Il pampano – Via Taggia

Antonella Freri

E’ molto semplice, guardi nell’obiettivo e scatti la foto, ma negli anni ‘70 le foto erano occasioni rare, i momenti delle nostra vita sono istantanee nella memoria, ma ciò che mi porta nella via Taggia di quegli anni sono gli odori, per ogni negozio, per ogni bottega si poteva ascoltare il suo odore, anche percorrendola ad occhi bendati si sapeva esattamente dove ci si trovava.

Via Taggia era illuminata dalle luci dei negozi, dai colori delle vetrine e dagli odori degli articoli in vendita, ricordo ancora passando davanti al bar Meda il profumo dei gelati, davanti al salumiere il profumo del prosciutto, il pane appena sfornato e questo connubio la rendeva viva, la si sentiva respirare.

In estate, nei giorni più caldi, dal mare arrivava profumo di salsedine, la mattina era colorata di giallo intenso e l’aria che arrivava dal nord portava una leggera brezza che ti entrava nei pori della pelle.

L’aria di via Taggia riempiva i polmoni, scompigliava i capelli, trascinava gli odori, li mescolava e creava il profumo della storia.

Alcune mattine il cigolio delle ruote del carretto avvisava dell’arrivo della signora che vendeva i pesci e il profumo del mare che evaporava dal pescato la notte precedente era odore di casa, era il marchio indelebile che noi appartenevamo a Pra’.

Se potessi dipingere via Taggia di quegli anni non basterebbero mille colori, nessun smartphone potrebbe regalare ciò che i miei sensi hanno percepito in quegli anni.

Dalla cima di via Taggia nelle mattine limpide di primavera si poteva scorgere la Corsica, lo sguardo si perdeva, non aveva limiti, si allungava fino a toccare l’orizzonte, quella linea netta che separava il cielo dal mare, le sfumature che il mare ci regalava, le nuvole che si plasmavano e lasciavano qualche scorcio di azzurro.

Via Taggia ha subito la metamorfosi del progresso, ha perso gli odori, ha perso le luci, resta il vento a ricordarci la stagione che passa, spegne le candele ravviva un incendio, un compagno, il respiro degli Dei.

6 Comments

  1. Bello, veritiero ,emozionante, solo quelli che hanno vissuto sulla propria pelle queste cose possono apprezzarne il ricordo. Per altri, potrebbe risultare difficile coglierne la bellezza profonda, pur trattandosi di cose semplici come un colore o un profumo…
    Brava.

  2. Frammenti di ricordi che condivido…non c’ è nulla di piu’ evocativo dell’odore, spara un flash diretto nella memoria,ed Antonella riesce a trasmetterci proprio questo, insieme alla struggente nostalgia di cio’ he non possiamo piu’ cosi’ avidamente respirare.

  3. Ricordo forte, mi piace! Non c’è nulla di più autentico delle emozioni vissute perchè si rivivono e si raccontano con sincerità.Il tuo racconto è impregnato di vita vera….E bella foto, quando ancora Via Taggia aveva le due corsie con lo spartitraffico….Brava!

  4. Quando scrivi quello che hai nel cuore
    È sempre una bella cosa è autentica è unica
    Quasi non si può giudicare
    Io la trovo fantastica
    Il mondo a volte Và avanti a volte no
    E spegne qualche luce

Rispondi a Fabio Gabutti Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*