Il nuovo murales di Drina A12 e Giuliogol alla biblioteca Firpo

Luciano Bozzo

Un altro “pezzetto” di Pra’ si arricchisce della sapiente arte e della maestria del colore donati da Drina A12 e Giuliogol (al secolo Grazia Bongiorno e Giulio Centanaro) i due straordinari esponenti della street art genovese, famosi per avere impreziosito con i loro murales, sempre splendidi, diversi luoghi di Genova e della nostra Pra’ in particolare. E questa volta non si tratta certo di un “pezzetto”    qualunque del nostro territorio ad essere valorizzato dalla loro magica arte ma anzi di un angolo molto importante e ricco di storia e di significato attuale; parliamo infatti della facciata della Biblioteca Civica Edoardo Firpo nel sestiere di Pra’-Ca’ Nova. La biblioteca è oggi un essenziale punto di riferimento culturale e sociale del sestiere e di tutto il ponente genovese e trova spazio in quella che era l’antica “Casa Canneva”, o “Ca’ Nova”, una casa colonica ottocentesca, un tempo proprietà del barone Andrea Podestà e fino ad allora unico edificio di rilievo su queste colline, che ha poi finito per dare il nome a tutto il sestiere prima ancora di essere completamente rimodernata e trasformata nella sede della biblioteca. Dalla fine di gennaio l’intera parte alta della facciata della biblioteca che dà su via Martiri del Turchino mostra un nuovo mirabile lavoro dei due artisti: un bimbo siede su una pila di libri intento nella lettura. Intorno a lui tanti volumi trovano posto negli scaffali ed un cavallo a dondolo contribuisce a rendere più lieve la scena. Questo nuovo bellissimo dipinto rimanda quindi immediatamente alla funzione del palazzo dedicata ai libri, alla conservazione ed alla promozione del sapere come anche al gioco ed alla crescita dei ragazzi nel corpo e nella mente. E non è quindi un caso che da alcuni anni un’altra opera di Drina A12 e Giuliogol faccia già bella mostra di sè raffigurando alcuni volti di bambini su un’altra parete della stessa palazzina, quella posta sul vialetto che porta all’ingresso a ricordare la presenza, nella stessa struttura, del Centro Socio Educativo Zenit, un vero e proprio riferimento per gli adolescenti del Cep da un quarto di secolo; poco lontano poi un altro loro pregevole murales rende omaggio a Don Andrea Gallo nei pressi del Palacep, luogo simbolo di un quartiere che il Don ha spesso frequentato ed amato nei suoi ultimi anni. Ed anche Drina A12 e Giuliogol devono certo provare un particolare affetto, naturalmente ricambiato, o quantomeno una ampia benevolenza e favore nei confronti di Pra’ e dei suoi sestieri dal momento che hanno abbellito già diversi luoghi della nostra cittadina donando bellezza e allegria anche ad angoli e punti inizialmente un po’ anonimi o comunque ignorati dallo sguardo della gente così come a luoghi invece di grande importanza e centralità. Ne sono prova i loro murales che si possono ammirare nel sottopasso della stazione ferroviaria, sulla grande facciata del Centro Remiero, in vico dei Savignone o ancora all’interno del Cinema Palmaro.

5 Comments

  1. Un dipinto di grande fascino. Un mirabile equilibrio tra realtà e sogno, tra passato e presente, un simbolismo sapiente capace di comunicare e suscitare emozioni.
    Siamo davvero fortunati ad avere questi artisti: mi rendo conto che passa più volentieri là dove posso ammirare la loro arte: in vico dei Savignone, in via Fusinato, all’ingresso della Nuova Stazione…
    Ho notato anche che tutti hanno grande rispetto per le loro opere e nessuno si azzarda a sciuparle. Una ragione di più per invitare questi nostri artisti ad abbellire tanti e tanti luoghi di Pra’…

  2. La casa Canneva è stata la casa dei miei nonni e lì è nata mia mamma…
    Sono veramente commosso e, sinceramente, non riesco a trovare parole adeguate per esprimere il mio grazie a Giuliogol e Drina A12 per aver donato a Pra’ questa meravigliosa opera d’arte e per averlo fatto arricchendo ulteriormente questo edificio che tanto significa per me!

  3. Sono un’ ammiratrice fedele di questa coppia di visionari pittori, che sempre infondono in ogni loro creazione, oltre ad uno stile particolare, un’aura di “immaterialità” coniugata al reale: i personaggi raffigurati sono simboli, icone, nel quale riconoscersi. Bravi, Pra’ ospita molte lore opere , che valorizzano tanti scorci del paese e dei suoi edifici più rappresentativi: la stazione, l’ex lavatoio pubblico, la piscina.

Rispondi a Fabio Curro' Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*