Inaugurato “Sulle Strade della Brigata”, percorso tematico sulla Resistenza a Pra’

#Luciano Bozzo

Sabato 28 aprile, in una bella mattinata di sole, l’A.N.P.I. di Genova-Pra’ ha inaugurato “Sulle strade della Brigata“, un percorso urbano tematico permanente tra i luoghi storici dell’Antifascismo e della Resistenza a Pra’. Questo percorso nasce da una brillante idea di Francesca Dagnino, già presidente dell’A.N.P.I. praese, quella di riscoprire, valorizzare e fare conoscere alcuni importanti aspetti ed episodi della nostra storia per quanto riguarda le fasi della lotta di opposizione al Fascismo e della Resistenza sul nostro territorio; l’idea è stata proseguita con grande impegno e portata a compimento da Alessandro Borghi, attuale presidente dell’associazione partigiana, con la collaborazione ed il patrocinio del Municipio VII Ponente.
Il percorso si sviluppa in 10 punti del nostro territorio e tocca i sestieri di Borgo Foce, Sapello e Cà Nuova; in ognuno di questi luoghi significativi è stata apposta una targa che reca interessanti informazioni su quanto avvenuto proprio lì nel periodo della nascita e della crescita dell’Antifascismo, negli anni Venti e Trenta del Novecento ed in quello successivo della Resistenza armata all’occupazione nazi-fascista, negli anni 1944 e 1945.
Il percorso tematico si snoda tra Villa Fiammetta, sede di un presidio di bersaglieri, che fu attaccata e conquistata dai partigiani nell’aprile del 1945, Villa Ratto ed il vicino palazzo municipale, l’attuale caserma dei Carabinieri di Piazza Sciesa, la vecchia “Trattoria Piemontese” in Via Pra’, il “Bar degli Illusi” in Via Airaghi, la “Trattoria Bellini” in Via Fusinato, il “Fossato” in Via Ramellina, la casa natale dei Fratelli Meldi in Vico Bignone. Ultima tappa, un pò più defilata rispetto a tutte le altre, è la batteria della Canneva, fortificazione militare sulla collina, oggi tra i moderni edifici di Cà Nuova, dove il 24 aprile 1945 le truppe tedesche e fasciste di Pra’ e di Voltri si arresero ai partigiani della brigata praese.

Ognuno di questi luoghi è stato teatro di riunioni e attività segrete di nuclei di antifascisti o di successive azioni militari partigiane come ben illustrato dalle targhe informative apposte dall’A.N.P.I. e come raccontato sabato mattina dallo stesso Borghi, nel corso della passeggiata con la quale si è ufficialmente inaugurato il percorso e si sono scoperte le targhe.

Borghi ha sottolineato che  <<La Resistenza a Pra’, non fu praticata solo da un gruppo ristretto di poche persone. La Brigata 334 Est Sap, che operò sul nostro territorio, nacque il 15 luglio del 1944 quando i partigiani praesi, che formavano allora un distaccamento della brigata 912 Antonio Gramsci di Pegli, crearono una brigata autonoma; la Brigata praese poteva contare su ben 4 distaccamenti, ognuno dei quali agiva su un diverso quadrante del nostro territorio, su un quinto distaccamento ausiliario e su un gruppo di armieri in appoggio alla Brigata; parliamo di almeno 200 persone, per lo più ventenni o anche più giovani, con la presenza anche di alcune ragazze impiegate prevalentemente come staffette, un ruolo molto delicato e pericoloso. Alle persone direttamente coinvolte nella Lotta di Liberazione bisogna poi ricordare anche tutti coloro che a vario titolo collaborarono ed aiutarono questi coraggiosi ragazzi che misero in gioco la loro vita per riconquistare la libertà ed un futuro degno di essere vissuto: dagli operai delle fabbriche del Ponente genovese che fornirono armi e munizioni, ai contadini che consentirono di nasconderle nei loro terreni, a coloro che offrirono ai partigiani viveri, aiuto logistico e protezione.>>

<<Si tratta di una meritoria iniziativa, volta al recupero della memoria dei fatti della Resistenza e della lotta partigiana anche nella nostra Delegazione, una riscoperta importante, una bella cosa da lasciare alle nuove ed alle future generazioni perchè non si dimentichi mai il contributo fondamentale che quei ragazzi di allora seppero dare per la libertà e la democrazia>> ha dichiarato il presidente e del Municipio VII Ponente Claudio Chiarotti, intervenuto alla cerimonia ed al percorso di inaugurazione.

In conclusione Borghi ha voluto ricordare che <<Questo percorso tematico va a completare quanto già fatto negli anni scorsi dall’A.N.P.I. per far conoscere e valorizzare i luoghi e le persone che diedero corpo e azione alla Resistenza a Pra’ e che ha portato all’intitolazione di strade, piazze e giardini pubblici ed alla posa di targhe informative dedicate alla Brigata 334, alle staffette ed ai combattenti partigiani Vittorina Adaglio, Vincenzina Bozzo, Antonietta Vignolo, Vera Parodi, Tina Bertolotto, Virginia Pagliazzo, Giuseppe Marchisio, ed ai nostri martiri Alfredo e Celso Meldi.  A ciò si aggiunge anche la targa che abbiamo apposto presso il vecchio deposito dell’A.M.G.A. a ricordo della nascita della sezione praese del Comitato di Liberazione Nazionale.>>

SuPra’Tutto, accogliendo in pieno la missione di dare spazio e divulgare aspetti importanti e significativi della nostra storia e della nostra cultura, dedicherà prossimi articoli ad approfondire gli avvenimenti e gli eventi che vengono oggi meritoriamente messi in luce dall’A.N.P.I. di Pra’ e portati a conoscenza di tutti direttamente sui luoghi in cui tali eventi si verificarono.

 

4 Comments

  1. Ancora più doveroso ricordare i martiri del degrado ambientale, le vittime del porto, i sudditi della politica incompetente. Molti di loro vivono tuttora nella delegazione di Pra’ e in tutti i suoi sestieri. I nomi?
    Basta consultare l’elenco del telefono
    Per loro nessuna medaglia alla memoria. Sei d’accordo Ariel?

  2. Altroché, Yuri…quelli li incontriamo quasi ogni giorno, chi e’ rimasto, riciclandosi in altri ruoli…chi ha potuto, se ne e’ andato, fuggendo dal degrado di cui è stato complice.
    Ma questa e’ un’altra storia.

  3. bello ma peccato che la scritta posta davanti alla stazione subito dopo la targa intitolata piazzale 334brigata è già rotta.
    Soltanto chi non ha rispetto per la memoria del passato non ha diritto a pensare per il futuro.

Rispondi a Yuri Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*