Infuocata assemblea pubblica a Pra’-Palmaro

Oltre un centinaio di cittadini nella chiesetta, determinati a perseguire il cambiamento per il sestiere

se vuoi ingrandire clic col dx e apri immagine in altra scheda

Elis@Provinciali –

E’ stata un’ occasione per confrontarsi, informare i cittadini ed avere un minimo di risposte dagli amministratori, anche se tali incontri devono diventare la consuetudine, da queste parti: troppe le criticità, vecchie e nuove, tanti gli attori coinvolti, di cui taluni disponibili ed altri sempre assenti. Con ordine, apre il pres.del Comitato Palmaro, Roberto Di Somma , che illustra lo stato delle cose, purtroppo peggiorato per la presenza del guasto fognario alle “Madonnette”, che ammorba le case vicine; per la minaccia incombente dei moltissimi sacchetti di detriti davanti le case, prodotti con gli scavi ferroviari; per il cantiere di posa binari che agisce senza alcuna protezione di fronte all’abitato, producendo in ogni orario rumori assordanti e nugoli di polvere. Problemi recenti, che si aggiungono ai vecchi,come la copertura autostradale, ulteriormente rimandata, ma dice Di Somma, la gente è davvero stufa, non si vede avanzamento

concreto, salvo piccole conquiste. Marina Marello segretaria del Comitato per quanto attiene il progetto nel lungo termine, asserisce che vi è in atto una sinergia col Consiglio di Comunità Praese, col quale si sono attivati vari tavoli, soprattutto per i rapporti col Sindaco, cui sono stati presentati schemi e rendering grafici per la riqualificazione a livello Aurelia, ideati e preparati dalla Fondazione Primavera, così come la visione Porto Isola e il prolungamento del canale di calma sono gli obiettivi di lungo periodo cui tendere. Si sono ottenuti attenzione ed interesse, va comunque portato avanti l’iter necessario ad inserire nel programma triennale del Comune. L’ing Seccia parla di centraline e insonorizzazioni, indispensabili: a livello asfalto, copertura autostradale, cavalcavia per l’imbocco del porto. Puntualizza che occorre, prima di ogni grande opera, progettare i corrispettivi aspetti di mitigazione, cosa che non venne fatta a suo tempo (a cui occorre rimediare ora). La dott.ssa Filiberti illustra alcuni dati relativi allo studio “Salute a Palmaro”: gli esiti non sono confortanti, trattasi comunque di risultati ufficiosi, in fase conclusiva verranno caricati sul sito di Regione Liguria. Il dott.Giuliani espone la propria esperienza di medico sul territorio, asserendo di aver riscontrato nei bambini patologie tipiche dell’adulto, e di aver molte volte chiesto appoggio ed attenzione, dichiara la propria contrarietà per l’inerzia dei governanti. L’assessore comunale Campora risulta molto colpito dalle istanze ascoltate, ed assicura che estenderà ai colleghi del Consiglio le problematiche subite da Prà-Palmaro, e nello specifico, il cantiere ferroviario sarà oggetto di particolare attenzione: se qualche direttore dei lavori è stato negligente, dovrà risponderne e rimediare. Il pres.te del Municipio, Claudio Chiarotti, dichiara le difficoltà a dialogare verso Tursi e gli intoppi istituzionali che subisce. Il dott.Filippo Parodi, direttore dell’8° distretto, assicura la propria disponibilità, per quanto riguarda la ricaduta sanitaria del porto di Prà.

 Da questa scarna cronaca, si può concludere che: a volte, viene veicolata un informazione ambigua, si fanno promesse da anni ma si continua a posticipare i provvedimenti, la popolazione del sestiere più sofferente di Pra’ è esasperata e pronta a dimostrazioni di protesta. Il Municipio non viene considerato come “voce dei cittadini”, quando sarebbe il primo soggetto idoneo a coordinare e portare avanti le esigenze di una buona vivibilità, di un decoro anche visivo, sempre più compromesso. Registriamo una folta presenza di esponenti partitici, a livello municipale, comunale e regionale, Alice Salvatore inizia un lungo intervento, rappresentando le difficoltà del suo gruppo, quale minoranza a, e trattando alcune considerazioni che però appaiono non calzanti al pubblico in sala, e viene vivacemente contestata, in fase finale il dibattito prende una dinamica abbastanza esasperata, perchè la gente rifiuta ormai le promesse da campagna elettorale permanente, il sestiere di Palmaro ha bisogno di AZIONI IMMEDIATE per contrastare il degrado che pare inarrestabile. Le polemiche politiche vengono accolte con fastidio,la gente sta lanciando un SOS, occorre una presa d’atto delle enormi cose da fare ” cosi’ si esprime Filippo Bruzzone, consigliere municipale di maggioranza.” Sto raccogliendo tutti gli atti su salute ed ambiente votati in consiglio municipale, insieme a queste proposte, da far pervenire al Presidente dell’Autorità Portuale Signorini, ed al delegato ai porti del comune, Maresca”. In conclusione, la presa d’atto non poteva essere più chiara ieri sera: la partecipazione è stata forte, ci si congeda aggiornandosi ai primi di settembre, ma qualcosa mi dice che se ne parlerà anche molto prima, perchè la misura è colma oltre ogni limite e gli ultimi accadimenti esprimono un’ escalation che definire preoccupante è semplicemente eufemistico.

