Il suicidio di Pra’ Viva

Il Presidente di Pra' Viva, Pippo Tortomasi, nel corso dell'assemblea

Redazione-

Si è consumato, dopo lunga malattia, in modo triste e surreale, il suicidio di Pra’ Viva. Dopo anni di liti, diatribe e imbarazzanti vicissitudini, in occasione dell’assemblea tenutasi alle Palazzine del Remo la mattina del 2 giugno si è decretata la resa senza condizioni della storica associazione praese. La riunione si è tenuta secondo i rituali classici di Pra’ Viva: confusione ed approssimazione totale, impianto di amplificazione malfunzionante che rendeva impossibile ascoltare e seguire alla maggioranza degli intervenuti, grande vocio e brusio con capannelli di persone a parlare e a discutere tra di loro, urla, scontri verbali e bisticci tra coloro che hanno preso la parola e tra membri del direttivo e partecipanti, maggioranza assoluta di facce “foreste”, provenienti da fuori Pra’. In sintesi, l’assemblea ha approvato la “convenzione” che prevede la rinuncia alla concessione demaniale trentennale, sulla base dell’ennesima bozza di accordo con il Comune diffusa pochi giorni prima dell’assemblea, revisione in extremis di altri testi circolati a più riprese nelle scorse settimane. Inutile dire che la maggioranza dei soci che hanno votato quei testi non li hanno nemmeno potuti leggere ma, sempre nella maggioranza, hanno obbedito ciecamente agli ordini di scuderia ed hanno votato a favore. Ordini di scuderia che hanno ancora una volta privilegiato gli interessi personali dei detentori di posto barca, la maggior parte non di Pra’, che con tale accordo potranno mantenerli e sperare, se le cose non cambieranno, di continuare a fruire di prezzi e tariffe molto al di sotto della media di mercato, buttando nella spazzatura l’essenza della storica associazione praese, fondata e cresciuta sulla base di ben altri principi, quelli sociali della compensazione per Pra’ ed i suoi cittadini della perdita della spiaggia e della devastazione del suo litorale per la costruzione del Bacino Portuale di Pra’. Di fatto, con la firma della convenzione Comune – Pra’ Viva la stessa Pra’ Viva sarà svuotata, riducendosi ad organizzare eventi e manifestazioni sulla Fascia, peraltro con risorse finanziarie limitate e “dipendenti dall’approvazione del Bilancio Comunale”, mentre la concessione demaniale della Fascia passerà al Comune che stipulerà concessioni dirette con le singole associazioni. Nel testo non c’è alcuna traccia dei nobili motivi che hanno ispirato i Praesi nel fondare Pra’ Viva, e ancor prima il “Consorzio Pra’ Mare”, facendo sì che oggi esista una Fascia di Rispetto ed un Canale di Calma, non esistono facilitazioni ed agevolazioni di nessun genere per i cittadini residenti a Pra’, non esistono aiuti, priorità e garanzie per le associazioni sportive, non esistono neppure garanzie che Pra’ Viva svolga anche una seppur minima azione a beneficio del territorio e della gente di Pra’ che l’hanno generata. Impressionante è stata la frase di un tale che, nel corso dell’assemblea, ha preso la parola affermando: «cosa c’è poi di così strano ? Con questa convenzione le associazioni di Pra’ saranno trattate allo stesso modo di tutte le altre associazioni genovesi, da Voltri a Nervi». Peccato che a Voltri e a Nervi ci siano ancora spiaggia, scogliera e mare, a a Pra’ ci sia il porto, e che Pra’ Viva esistesse proprio per compensare e mitigare i disastri e gli scempi del recente passato. Certo è che se la massima espressione del “Pra’ Viva pensiero” è proprio quella esternata dal non meglio identificato signore, è tutto sommato comprensibile il commento dei pochi, delusi, membri praesi “pensanti” di Pra’ Viva, che circolava al termine dell’assemblea: «Se questa è la Pra’ Viva di oggi, meglio che non ci sia più una Pra’ Viva».

16 Comments

  1. Una pagina triste, l’ennesima, per una associazione nata con un intento nobile e virtuoso. Si è dimenticato in fretta delle lotte della cittadinanza, che scendeva in strada e raccoglieva firme negli anni 80 per strappare al riempimento un lembo di terra che potesse ridare dignità a un territorio orfano di un punto cardinale come il suo mare. Niente era scontato allora, ed è solo grazie a pochi visionari che non si sono mai arresi se si è arrivati a ottenere il campo da calcio, la piscina, il centro remiero col campo da regata e tutta la passeggiata ciclopedonale, laddove sarebbero dovuti sorgere banchine e container subito a ridosso della antica ferrovia. Purtroppo tutto questo è figlio del disinteresse della popolazione nei confronti della gestione della Fascia, inutile girarci intorno, visto e considerato che qualunque cittadino praese avrebbe potuto iscriversi e avere diritto di voto nella associazione. Quindi nessun golpe in atto, ma solo la volontà della maggioranza dei soci attuali, che buttano alle ortiche una realtà decennale in nome del presunto risparmio di qualche euro sulla quota posto barca. Non so se mi intristisce più questo ultimo fatto o la totale indifferenza di Pra’ e dei suoi rappresentanti in municipio.

  2. Il vero problema è stato, ma soprattutto in quest’ultimo periodo, la predominanza dell’interesse personale e/o individuale che hanno prevalso sui valori fondanti e fondamentali della stessa associazione.
    In questi trent’anni la Fascia di Rispetto è stata individuata come un posto unico a livello nazionale dove pubblico e privato coesistevano. Peccato perché il tutto era solo all’inizio di una vera gestione condivisa del territorio partendo dalle persone.

