Il pampano – Radio Special

 

Antonella Freri

Negli anni ‘70/’80 tutti potevano fare tutto, potevano creare, inventare, erano anni in cui le idee esplodevano. Si poteva mettere un ripetitore sul monte Fasce e si creava una radio. Fu cosi che la natura poliedrica della musica entrò in un piccolo magazzino di via Pra’ 109r, con pareti insonorizzate da portauovo in cartone, bancali di legno che improvvisavano una consolle, Pra’ suonava, dallo scranno dello speaker usciva la voce, il calore del vinile diffondeva le note, la rotella della sincronizzazione delle radio si posizionava sulla frequenza preferita quella di Radio Special, Pra’ suonava. Radio Special nasceva, dava a Pra’ il prestigio di essere fra le prime a diffondere nell’etere qualcosa di diverso, qualcosa di libero Da quel bugigattolo come un’onda del mare prorompeva, il suono si diffondeva nelle case, le radio si accendevano e come le note su di un pentagramma Pra’ suonava la sua storia. Un filo invisibile univa le case di Pra’, la musica legava le generazioni, le parole dello speaker giungevano nelle auto in sosta in attesa del bacio di un amore. I grandi network fagocitarono Radio Special, il piccolo locale che aveva vissuto tante nottate a respirare musica, che aveva ascoltato l’usura del disco preferito, vide anche la serranda abbassarsi per non riaprirsi più, ma certe emozioni non si spengono, non le puoi tacitare: Pra’ è anche questo, non ha avuto premi Nobel ma è sempre stata un passo avanti, nonostante gli sfregi, gli stupri, lei si solleva, guarda avanti, indossa il vestito della festa e si fa bella, non importa se la radio si è spenta, se le luci non la colorano più, Pra’ è sempre pronta a rimettersi in gioco, a creare nuovi spazi di idee. Pra’ e l’orgoglio praino che ti fa scrivere, che ti fa sentire la malinconia quando sei lontano, che ti ricorda chi era a far suonare quella radio, che ancora oggi riconosci, lo speaker di Radio Special, lo speaker degli anni ‘70.

2 Comments

  1. Un marinaio un pescatore uno che normalmente discende da una famiglia che vive attraverso il mare ha questo spirito di riscatto e di fierezza.
    La radio é sicuramente il simbolo della volontà di comunicazione e di coinvolgimento delle. Persone penso.sia questa la sostanza del.Praino la.voglia di comunicare e di affrontare il.futuro magari perdendo una parte di presente ..

    Sono d’accordo con la tua analisi e.complimenri per la.sensibilità che dimostri Antonella

  2. Emozionante…il periodo delle Radio “libere” e’ stata una parentesi di grande entusiasmo, emittenti nuove nascevano come funghi e comunicavano via etere musica ed idee, gli ascoltatori interagivano …”dedico questo brano a Francesco”…ecc ecc. Era come far parte di tante tribu’, ed il totem era la radio. Un pezzo del nostro passato, una narrazione evocativa.

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*