InteGra, una società “born in Pra’ “

Guido Barbazza –

Forse non tutti sanno che, nei capannoni del “Pra’ Distripark Europa”, proprio di fronte alla Chiesa dell’Assunta di Pra’, in “via dei canottieri”, opera una società giovane, che operativamente ha avuto i natali proprio a Pra’, nel 2009: la “InteGra”. Il Direttore Generale di InteGra, George Ungurean, ha preso l’iniziativa di contattare la FondAzione per collaborare in iniziative a favore del territorio di Pra’, atto che è stato molto apprezzato: «Personalmente ho sentito il bisogno di comunicare ai cittadini di Pra’ i nostri valori e il nostro impegno concreto per un costante miglioramento del rapporto tra industria e il cittadino. Pensare all’inquinamento acustico del quartiere che ci circonda e sempre stata una nostra priorità. Abbiamo un parco automezzi composto da mezzi “Euro 6” e stiamo proprio in questi giorni lavorando ad un progetto che ci porterà nel medio termine alla trasformazione di oltre 30% del nostro parco in elettrico puro». Effettivamente, se a Pra’ di InteGra non si è mai sentito parlare, è anche dovuto al fatto che è forse l’unica società operativa del Bacino Portuale di Pra’ che non genera rumore o comunque disagio per i cittadini locali. InteGra con la propria organizzazione che conta oltre 120 collaboratori e 45 automezzi, copre giornalmente il territorio ligure e del basso Piemonte. Il “core business” è il campo degli elettrodomestici ed è legato alla distribuzione “ultimo miglio” denominata “Home Delivery”, a cui si affiancano e si integrano reparti di edilizia leggera, allestimenti e trasporto tradizionale “b2b”. Dal capannone di Pra’ vengono generati in media ben 450 servizi ogni giorno. La società già nel 2013 ha sviluppato un progetto di economia circolare che consiste nel ritirare ogni tipologia d’imballo o scarto di produzione derivante dagli interventi fuori sede, per poi differenziarlo nel modo giusto favorendo la rinascita di nuova materia. Ad esempio in InteGra si utilizza materiale di consumo per il packaging rigenerato e recuperato dagli scarti delle proprie attività. George Ungurean manifesta opinioni innovative e che fanno ben sperare sia per i dipendenti di InteGra, sia per i loro dirimpettai Cittadini di Pra’: «Sostanzialmente, pensiamo che la parità tra l’uomo e la donna o l’assunzione dei giovani, così come l’aiuto dei vari strumenti di welfare per i nostri collaboratori, non siano materia delle sole multinazionali, ma tutti dobbiamo impegnarci per superare tali barriere Ecco, nel nostro piccolo noi lo stiamo facendo». L’innovazione dell’offerta di InteGra è il fornire un servizio “chiavi in mano” per chi ordina un elettrodomestico da qualsiasi fornitore e se lo può vedere non solo consegnato, ma anche installato a regola d’arte al proprio domicilio, con ritiro dell’usato e risoluzione di ogni problematica impiantistica, avendo a che fare con un unico interlocutore che opera in modalità…integrata…appunto, come sottolinea il nome della società. Fateci caso, i furgoni di InteGra sono ognidove, l’altro giorno, ne ho visto uno con squadra all’opera proprio in via Airaghi, a Pra’.

2 Comments

  1. Non conoscevo questa azienda, ed apprendo con piacere che opera secondo criteri di sostenibilità acustica: tutto quanto contribuisce ad una vivibilità migliorata per la nostra cittadella e’ benvenuto.

  2. Sono veramente contenta di scoprire questa realtà che non conoscevo. Una Ditta pienamente del terzo millennio, che opera in armonia con l’ambiente e il territorio che la ospita… Mi auguro che sia di ESEMPIO per tante altre industrie che non sono altrettanto sensibili come loro. Il fatto che sia “born in Pra'” mi riempie di orgoglio praino… Bravissimi…

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*