“Il macchinista” di Guido Barbazza: emozioni ed avventure sopra e sotto coperta

Elisa Provinciali

L’ultima fatica letteraria del nostro scrittore praese esce in anteprima, perfetta strenna natalizia per un regalo azzeccato.

Dopo la parentesi giornalistica de”Il genovese volante”, i cui articoli , pubblicati sul “Secolo XIX ” sono stati raccolti nell’omonimo libro, presentato lo scorso mese a Palazzo Ducale,  questa volta ci troviamo di fronte ad un “classico d’avventura”, del tutto particolare quanto a stilemi e contenuti, che continua la serie ad alta tensione di intreccio, nell’ambiente marinaro, con un occhio di intenso affetto verso la natia Pra’.

Le conoscenze di Barbazza nell’ambiente storico ligure, nella cantieristica e nella tecnica navale sono impressionanti e fluiscono dalle pagine con naturalezza, perfettamente comprensibili al lettore, che in questo volume, si trova immerso nell’ambiente soffocante e fumoso delle sale macchine, tra stridio di bielle e pistoni, vapori incandescenti, fuliggine e miasmi di carburante. I macchinisti hanno un compito prezioso, dialogano con il motore, ma il loro lavoro e’ misconosciuto, perduti come sono negli antri della pancia della nave… Achille Carbone ha un passato che aggancia subito l’interesse, evocando avvenimenti imprevisti, rischi, incontri voluti dalla sorte, naufragi e perigliose navigazioni, sulla rotta per Capo Horn, l’estremo avamposto del mondo. Ad ogni capitolo, una sorpresa, un colpo di scena, un’ingegnosa trovata da mettere in atto per tirarsi fuori dai guai.

Il tema del viaggio, come metafora della vita che scorre e ci matura attraverso le esperienze più estreme, mostra come , da Pra’, questo giovane protagonista si trasformi pian piano in una leggenda, circondato da un alone di rispetto e mistero. E’ veramente esistito, l’Americano?

I personaggi del libro sono tratteggiati con maestria, hanno vigore, vividezza, par di vederli sbucare fuori dalle pagine…Le donne, cosa non rimarcata nei volumi precedenti, hanno ne ”Il macchinista” un ruolo di grande rilievo, c’e’ molta sensualità, passione, bellezza…Sara, Lidia, Pilar… e quest’aspetto rende la lettura gradita anche ad un pubblico femminile che magari potrebbe non apprezzare le numerose descrizioni, anche molto tecniche, delle sale motori…invece, alla base di tutto, c’è una storia d’Amore con la maiuscola, di quelle che superano ogni difficoltà, distanze sociali, continenti ed oceani.                                                       Si legge tutto d’un fiato, questo libro, è di quelli che non molleresti mai, vuoi andare avanti e scoprire cosa viene dopo. Trasportato dallo slancio del Velocifero, brigantino snello e veloce,varato a Pra’ in anni lontani, aggraziato come un gabbiano e potente come una procellaria che trasvola il mare in tempesta, tra creste bianche di spuma, su e giù dal cavo alla cresta dell’onda, come la vita, come il tempo che passa.

Per ingrandire clicca col dx: apri un’altra scheda

6 Comments

  1. Le premesse sin da queste righe di presentazione stuzzicano e non poco la lettura di questo libro e devo dire che avendo conosciuto e sentito parlare il suo autore, non ho dubbi che il libro risulti piacevole ed interessante alla lettura!!!

  2. Anche a me questa recensione stuzzica la voglia di leggere il libro,ne ho gia’ altri dell’autore, “Rewind”-“Il diavolo all’Acquasanta”- Salvate il generale”, e non ho dubbi che anche questo mi appassionera’!

  3. ho letto altri libri dell’autore e ne ho apprezzato gli argomenti originali e lo stle personale e scorrevole. la recensione di Elisa mi invoglia alla lettura ed ora che iniziano le vacanze e si dispone di maggior tempo libero, quale momento migliore?

Rispondi a Andrea Vella Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*