13 Comments

  1. Il Comitato Palmaro in quest’anno e mezzo ha fatto tantissima strada e viene riconosciuto anch’esso come interlocutore dagli amministratori…pero’ il cammino è ANCORA LUNGO E TORTUOSO, OSTACOLATO DA MILLE INSIDIE MA LA GENTE LO SOSTIENE.
    Occorre pero’ capire che le battaglie vanno condivise, solo uniti si vince, e vanno valorizzati anche gli apporti come il CCP .
    Evitando di fare un confronto continuo sull’aspetto di Prà centro, ma dandosi da fare al max per estendere i POR anche a Palmaro, sino alla Verrina.

    • Trovo incredibile che siamo ancora al punto di partenza. Se ci sono problemi devono esserci soluzioni,costi quel che costi. È intollerabile che qualche migliaio di cittadini viva disagi continui o non si faccia nulla per alleviarli.occorre fare un piano preciso e sottoporlo a continuo,rigoroso controllo.

  2. Dettagliato ed esauriente resoconto di un’assemblea decisamente molto sentita dalla cittadinanza palmarese.Abbiamo dimostrato che ci siamo e vogliamo rispetto! Se per il tempo passato il silenzio da parte nostra è stato evidente, ora l’ aria è cambiata. Quando si supera livello di tolleranza consentito, e da noi si è superato alla grande, ci si deve aspettare che l’esasperazione dilaghi. Se non basteranno le parore, dovremo dimostrare il nostro enorme disagio con azioni disturbative. Speriamo che chi di dovere se ne convinca e cominci ad agire di conseguenza!!!!!

  3. Ennesima beffa per palmaro che viene messa da parte per chissà quali altri giochi di potere e interessi celati dietro la cortina del “lavoro necessario” . A nulla servono i pareri di competenti medici che ci fanno notare dove porta il degrado e lo abbiamo visto durante questi anni dove la lotta dei cittadini non è servita a niente. Ma palmaro non si arrende e la nostra voce sarà sempre più forte e saremo sempre vigili perché non ci bastano più le promesse vorremmo la concretezza e la loro realizzazione. Un ringraziamento a Elisa Provunciali che come sempre riesce a relazionare con estrema chiarezza ciò che succede veramente .

  4. Ero presente anche io all’infuocata Assemblea e ringrazio Elisa per essere riuscita a sintetizzare così bene le molte tematiche e gli input emersi durante il lungo dibattito: si sono superate abbondantemente le due ore e mezza, come ci ha fatto notare uno dei promotori e attivisti del Comitato. La mia impressione è stata che la consapevolezza delle problematiche è grande e che le Istituzioni ormai sono abbondantemente informate e devono soltanto iniziare a dare delle risposte efficaci. E’ assolutamente indispensabile che i vari Enti si confrontino e collaborino perchè le soluzioni si possono trovare solo in sinergia e facendo pressioni sul Convitato di Pietra e cioè RFI, da cui dipendono in buona parte. E’ ancora più importante che debba essere il Municipio il primo interlocutore dei vari Enti…o meglio…che i vari Enti DEVONO ASSOLUTAMENTE COINVOLGERE IL MUNICIPIO e non bypassarlo come hanno fatto ultimamente, perchè il Municipio è la vera espressione del territorio, in quanto eletto direttamente dal territorio stesso, e l’unico vero “esperto” dei problemi del territorio. Ciò detto, è emerso chiaramente che i cittadini non sono “manipolabili” dagli esponenti dei partiti e gli spot elettorali provocano solo un penoso effetto boomerang. Pra’-Palmaro vuole fatti e non parole, come ha detto chiaramente una signora intervenuta nel dibattito, che ha voluto ricordare al Sindaco che Genova non è solo il Centro città, ma anche il Ponente e che il Ponente vuole interventi che migliorino la vita degli abitanti e risolvano le pesanti criticità. Quindi andremo avanti tutti insieme, uniti per Pra’-Palmaro, supportati dal Municipio, perchè come ricorda Elisa solo uniti si può pensare di ottenere qualche risultato.

  5. Questa assemblea è stata importante per il nostro quartiere . Mi auguro che la vostra forza riesca a realizzare ciò che è stato esposto sopratutto per la salute del cittadino .

