Il ponte…”dei sospiri” a Pra’

Elis@Provinciali

Sospiri di rammarico, di sconcerto, anzi di vera e propria arrabbiatura per i praesi… Sta arrivando l’estate, siamo stati in casa un’altro inverno (chiuse palestre e piscine), con buona pace della raccomandazione salutare a praticare attività motoria…qualche passeggiata ce la siamo concessa, nei limiti dei nostri itinerari ed abitudini, ma vedere da vari giorni il ponte di legno sul torrente Branega che collega la fascia alla pista ciclopedonale, transennato e chiuso, ci aveva fatto ben sperare in un veloce rimedio al suo ammaloramento. Tuttavia i giorni sono passati, nulla si è mosso, intanto molte mail sono giunte a Supratutto, da cittadini giustamente amareggiati, per non dire altro, deploranti la situazione venutasi a creare, proprio quando iniziano ad allentarsi le misure restrittive per la pandemia. Occorreva fare chiarezza, direttamente dalla fonte: abbiamo pertanto scritto all’Assessore Comunale ai lavori pubblici, Pietro Picciocchi, per avere “…notizie aggiornate sul programma di rifacimento del ponticello chiuso al passaggio, ed in particolare se è prevista una soluzione sostitutiva e temporanea, per la durata dei lavori, che consenta ugualmente di raggiungere la pista ciclopedonale. Questa infatti è l’istanza giunta da più parti, poichè la cittadinanza , utilizzava intensamente tale percorso, dai più piccoli agli adulti, sportivi, o persone in cerca di una passeggiata agevole e piana, tra il verde ed il mare del Canale di calma. Riconosciamo il Suo interessamento alla nostra delegazione, fortemente penalizzata dalla piattaforma portuale: il parco Dapelo e la Fascia sono diventati importantissimi, direi vitali, per noi Praesi, speriamo sia possibile venire ulteriormente incontro alle esigenze dei cittadini”. Con apprezzabile tempismo, è giunta la risposta, tanto a noi che ai singoli lettori , ecco una sintesi: << Faremo ogni sforzo per accelerare il più possibile i lavori e ci scusiamo per il disagio. Siamo pronti ad intervenire ma, come sa, l’area non è di proprietà comunale bensì di Autorità di sistema portuale e siamo in attesa dell’autorizzazione alla demolizione che ho già sollecitato. Il costo dell’intervento a carico della civica amministrazione è di oltre 300 mila euro. Abbiamo verificato la possibilità di prevedere percorsi alternativi: non è possibile, purtroppo, il lavoro avrebbe la stessa durata di quello che dobbiamo realizzare e, soprattutto, postulerebbe l’occupazione di aree del demanio e di RFI che sono interdette per motivi di sicurezza. Quindi, pur comprendendo il grande disagio che state subendo e confermando il nostro impegno per accelerare il più possibile l’intervento, credo che la Comunità Praese, con la quale sono costantemente in contatto, potrà essere soddisfatta perché, dopo questo fastidioso stop, avrà finalmente un ponte sicuro e completamente a norma, così superando un’annosa vicenda.  Cordialmente Asse.re Picciocchi>>
Parallelamente, abbiamo appreso dal cons.re municipale Roberto Ferrando, che il Municipio unanime sta predisponendo un Consiglio per una mozione/interrogazione sull’argomento, caldeggiando l’ installazione di una passerella provvisoria, per superare l’impasse e consentire libertà di movimento sulla Fascia. Verremo aggiornati sui futuri sviluppi e ne daremo conto ai lettori, purtuttavia occorre considerare che il problema è reale e non eludibile, le motivazioni espresse dall’assessorato ai lavori sono del tutto fondate., le esigenze del territorio pure. Ma si confida che , da un’ efficace confronto e collaborazione tra istituzioni centrali e territoriali, possa venir fuori una sintesi positiva, con una proposta efficace. Così dovrebbe essere sempre, perchè se viene a mancare il coordinamento tra chi amministra il nostro territorio, a livello centrale e locale, ne viene a soffrire in primis il cittadino, la colletività. Sic stantibus rebus, auguriamoci il meglio per la nostra attività sportiva e ludica dell’estate, considerando anche le riaperture dell’Aquacenter, dei campi di calcetto, delle palestre, della pista di atletica di Levante, della vela, voga e pesca, del Parco Dapelo, ultimamente ben mantenuto da due nuove figure Aster dedicate, …e di potenziali nuove risorse sportive per tutti (presto ne parleremo!): Pra’Cittadella dello sport è pronta a farci vivere divertimento e relax.

 

4 Comments

  1. Mi viene in mente l’anno scorso e quest’anno si preannuncia la stessa situazione: dopo un inverno di chiusura, in cui era possibile intervenire sulle gallerie dell’A12 pericolanti, ecco che appena inizia l’estate si da’ il via ai lavori…e cosi’ code chilometriche, lavori in corso, blocchi e deviazioni, proprio quando la gente ricominciava ad uscire, nella stagione dei bagni al mare e del turismo!
    Per dire che a volte conta piu’ la tempistica della sostanza: il ponte chiuso adesso è un bel casotto, magari , iniziare i lavori prima non sarebbe stato male! vabbe’, amen, a questo punto…

  2. Buon giorno , l’anno scorso la storia era uguale io scrissi un commento ma venne tempestivamente cancellato .
    Quindi le cose andrebbero risolte anche quando non fanno pubblicità ma in questo mondo di finzione funziona così ormai chissà quando potremmo tornare a passeggiare li tranquilli hanno speso soldi per mettere gli alberi già morti l’erba nuova per coprire i container sempre più alti e chissà che veleni ci saranno sotto ma questa è in altra storia . Dare praticamente gratis un aerea così portuale e lasciarla nel degrado più totale non ha senso ti lascia senza parole anche perché dalla parte dei container si stanno allargando verso il mare anche se non sono autorizzati … e noi ci ritroviamo i cancelli chiusi e tutto molto ridicolo

  3. Beh, Ale, lo credo che ti bannano, se scrivi commenti che non c entrano con l’articolo!
    Ho fatto la fotografia della situazione relativamente al problema del Ponte sul Branega…se leggi regolarmente SuPra’tutto, vedrai che le criticità che menzioni, (alberature, dune, degrado), sono sempre trattate ampiamente, non possiamo parlare di tutto, insieme.!!!!
    E poi, un po’ di ottimismo non guasterebbe. ciao E.

  4. Una soluzione…creativa potrebbe essere un servizio di traghettaggio da una sponda all’altra con un barchino …perche’ no? A prezzi modici, magari qualcuno lo farebbe.

Rispondi a Bellicosa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*