cecilia per la tua testimonianza e perché è molto confortante per le persone della mia età veder crescere delle nuove generazioni così in gamba, impegnate nel sociale e proiettate verso un futuro luminoso…

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*