  3. Il vero problema è stato, ma soprattutto in quest’ultimo periodo, la predominanza dell’interesse personale e/o individuale che hanno prevalso sui valori fondanti e fondamentali della stessa associazione.
    In questi trent’anni la Fascia di Rispetto è stata individuata come un posto unico a livello nazionale dove pubblico e privato coesistevano. Peccato perché il tutto era solo all’inizio di una vera gestione condivisa del territorio partendo dalle persone.

  4. Balle
    In Prà Viva nessuno ha mai voluto i cittadini nè mai voluto la loro collaborazione Finchè c’era un appoggio da Tursi…
    Noi come comitato pree prà e anche io siamo entrati nel 2015 proprio per rafforzare lo spirito di vicinanza agli interessi di tutti e non solo di posti Barca e di associazioni ma non era ancora Tempo…
    Prà Viva aveva ciò che voleva …
    La partecipazione non era proprio una priorità…
    Ora Tursi è più lontana e adesso forse c’era bisogno di questo.
    Spiace ma la colpa è di chi ha gestito Questa associazione nata sicuramente con nobili intenti ma che col tempo si è trasformata in un club privè …
    Ora è troppo tardi per lamentarsi e arriveranno i privati a farci il Mazzo per colpa Solo Vostra.

  5. Sono d’accordo con Fabrizio. Pra’ Viva è stata usata da chi si sa bene come serbatoio di voti spacciando posti barca per voti e godendo dell’appoggio di certa parte politica. I praesi sono stati sempre tenuti bene alla larga perchè certe cosette si dovevano fare lontani da occhi indiscreti. Che l’ignobile Prà viva di oggi sparisca meglio che venga gente con dei soldi che migliori la fascia piuttosto che individui che se ne fregano di prà e vogliono solo conservare il privilegio del loro postuccio barca lowcost magari ottenuto di un voto o di una prebenda

  6. Massì che muoia PràViva e tutti i suoi filistei, omminicchi che hanno buttato via un patrimonio storico e sociale in cambio dei loro porci comodi alla faccia di Prà

  7. Il responsabile dello sfascio di pra’ viva, che viene da lontano, è chi (a prà si sa bene chi è) ha scritto uno statuto e deciso un modo gestionale aberranti che hanno consentito a gente di fuori di venire a fare i propri comodi a prà impossessandosi dell’associazione. Oramai non c’è più niente da fare, che il sindaco la spazzi via che è meglio anche per prà a questo punto. Estirpare il tumore pràviva farà bene a Prà.

  8. Che tristezza bisognerebbe che supratutto rendesse noti i nomi del consiglio direttivo di pràviva responsabile di questo scempio giusto per saperlo e ricordare

  9. Che PRA’ VIVA si tolga finalmente dai piedi e spazio alla fondazione e al consiglio di comunità anche in una fascia finalmente libera e aperta ai praesi

  10. Leggo parole a dir poco agghiaccianti di persone che probabilmente conosco una briciola di ciò che Praviva ha fatto in questi anni per Prà e per Genova…concordo che stiamo parlando di una Praviva diversa e che nulla da spartire con i principi fondanti di questa associazione che in 25 anni ha gestito una parte di territorio reso fruibile per tutta Genova senza gravare sulle spalle dei genovesi e dei praesi per nemmeno 1 euro. Purtroppo gli interessi di pochi hanno avuto il sopravvento e si è dilapidato un patrimonio cittadino ottenuto con fatica e lotte senza aver certezza di cosa ci sarà “dopo”, dimenticandosi che Praviva non è solo nautica da diporto ma è sport per centinaia di bambini del canottaggio, del calcio e del nuoto e pallanuoto , è una pista ciclabile, un parco pubblico, un ambulatorio di medicina dello sport e tante altre cose. Attendiamo con ansia di scoprire cosa sarà previsto per questa fetta di territorio genovese…

  11. Diciamo che Prà – viva o morta che sia – non merita niente perchè chi rovina il porto è il marinaio.
    E mai un proverbio è più giusto.Tutto il marcio si è concentrato qui e nessuno ha fatto niente per estirparlo.
    Ora è inutile tappullare con mattonelle e aiuole. Siamo fottuti forever.

  12. Penso che la sparizione di Prà Viva sia un ulteriore opportunità per Pra’ che non è più il posto spento di un tempo ma una realtà effervescente che sta migliorando giorno dopo giorno con tante opportunità. “Fottuti forever” sono i pessimisti che non se ne rendono conto, fortunatamente a Prà c’è tanta gente che si da da fare.

    • Infatti vediamo i risultati.
      Siamo la fogna di Genova, d’Italia e d’Europa.
      Vogliamo qualcosa di più?
      Ho fatto ho fatto ma non ho visto niente,come la brillantina Linetti, ricordi?

  13. PràViva è stata creata dai praesi per Pra’, finchè è stata una cosa praese è andata benissimo, quando si è imbastardita diventando una associazione generica pendendo gli ideali dei fondatori, che erano i praesi, ha perso la bussola e è andata allo sbando. Tutto qui. Pra’ ce la può fare e può diventare ancora migliore, anche senza PràViva.

  14. Prego gentilmente Caterina di parlare di fogne, se proprio ci tiene, in prima persona e di non insultare e lasciare stare Prà che è molto ma molto meglio di molti altri posti di Genova, Italia e Europa. Io sto con Prà e con Prà futura.

    • E io ti consiglio di passare dal nuovo negozio di ottica DOC e di comprarti un paio di occhiali. Così vedrai meglio lo sfacelo.
      Io sto con Prà del passato, quella che qualcuno ha cancellato per sempre.

Rispondi a Vittorio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*