Il porto si espanderà a levante. A Nervi porto petroli, terminal container e traghetti per l’Africa

La Pra’vda

La Pra’vda continua nella propria missione di dare finalmente voce ai tanti praesi che, per motivi anagrafici, hanno vissuto la bella Pra’ della spiaggia, dei pescatori, degli scaletti, dei bagnanti, e sono stati poi impotenti spettatori della sua sparizione, fagocitata dall’obbrobrio portuale. Quei bimbi e quelle bimbe, ragazzi e ragazze di allora, che non potevano certo imbracciare il mitragliatore o farsi esplodere per impedire lo scempio, hanno ancora intatta nella loro memoria la bellezza di ciò che era Pra’ e vogliono, ora che ne hanno l’opportunità, continuare a fare qualcosa di concreto per invertire il disastroso trend del passato, consolidare quello positivo degli ultimi anni, e costruire la Pra’ Futura, riappropriandosi della loro identità. Continuando a dire, in modo diretto e schietto, come la pensano. Se e quando necessario anche in stile ironico, caustico. Non è mai troppo tardi.

 

Ivan Denisoviĉ

La notizia, clamorosa, stava circolando da giorni tra gli addetti ai lavori e gli operatori della comunicazione: il poderoso porto di Gorski si espanderà a levante, andando ad interessare il litorale compreso tra Quartograd e Nervievka. Ancora nessuna dichiarazione ufficiale è trapelata dal palazzo del Presidente del Politburo Portuale di Gorski, Compagno Generale Signorinski, ma la velina rossa è oramai di dominio pubblico. Tutto era cominciato qualche giorno fa con le dichiarazioni di Umbertidev Rissomakki, Presidente di Konfindustriya Gorki, che aveva proposto di spostare a Pra’nski il porto petroli e, già che ci siamo, anche un altro terminal container. Notizie ufficiose pervenute da frange non ben precisate del CheGheBe ipotizzerebbero l’azione di squadre di infermieri dell’ospedale psichiatrico di Quartograd, riaperto alla bisogna dopo lungo letargo, che avrebbero prontamente agito munite di camicia di forza per ricondurre un individuo alla ragione. Ma poi un tale Direttore del Ministero Italiano per la Schiavitù e l’Evirazione dei propri cittadini aveva addirittura prospettato il raddoppio a mare del porto di Pra’nski, sempre con gli annessi accosti petrolchimici e di traghetti barbareschi, sperando di fare felice la popolazione di Pra’nski, dopo oltre cinquant’anni di svago e divertimento per la costruzione e l’operatività del porto e con la magica cementificazione delle loro colline, con le fantastiche “stiral’nyye maschiny” (o Lavatrici), dove un tempo i contadini raccoglievano le pregiate messi locali al suono della “balalaika”. A questo punto, però, è arrivata l’incomprensibile e masochistica reazione dei cittadini di Pra’nski che, dopo un iniziale scoramento caratterizzato da suicidi collettivi commessi all’interno della vetusta Pieve dell’Assunta, ha visto i cittadini uniti organizzarsi attorno al capopopolo Sacha Bignonev per proclamare la revolyutsiya di secessione da Gorski, per liberarsi di mezzo secolo di vita da schiavi delle colonie (o Gulag) che, secondo loro, ma il tutto smentito dal CheGheBe, ha visto la sparizione dei 34 stabilimenti balneari, dei 4 cantieri navali e delle 8 azienda di pesca professionistica locale per ritrovarsi la mostruosa e invasiva presenza del Bacino Portuale di Pra’nski, che nessuno di loro ha mai digerito. Ma a questo punto arriva il colpo di scena: i cittadini di Nervievka sono scesi in piazza per reclamare a gran voce che anche loro, finalmente, abbiano un bel porto industriale davanti alle finestre di casa, per colmare l’ingiustizia di mandare sempre porto, posti di lavoro e benessere a Pra’nski e, in generale, nel ponente di Gorski. A gran voce ripetevano le parole del Commissario del Popolo di Gorski: “stiamo pensando il porto del 2030, non si alzino barriere”, aggiungendo: “noi, cittadini di Nervievka, le barriere le abbattiamo e chiediamo il porto qui da noi”. E anche i 40.000 posti di lavoro, che Pra’nski ne ha già avuto più di 5.000 e naviga nell’oro. Il grande glottologo Oktrovennoye Bampinski, attraverso l’etere di Pervyy Canalski ha effettivamente rilevato che, sì, in effetti, la cosa è in linea con due antichi proverbi popolari di Gorski, applicabili per i cittadini di Pra’nski: “gh’emmo zà dæto” e “l’è façile strïsciâ in sciâ miägia o belin de l’ätro” ed ha posto il sigillo sulla decisione “coram populo” dei cittadini di Nervievka e anche di quelli di Quartograd che, urlando “e noi non siamo mica matti, dateci un po’ di porto anche a noi” hanno anche loro ottenuto questo privilegio. Travolti dall’entusiasmo anche i cittadini di Quintowski, ma il porto non porterà il loro nome perché a Gorski dare a porti e caselli il nome giusto è sempre stato molto difficile. I progettisti sono al lavoro anche per piazzare un altro bel terminal container gigante proprio di fronte alla Foce, servito dal “B.R.U.C.O.” il “Brignole Rail Underpass Container Operations”, con tunnel sotterraneo che porterà milioni di container direttamente alla Stazione Brignole, appunto, da dove verranno irradiati ogni dove. I cittadini di Nervievka e di Quartograd stanno già fondendo il bronzo per la statua equestre del loro beneamato Commissario del Popolo, che tanto onore portuale gli ha conferito. I cittadini di Pra’nski, sentitamente, ringraziano. Do svidanya, tovarich !

