Il praino di New York è ritornato a Pra’

Giuseppe Bruzzone

A primi di Marzo il praino di New York è ritornato a Pra’.  Il mio cugino Carlo Bruzzone ha chiuso il cerchio. Giovane praino a 20 anni nel 1950 spinto da curiosità e spirito di avventura lascia Prà, e inizia una storia da raccontare in un film. Prima uomo di mare, da giovanotto di coperta a commissario di bordo su navi da crociera, percorrendo rotte da New York ai Caraibi e suglioceani.  Poi sceso a terra, vive nella grande mela dove mette su famiglia, cresce tre figli che parlano un perfetto italiano, impiegato in una azienda genovese di spedizioni marittime; rileva poi l’ azienda, spedisce merci in tutto il mondo, Genova compresa, e poi ultimamente si fa da parte e lascia la conduzione dell’impresa ai figli. Nonostante la distanza è sempre stato legato a Pra’, e quando aveva incontri di lavoro in Italia vi ha sempre fatto tappa, per rivedere i genitori e parenti. Ho avuto modo di incontrarlo diverse volte: veniva in Italia coi nipoti con lo scopo di fare vedere loro le radici; una settimana in visita alle città d’Italia e poi una settimana in Genova e a Pra’ con visita alla casa avita, al cimitero, alla Madonna della Guardia e a comperare il basilico da coltivare nella sua serra d’ oltre oceano. Era intenzionato nel 2020 a ritornare in estate ancora una volta. Al telefono mi diceva “A saià l’ultima votta che vegnu, vogiu vedde e sfuffe (serre) de baxeicò di Bruzuin, anà a Madonna da Guardia e vedde u novu punte”. Ma il malo virus ha rotto i suoi piani, purtroppo ha dovuto rinunciare a malincuore, poi ad ottobre a 90 anni compiuti il cuore non ha più retto. Mi diceva ogni tanto nelle chiacchierate telefoniche (ogni due settimane) in perfetto genovese” Faiò cumme… Ma se ghe pensu”; Carlo voleva essere sepolto nel cimitero di Palmaro nella tomba famiglia. Finito il periodo di chiusura per il malo virus i figli hanno rispettato il suo desiderio e uno di loro, Vittorio ha trasvolato l’ Atlantico riportandolo alla sua amata Pra’. Espletate le pratiche burocratiche cimiteriali nella prima settimana di marzo Carlo è tornato assieme ai sui genitori e alla sorella: il viaggio si è proprio chiuso. Mi mancano le sue telefonate, per parlare in genovese (non aveva perso per niente la coccina) aspettavo vivamente la sua telefonata transatlantica. Peccato che non l’ ho potuto portare in visita alle serre del basilico sopra Pra’, ma sicuramente è su una nuvola piena di piantine verdi profumate che guarda il nuovo ponte. Alegri Carlo!!!

E allôa mi penso ancon de ritornâ
A pösâ e osse dove’hò mæ madonnâa”

2 Comments

  1. Che bella storia anche se finita in tristezza.
    Le mie sincere condoglianze. E bello e credo impossibile scordare le proprie radici. Un abbraccio

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*