Il sorriso di Katya

Guido Barbazza

Apprendiamo con sconcerto e tristezza la notizia del decesso, all’età di 55 anni, di Caterina Visora (Katya), contitolare, insieme al marito Corrado Ferrando, del popolare negozio di ferramenta-casalinghi-nautica Casa Viva di via Airaghi. Katya e Corrado rilevarono la storica attività praese delle “Candejaee” nel 1992, dovendo subito superare le difficoltà dell’alluvione del 1993, e grazie alla loro gentilezza, competenza, operosità l’hanno rilanciata facendolo diventare uno dei negozi più noti ed apprezzati di Pra’. Katya, nonostrante soffrisse da lungo tempo per una malattia degenerativa, con la forza del suo sorriso e del suo buon umore si è inserita alla perfezione nella comunità di Pra’, sostenendo le iniziative di cittadini e associazioni per migliorare Pra’. L’anno scorso è stata insignita della targa di “Attività Storica Praese” dalla FondAzione PRimA’vera. Numerose sono le attestazioni di stima e di affetto che stiamo registrando tramite SuPra’tutto. Riportiamo quella di Maria Luisa Decotto: «Katya è un esempio da ricordare e da seguire. Per come ha affrontato la sua malattia, per come affrontava tutte le difficoltà, sempre sorridente e di buon umore, per la sua disponibilità ad ascoltare e aiutare chiunque avesse bisogno, per la competenza e l’attenzione con cui svolgeva il suo lavoro e per come sapeva consigliare i suoi clienti. Un esempio di come si dovrebbero impostare le relazioni con gli altri. Ecco perché lascia un vuoto enorme in tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerla». Il sorriso di Katya purtroppo si è spento, ma resterà per sempre vivo e smagliante nei nostri cuori. I funerali si terranno sabato 1 Maggio p.v., alle ore 11, nel Santuario di N.S. dell’Acquasanta.

 

6 Comments

  1. Definirei Katia l’amica che non potrai mai dimenticare. Come è scritto nel testo il sorriso e l’attenzione verso l’altro era meraviglioso.

  2. Una bella persona, sempre positiva e competente, se non si trovava l’oggetto nel suo emporio aveva sempre una soluzione alternativa, illuminava via Airaghi, ci manchera’

  3. Siamo creature fragili e non abbiamo potere sul tempo. Conta come hai vissuto e quello che lasci nel cuore delle Genti, perchè questo è l’unico elemento che ti può proiettare nell ‘eternità.
    Il vecchio Simeone, quando Giuseppe e Maria portarono, per la prima volta il piccolo Bambino al Tempio, disse:
    …Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli, luce per illuminare le Genti e gloria del tuo popolo Israele.
    Siamo tutti servi inutili, non necessari, la prestazione personale non è quello che salva, bensì il bene e l’amore che siamo in grado di donare, le porte che siamo disponibili ad aprire, i ponti che riusciamo a costruire: queste saranno le tracce che rimarranno e che diranno del nostro passaggio.
    Vorrei riuscire a dire a Corrado quello che mi stritola il cuore, ma non riesco a verbalizzare sillaba per la commozione ed il pudore.
    Abbracciamoci stretti intorno a Corrado nel ricordo di Katia, che ha vissuto la salvezza e la gloria nel tempo che le è stato concesso.
    Un pensiero di tenerezza per te, Katia e . . . due stacchette..

  4. Katia era una di quelle persone che sin dalla prima volta che la incontri, ti sembra di conoscerla da sempre, forse perché ti trattava come se ti conoscesse da sempre, con il suo sorriso, la sua gentilezza, la battuta pronta, ti faceva sentire a tuo agio e di famiglia.
    La sua cortesia e la sua disponibilità era un esempio per tutti, so che Corrado continuerà come ha sempre fatto insieme a lei a portare avanti la loro filosofia.
    Ciao Katia non ti dimenticherò.
    Ilaria

Rispondi a Giuseppe curatolo Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*