  6. L assemblea di venerdì correttamente descritta come infuocata, per il Sestriere di Palmaro é stato a mio parere un successo.
    Mi sento di ringraziare il Direttivo del Comitato e il suo Presidente per il lavoro svolto in questo anno e mezzo.
    Sono da ringraziare soprattutto per come hanno tenuto l assemblea stessa producendo registrazioni foto materiale che forse tanti di noi nn conoscevano o non immaginavano
    Seppure triste è stato molto interessante conoscere i dati statistici presentati dai due medici in sala.
    È proprio per la salute di tutti noi che dobbiamo ribellarci a questi MOSTRI.
    Abbiamo un ‘altra consapevolezza rispetto a chi,seppure con tenacia nel passato ha portato avanti tante battaglie in proposito.Non vogliamo le solite parole di circostanza.Ora solo fatti.
    Sono colei che è intervenuta in assemblea.
    Che il Sindaco abbracci la causa del ponente.Siamo stufi purtroppo di essere considerati cittadini di serie B,produciamo e paghiamo.
    Genova non è solo il Porto Antico,quattro fuochi d artificio,a noi del gelato gratis poco importa,noi non ci lamentiamo perché i gabbiani disturbano o perché disturbano coloro che ritirano il vetro(da lamentele cittadini zona Castelletto in Tv Colazione con il Sindaco)
    Ora tutti ci conoscono ed hanno capito che le nostre intenzioni e la nostra voglia di rivalsa sono molto serie.
    Il Municipio per primo deve tutelarci e farsi carico di un coinvolgimento a 360 gradi con le alte istituzioni
    In particolare PSA deve conoscere nel dettaglio la sofferenza che ha creato nel Sestriere che lo OSPITA.
    Grazie per l articolo molto dettagliato e preciso.
    Che tutti sappiano che Palmaro è INCAZZATA

  7. Elisa, come sempre efficace.
    Qui la situazione e’ pesantissima, la gente si sente presa in giro e sembra che tutto rimarrà com’e…

  8. Ciao, la situazione e’ chiaramente critica come Elisa ha ben descritto nell’ articolo molto dettagliato.
    Non sapevo di questa assemblea, mi e’ dispiaciuto non esserci, come presidente del
    SMS Pescatori e residente in via Branega!

  9. Grazie per quanto state facendo per il quartiere, per tutti noi.Spero che si realizzino al piu’ presto le promesse, siamo veramente oltre i limiti.
    Non c e’ rispetto per i cittadini.

  10. Non ho potuto essere presente e quindi ringrazio Elisa per il puntuale resoconto. Condivido che la situazione sia sempre più insostenibile e che ormai la questione si ponga in termini di doveroso riconoscimento della dignità delle persone. Il Comitato con il suo appassionato e prezioso lavoro sta facendo emergere le contraddizioni delle istituzioni e dei partiti, sia a livello municipale che comunale. Si dimostri subito un doveroso segno di attenzione ed ascolto attivando piccole cose concrete. Si renda pubblico un indirizzo di posta elettronica del comune o del municipio che riceva, risponda e prenda in carico le segnalazioni dei cittadini di Palmaro sul rumore delle navi, del porto, dei cantieri, sui cattivi odori insopportabili, sulla presenza di tutto quanto possa recare danno ai cittadini. Non vogliamo più che ci vengano a dire candidamente che non lo sapevano…

  11. Buon giorno a tutti direi che ieri sera la partecipazione è andata oltre alle aspettative, grazie a chi è intervenuto e ci scusiamo per chi è rimasto fuori , ma la chiesetta oltre 99 posti non può contenere , per le nuove norme di sicurezza .Bravissimi l’ unione fa la forza
    Sono intervenuti vari rappresentanti del Comune e del municipio le parole sono state tante e le promesse di più , è giunto il momento di scavalcare le promesse e passare ai fatti,ieri sera a parere mio si doveva più fare progettualità sui problemi del quartiere e non fare campagna elettorale, come hanno fatto alcuni politici che erano presenti alla riunione ,Ringrazio il nostro presidente Roberto Di Somma che ha illustrato le varie problematiche mettendoci il cuore , ringrazio l’ assessore Campora ,che su nostro ,invito ha focalizzaTo il problema, ringrazio l’ ingenier Seccia, che fa parte del noostro comitato che ha spiegato con parole semplici di come mitigare i rumori, con fattibilissimi proggetti . il comitato insieme alla cittadinanza deciderà le azioni da intraprendere, che man mano che decideremo verranno pubblicate e spalmate su tutto il nostro quartiere. ricordiamoci sempre che un proggetto Va messo nero su bianco, non vogliamo promesse ma fatti , grazie Elisa per il tuo dettagliato articolo .

Rispondi a Fabio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*