Innamorarsi del proprio corpo e del movimento: con il nuovo centro RiFit si può

Giorgio Bruzzone –

Ritrovare la giusta motivazione per perseguire i propri obiettivi non è per nulla facile, specialmente se lo si mette in correlazione con il particolare periodo storico che stiamo attraversando, nel quale un nemico invisibile, ovvero la pandemia, ci ha totalmente resi impotenti e ha causato in noi degli enormi disagi influendo ancora adesso pesantemente sulla nostra vita quotidiana. Dal punto di vista etimologico il termine “motivazione” deriva dal latino “motus”, ossia “movimento” e indica il muoversi di un soggetto verso qualcosa di desiderato. Entra così in gioco uno scopo (o obiettivo) che consente di affrontare con forza e tenacia una determinata fatica o rinuncia. Tralasciando questo breve accenno, comunque utile a comprendere meglio l’argomento di cui parleremo oggi, è utile sapere che il movimento è davvero un ottimo mezzo per acquisire e mantenere benessere, oltre che per superare la nostra visione passiva. A tal proposito, per approfondire il discorso, abbiamo avuto la possibilità di scambiare due chiacchiere con il dott. Rocco Orlando il quale ci ha presentato il centro RiFit di via Murtola 22-28 r, il nuovo “gioiello” praino, un centro che offre servizi di vario genere che vanno dal fitness alla nutrizione, dalla psicologia fino alla fisioterapia, realizzato grazie ad un’idea della Giostra della Fantasia e incentrato appunto sul movimento e a tutti i suoi benefici che ne conseguono.

Quali sono state le idee che hanno portato all’apertura del centro Rifit? <L’idea di base era nata già da prima del lockdown. La Giostra della Fantasia aveva in mente da tempo questo progetto.Poi la pandemia ha costretto a chiudere l’asilo nido in via Murtola facendo riemergere questa esigenza. Inoltre, un’altra delle motivazioni per le quali abbiamo deciso di procedere con l’apertura è stata anche per valorizzare la zona di Palmaro, quartiere dove siamo nati e in cui crediamo>

Perché è importante il corretto e sano movimento? <Il movimento, innanzitutto, si tratta di un buon mezzo per predisporre la persona all’ottimizzazione del proprio benessere, oltre che per superare la visione passiva. Comprende parecchi benefici tra i quali la prevenzione di diverse patologie, il miglioramento della qualità del sonno e l’aiuto del controllo del peso corporeo. Inoltre è un ottimo analgesico naturale, facilita la circolazione, migliora le difese immunitarie, rinforza il sistema muscolo-scheletrico, favorisce l’integrazione, aumenta il buonumore e diminuisce lo stress. Insomma si tratta di uno strumento davvero utile>.

Quali sono le macro aree che caratterizzano il nuovo centro Rifit? <Sono essenzialmente quattro: quella relativa al fitness, quella riguardante la nutrizione, quella psicologica e quella inerente alla fisioterapia>.

Permettimi una breve interruzione. Poco tempo fa, all’interno dell’iniziativa “Parola ai giovani”, nella quale molti ragazzi hanno espresso la loro opinione riguardo a cosa secondo loro potesse essere migliorato nel nostro quartiere ed elencando una serie di esigenze per loro importanti, una di queste riguardava proprio il supporto psicologico per la fascia d’età più giovane. Questo per sottolineare che, con l’apertura del centro Rifit, ci sarà anche questa possibilità. Ma torniamo a noi. Quali sono i benefici del movimento in correlazione ad una corretta alimentazione? <Noi tutti ci muoviamo in base a ciò che mangiamo. Ed è essenziale sapere che il corretto movimento permette di utilizzare al meglio l’energia che assimiliamo>

Da quali figure professionali è formata l’equipe <L’equipe è formata da laureati in scienze motorie, fisioterapisti, nutrizionisti e psicologi>.

