In Vico Bignone inaugurata dall’ANPI una targa a ricordo dei fratelli Alfredo e Celso Meldi.

Luciano Bozzo #

foto_targa
La Targa Commemorativa dei Fratelli Meldi

Sabato 5 luglio in una bella mattinata di sole l’ANPI di Pra’ ed il Municipio VII Ponente hanno inaugurato una targa a ricordo dei fratelli Alfredo e Celso Meldi, i due giovani partigiani praesi che tra il novembre ed il dicembre 1944 furono prima arrestati e poi trucidati dai nazifascisti in località Olivetta nei pressi di Portofino.
La targa è stata collocata giusto a metà di Vico Bignone nel centro storico del sestiere di Borgo Foce davanti alla casa dove i due partigiani della Brigata 334 vivevano e dove furono arrestati nella notte del 4 novembre 1944 per essere poi tradotti prima nel carcere di Marassi e quindi un mese dopo nella località rivierasca in cui andarono incontro alla fucilazione.  La targa è posta su di un piedistallo radente all’edificio all’incrocio tra Vico Bignone e un altro stretto vicolo ad esso perpendicolare, quello che fino a poco tempo fa si chiamava “Vico chiuso Moncastello”.  Sulla targa si può leggere la seguente scritta:
“Da questa casa la sera del 4 novembre 1944 i partigiani della 334a Brigata Est S.A.P.   ALFREDO E CELSO MELDI  furono prelevati dalle milizie fasciste e trucidati il 2 dicembre 1944 presso il Monte Olivetta a Portofino”.
Un nutrito gruppo di Praini di ogni età ha partecipato ad una breve ma molto sentita cerimonia di inaugurazione alla presenza di numerosi esponenti sia dell’ANPI (tra di loro anche la vice presidente provinciale Francesca Dagnino), che del Municipio.  Mauro Avvenente, Presidente del Municipio, ha voluto ricordare gli alti ideali di libertà e giustizia che mossero allora alla Resistenza i fratelli Meldi al pari di migliaia di partigiani Italiani; fu una lotta tremenda portata avanti da tantissimi ragazzi che pagarono con la vita la loro ribellione alla tirannide incarnata allora dal fascismo e dal nazismo ma il cui sacrificio ha fatto si che quegli alti valori potessero trovare poi il proprio compimento nella Costituzione della Repubblica Italiana.   Alessandro Borghi, vice Presidente dell’ANPI di Pra’ sottolinea l’importanza di questa targa fortemente voluta dall’ANPI: “Ora finalmente anche a Pra’ abbiamo un luogo dove ricordare i nostri martiri, un posto dove i nostri

Fratelli Meldi (1)