 

12 Comments

  1. Complimenti per l’esilarante trovata!!!
    Peccato che come si suol dire”si ride per non piangere” e noi di Pra’ ….di lacrime ne abbiamo già versate tante!!

  2. Questa idea terrificante di ampliare il Porto di Pra’ gravando NOI di nuovi pesi e pesanti servitù DEVE ESSERE BLOCCATO assolutamente e prontamente.
    Noi Praesi (e tutti coloro che abitano nelle vicinanze del porto di Pra’) abbiamo già sufficienti disagi…
    Camion che transitano continuamente e intasano le strade e autostrade, carri ferroviari che stridono giorno e notte (perché il trasporto tramite ferrovia NON È NÉ SILENZIOSO NÉ POCO IMPATTANTE…) fumo di gas di scarico, fumo delle navi (che non ci pensano neppure ad alimentarsi da terra…) rumori di lavorazioni varie e RUMORE BATTENTE dei generatori delle navi, di cui sopra…
    Non vi sembra che ce ne sia già a sufficienza?
    E “questi” se ne escono con queste trovate…
    Caro TOVARICH, ti ringrazio per l’ipotesi intrigante… Una piattaforma portuale galleggiante messa davanti a Nervi, Quarto, Bogliasco PERCHÉ È GIUSTO CHE ANCHE LORO possano GODERE PIENAMENTE degli innumerevoli vantaggi di cui abbiamo goduto e godiamo NOI!!!
    Tutti uguali!!!!

  3. Grande articolo, complimenti a Supratutto. Sacrosanto che se proprio si deve fare un nuovo porto (e non si deve fare) e devastare l’ambuente tocchi ora a chi non ha mai dovuto sacrificarsi e fa la bella vita mentre a Pra’ ci hanno massacrati. Pra’ prima del porto era bella almeno quanto Nervi se non di piu’. Giusto seppellire di risate proposte allucinanti fatte a tavolino da chi si trova a chilometri di distanza. Che se lo facciano davanti a casa loro il porto.

  4. Credo che con lo scherzo gli autori abbiano centrato il compito di avvertire le autorità interessate che a Pra’ siamo giunti a “tappo”. Tutto ciò che si dovrà fare sarà in termini migliorativi ai fini della vivibilità degli abitanti, dopo le troppe privazioni avute in tanti anni.

  5. Ricordo sempre la riunione al teatro Cargo, davanti a centinaia di cittadini, Paolo Emilio Signorini disse che avrebbe tenuto fede al patto stipulato da Merlo suo predecessore: “Nessuna aggiunta, aumento di superficie della piattaforma in qualsiasi direzione”.E allora, di cosa parliamo? la parola data e’ sacra, mantenerla e’ cio’ che rende un uomo degno di onore e rispetto. Ergo: manco uno spillo in piu’ a Pra’!

  6. Articolo super. Caustico. Quello che ci vuole per certi C. Che non hanno ancora capito che a Pra’ non potranno piu’ comandare a piacimento. Chi fa certe proposte, semplicemente, SI VERGOGNI

  7. Senza urla proteste o cortei ma con una satira acuta questo articolo ha tirato un silurone gigante a chi da anni trama nell’ombra per fare soldi sulla schiena dei praesi continuando a devastare l’ambiente. Che se ne stiano bene alla larga da Pra’.

  8. Che bello prendere atto che Pra’ ha il suo … Pasquino … l’ironia è la leggerezza dell’intelligenza … che se ce l’hai sei già un passo avanti … Sarà dura per tutti i … cardinali Rivarola …che pensano di poter mettere le mani su Pra’.

  9. Quello che è una “opportunità” a ponente, diventa una provocazione a levante?

    La città storica è rinata quando parte del suo porto antico è stato restituito alla città. Per rinascere il ponente ha bisogno di analoghe iniziative, no di certo di nuove ( quella in figura è l’ultima della serie) o vecchie opportunità , ( chimico) spostate, per” gioia” di chi le si ritrova,da una parte all’altra del ponente stesso.

Rispondi a Claudio Seccia Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*