L’obiettivo finale del lavoro? <Per prima cosa è essenziale sapere che le persone sono uniche e differenti. Il nostro obiettivo, di fatto, consiste nell’offrire il percorso più adeguato alla situazione della persona e rispondere alle sue necessità. L’unicità e l’unitarietà fanno parte del tipo di percorso che noi offriamo. Ognuno ha il proprio bisogno. In genere il primo contatto riguarda un sostegno psicologico/conoscitivo per così delineare meglio il da farsi. Il secondo contatto prevede l’indirizzamento nello specifico. C’è chi invece ha già fatto un percorso e ha bisogno di un lavoro di mantenimento attraverso il nostro supporto per riacquisire autonomia. Possiamo affermare che uno dei nostri intenti è quello di spingere la persona ad innamorarsi del proprio corpo e del movimento>

Per quanto riguarda la correlazione tra lo sport e la salute mentale? Quali aspetti psicologici per esempio del giovane sono importanti da seguire? <Ritornando al discorso di prima, il punto di partenza è che siamo unici. Il percorso viene visto nella sua globalità. E ovviamente il lavoro fisico crea benessere anche psicologico. Anche per quanto riguarda questo genere di percorsi il lavoro viene suddiviso in una fase di sostegno psicologico e in una fase più motoria>

Possiamo dire che il centro Rifit è davvero adatto a qualunque fascia d’età e che inoltre favorisce integrazione? <Sì, esatto. Infatti un altro nostro obiettivo è quello di creare relazioni interpersonali attraverso la formazione di piccoli gruppi di persone. Riteniamo che sia un fattore molto utile oltre che importante>

Insomma, il centro RiFit si può ritenere una risorsa importante all’interno del nostro quartiere. Un “fiore all’occhiello” che vale la pena sfruttare. E che viene di gran lunga incontro alle esigenze degli abitanti della zona. Finalmente possiamo dire di avere un qualcosa di nuovo ed innovativo a Pra’. Siete d’accordo?

Collegamento video Facebook presentazione RiFit)  https://fb.watch/99i85WwYDI/

3 Comments

  1. Una bella notizia. Intanto ringrazio Giorgio Bruzzone perché è sempre attento a quanto accade a Pra’ e ce lo riferisce con dovizia di particolari… Direi che una pronta risposta ad alcuni dei desideri espressi dai giovani, intervistati qualche tempo fa proprio dallo stesso Giorgio, sia già attivata. Questo nuovo Centro che accomuna corpo e mente, fitness e riabilitazione, si propone proprio come un luogo e un tempo per riprendere in mano la propria vita e proseguire con rinnovato vigore. Mi piace molto questo approccio olistico, una attenzione ad ogni PERSONA, unica e irripetibile, per aiutarla a trarre da sé quelle energie che consentono di vivere in pienezza il proprio tempo. Ottima iniziativa, l’ennesima direi della “nostra” GIOSTRA DELLA FANTASIA… Una importante realtà nell’ambito dell’Associazionismo e della Cooperazione sociale. Bravissimi…

  2. Come caporedattore di Supratutto, sono felice di aver inserito Giorgio nella Redazione, chi ci legge fedelmente avrà certo notato la sua competenza sportiva, ed il modo piacevole di scrivere i suoi articoli…accurato ma scorrevole. bravo Giorgio, bella intervista ed un plauso sincero ai promotori del Refit…corpo, psiche ed alimentazione sono un tutt’uno per la nostra salute e certo mancava un servizio cosi, dall’ approccio olistico.
    La Giostra della Fantasia espande positivamente la sua influenza a Pra ‘!

  3. Grazie Elisa per avermi inviato questa notizia, che diffondero’…quando abitavo a Palmaro, per analoghe esigenze dovevo andare almeno a Sestri ed oltre, invece un servizio cosi’ e’ veramente un arricchimento per il quartiere,come anche tutta l’attività della Giostra,molto bravo il cronista Giorgio e complimenti a tutti per l’iniziativa.
    Mi auguro che decolli e prosperi alla grande!

Rispondi a Paola G. Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*