Il Donbass e “barba Giuvanni”

Giuseppe Bruzzone

In questi giorni assistiamo increduli a un evento che non pensavamo accadesse: una guerra in piena Europa a tre ore di volo da Genova Pra’. In Ucraina si combatte una guerra tra due popoli che sono cugini: i russi e gli ucraini. E’ inspiegabile, tutto questo è voluto da un solo uomo, con al fianco un gruppo di funzionari di fiducia, Vladimir Putin il 24 febbraio 2022 ha invaso la vicina nazione Ucraina con motivi assurdi, seminando dolori e disperazione.
Lugansk, Donetsk, Karkiv sono città della regione del Donbass in Ucraina al confine con la Russia.
Questa regione fu visitata suo malgrado da un mio caro familiare purtroppo non più presente. U barba (zio) Giuvanni u Ciantavigna nato nel 1916, partì dal vallone del Branega per il servizio di leva inquadrato nel III Reggimento Artiglieria a Cavallo. Il reggimento fu assegnato al Corpo di Spedizione Italiano in Russia.
P
artì dalla caserma Principe Amedeo in Milano nel luglio 1941, e ai primi di settembre prese posizione sul fiume Nipro (Dnepr) e poi sul Don. Questi posti mi hanno richiamato alla mente un episodio accaduto al barba che mi raccontò durante una gita annuale della Cooperativa Unione Agricola nel cremonese, visitando una azienda agricola produttrice di frumento. Queste piante lo fecero parlare. Di ritorno da un servizio di rifornimento a una batteria nelle retrovie del fronte sul fiume Don, era sul camion con altri due commilitoni, percorrevano una strada circondata ai due lati da campi di frumento pronti per la raccolta, improvvisamente furono attaccati con raffiche di mitragliatrice, fermato il camion si buttarono nella scarpata ed entrarono nel campo di frumento: spari e urla, erano partigiani  che attaccavano nelle retrovie gli invasori. Il campo fu il loro rifugio, ma non sapevamo dove andare, procedevano alla cieca si aprivano il cammino spostando gli steli del mais, con paura e terrore potevamo incontrare i partigiani sovietici da un momento all’altro, ma non fu così. Arrivò il buio e si fermarono a riposare sgranocchiando le pannocchie di mais mezze acerbe. La notte non fu per niente calma, veniva lacerata da raffiche di mitra e spari singoli accompagnati da urla. Al mattino mezzi storditi e impauriti ripresero a vagare nel mare di frumento finché udirono un rombo di motore in lontananza. Capirono che erano vicini a una strada, con timore si avvicinarono al bordo, per fortuna era un camion dei nostri, dei lancieri di Novara che si fermò e li portò in salvo al loro accampamento. Quei momenti non li dimenticò più Giovanni, per fortuna prese una febbre tifoide poco prima dell’inverno e ritornò in Italia su un treno ambulanza ricoverato poi in un ospedale militare. Si salvò perchè nell’ottobre 42 l’ Armata Rossa cominciò l’ avanzata contro gli eserciti nazifascisti, che terminò con la conquista di Berlino il 2 di maggio 1945. Il reggimento dello zio prese parte alla disastrosa ritirata che finì il 26 gennaio 1943 con la battaglia di Nikolaiewka dove fu rotto l’ accerchiamento. Le operazioni di rimpatrio si conclusero il 24 marzo, ponendo fine alle operazioni militari italiane in Unione Sovietica. Di 229 000 uomini mandati a combattere in Russia 26 690 furono rimpatriati perchè feriti o congelati. Dei superstiti solo 114 485 tornarono in patria attraversando il fronte russo a piedi, 10 030 prigionieri furono restituiti dall’Urss. Il totale delle perdite ammontò a 74 800 uomini. Una tragedia in bianco e nero, raccontata da diversi reduci sopravvissuti: l’alpino Giulio Bedeschi narrò, i fatti della spedizione italiana in Russia nel libro Centomila gavette di ghiaccio. Nuto Revelli ,alpino del Battaglione Tirano descrisse la battaglia, che raccontò, in La guerra dei poveri. Mario Rigoni Stern col romanzo Il sergente nella neve. E In Ritorno sul Don dove ritornò a visitare quei luoghi dopo circa trent’anni dalla prima volta in cui li aveva visti. Case, campi bruciati, donne, bambini in fuga, cadaveri abbandonati, le scene che vide barba Giuvanni le vediamo ora noi a colori in presa diretta, i suoi luoghi di allora sono ora teatro di una guerra catastrofica, tra due popoli fratelli con tanti punti in comune. Questo scontro non è circoscritto solo in quell’area europea, ha purtroppo dei risvolti negativi in ogni continente: crisi economiche, embarghi di ogni genere, carestie in aree povere stanno covando, con il rischio di una guerra nucleare. Peccato che il governante del popolo russo abbia dimenticato cosa compirono nel 1945; russi e ucraini insieme nell’ Armata Rossa con gli Alleati liberarono l’Europa dal giogo nazifascita, e ogni 9 maggio fino a pochi anni fa hanno sempre festeggiato la fine della seconda guerra mondiale, ritenuta l’ ultima.

Il cantautore Francesco Guccini la scriverebbe forse così:

…A Karkiv c’ era la neve, il fumo saliva lento

nel freddo giorno d’ inverno e adesso sono sgomento

A Donetz tante persone e un grande tormento

è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento

io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello,

e siamo a migliaia qui nelle macerie

ancora tuona il cannone, ancora non è contento di sangue la belva umana,

e ancora soffia il gelido vento

io chiedo quando sarà che l’uomo potrà imparare a vivere senza ammazzare

e il vento soffierà……

 

2 Comments

  1. Bella rievocazione…Giuseppe ci ha abituati a questi tuffi nel passato,a ricordi molto spesso comuni, ed ora che tutti stiamo soffrendo per questa guerra insensata, leggendo forse possiamo sollievo pensando che dai conflitti si esce, come lo zio di Giuseppe, perche’ la resistenza umana e’ potente, supera l’indicibile. Nello stesso tempo, impossibile non chiedersi perche’ lo stesso essere umano si arma contro il suo simile, “Sei ancora quello della pietra e della fionda, uomo del mio tempo”, scriveva il grande Salvatore Quasimodo, ed è davvero cosi’, ricadiamo da 3000 anni negli stessi errori. Grazie per farci riflettere , Giuseppe.

  2. Grazie Giuseppe per questo ricordo condiviso, per la ricostruzione storica e la conseguente riflessione. Anche a me oggi sembra una vera assurdità questa guerra (oops… Putin la definisce “operazione militare SPECIALE”…) Una assurdità soprattutto pensando ai morti di Covid e alla pandemia ancora non risolta. Speriamo e preghiamo… Niente altro noi possiamo fare…

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*