Alfredo e Celso Meldi

vecchi possono raccontare ai giovani la storia e la vicenda di Alfredo e Celso Meldi,  proprio nel punto dove i nostri due partigiani hanno vissuto e da dove ebbe inizio il loro tragico destino”.
L’inaugurazione si è conclusa con il saluto che le bandiere dell’ANPI, del Municipio e di alcuni partiti  hanno voluto tributare alla memoria dei due giovani eroi  praesi.
L’intenzione dell’ANPI di Pra’ è di proseguire in questa direzione collocando altre targhe nei vari luoghi del nostro paese che  in quegli anni videro svolgersi avvenimenti ed episodi legati in qualche modo alla Resistenza ed alla lotta contro il nazi-fascismo, fino a definire un vero e proprio percorso della storia e della memoria tra le vie ed i sestieri di Pra’; riuscire ad inaugurare questo percorso entro il 2015, nell’anno del settantesimo anniversario della Liberazione di Genova e del Nord Italia rivestirebbe evidentemente un forte valore simbolico e renderebbe  più facile il compito davvero importante  di riuscire a tramandare anche alle nuove generazioni il ricordo di quegli anni, di quelle lotte e dei valori che la Resistenza ha difeso, sostenuto e preservato.
Quella generazione, allora seppe lottare pagando spesso con la vita per salvaguardare ideali che hanno consentito alle generazioni successive di assaporare il piacere della libertà, della giustizia, della dignità umana, del progresso. La generazione di oggi ha il compito di mantenere e tramandare questi stessi valori alle generazioni che verranno insieme al ricordo ed alla gratitudine per chi, per difenderli, allora sacrificò la propria gioventù e la propria vita.
Nel nostro piccolo, abbiamo già scritto della vicenda di Alfredo e Celso Meldi in un articolo pubblicato nello scorso dicembre attingendo a varie fonti che si possono trovare in Internet.  Sabato 5 luglio invece ritornando per fotografare con calma la targa quando, circa un’ora dopo l’inaugurazione,  Vico Bignone era ritornato al suo abituale stato di quieta ,ombrosa e stretta via ricca di storia ma povera di passanti, subito alle spalle della assai più frequentata Via Fusinato, abbiamo avuto la fortuna di incontrare uno di quei “nostri vecchi” citati da Alessandro Borghi che furono testimoni di quelle ormai lontane vicende.  Il Signor Mingo nel 1944 era  un ragazzo ed era vicino di casa dei Meldi e grande amico dei due fratelli  allora un pò più grandi di lui (Alfredo aveva 21 anni e Celso 23) e non può dimenticare quella notte del 4 novembre quando intorno  all’una le camicie nere circondarono la casa e fecero irruzione nell’abitazione dei Meldi all’ultimo piano, nelle stanze le cui le finestre  danno sul retro dello stabile.  Il racconto del signor Mingo ci parla di un terzo fratello Meldi che riuscì ad evitare la cattura rimanendo incredibilmente nascosto sotto al letto, ci racconta della crudele insensibilità delle milizie fasciste di fronte al disperato tentativo della signora Meldi di salvare i propri figli, di un fucile nascosto sotto ad un campo dietro al caseggiato, di come i familiari tentassero poi invano di sapere qualcosa circa la destinazione dei due ragazzi e delle terribili torture che i due fratelli dovettero verosimilmente subire prima di essere uccisi all’Olivetta ma che non servirono tuttavia a farli parlare ed a far rivelare loro nomi e informazioni dei compagni di Brigata.
SuPra’tutto si ripromette prossimamente di intervistare il signor Mingo e di pubblicare il racconto della sua preziosa testimonianza, così come si ripromette di darvi informazione dei luoghi e degli eventi di quegli anni di guerra a Prà che l’ANPI vorrebbe ricordare istituendo il “Percorso della Resistenza” di cui abbiamo parlato prima.
Insomma SuPra’tutto cercherà di dare il suo piccolo contributo, in collaborazione con l’ANPI  per far conoscere questo piccolo grande patrimonio di luoghi, di fatti, di storie, di persone, di ideali, di atti eroici e di azioni crudeli che ha riempito gli anni della seconda guerra mondiale e della lotta di Resistenza nella nostra Delegazione, per raccoglierne e preservarne la memoria e per trasferirne la conoscenza alle prossime generazioni.

4 Comments

  1. Mi chiamo Alloisio Michele Marco e sono figlio di partigiano di sestri p. Esatto il commento del sig.francesco ferretto.
    certamente ne sarete a conoscenza,rendo noto che a sestri ponente esiste una via a nome dei due fratelli Meldi (via nella quale abito).
    Questa mattina ho avuto occasione di parlare con la figlia di un’altra vittima dell’olivetta:sig.ra Causa,la quale mi ha messo a conoscenza che sulla lapide,posta sugli scogli della spiaggia omonima,i nomi dei caduti non si riescono più a leggere. Sono disponibile a collaborare con chiunque voglia rimediare a tale inconveniente. In attesa di essere contattato,porgo cordiali saluti.
    Cell.: 3476426717

  2. Gentile signor Marco la ringraziamo per la sua segnalazione
    Abbiamo provveduto a comunicare il problema relativo
    alla lapide dell’Olivetta all’Anpi di Pra’ ed alla vice Presidente
    provinciale dell’Anpi Francesca Dagnino.
    Luciano Bozzo

  3. E’ poi stato fatto qualcosa per rimediare al negligente oblio?
    Questi nostri partigiani meritano rispetto anche ora, non devono essere dimenticati!!!!!!!!!!!!!

Rispondi a Alex Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*