Il disastro Pra’ Viva continua. Ciclo-pedonale off-limits per i corridori

Antonella Freri

Niente da fare. I Praesi e i tanti sportivi che vengono dalle località limitrofe si possono scordare di fare una passeggiata o una corsetta sulla pista ciclo-pedonale della fascia di rispetto. Come nelle peggiori storie di incuria e degrado anche il ponte in legno che collega le due passeggiate a mare all’altezza della foce del Rio Branega ha dato forfait. Dopo un principio di incendio che ha minato la sua resistenza nel punto di attacco alla sponda Nord è stato messo fuori uso, nota bene dopo anni di incuria e di mancata manutenzione da parte di Pra’ Viva. Incauti fumatori o chissà chi danneggiano quello che di bello abbiamo e che chi dovrebbe manutenere non sa conservare nè riparare in tempi accettabili. Et voilà, il disservizio è servito ! Da quando per risarcire parzialmente Pra’ dei danni e degli ingenti oltraggi subiti per lo scempio perpetrato ai danni del territorio per la costruzione del Bacino Portuale di Pra’ sono stati realizzati la Fascia di Rispetto e il Parco Dapelo, il tempo si è fermato, tutto o quasi è restato cosi come quando è stato costruito. Forse per Pra’ Viva sulla Fascia il tempo non corrode le ringhiere, non consuma il legno. Dopo non aver fatto niente per anni e anni, la soluzione è ora quella classica, consolidata, comunal-municipale: “la cultura della transenna”. Invece di manutenzionare e riparare si mettono transenne, catene, nastri bianco-rossi e chi si è visto si è visto. Intanto, cosa importa a Pra’ Viva se gli amanti del “running” e del “fitness” non possono passare dall’altra parte del canale ? Niente, visto che negli ultimi anni si è completamente dimenticata della sua missione “di contropartita” ai Cittadini Praesi per la perdita della spiaggia, occupandosi solo di mantenere salvi i posti barca, peraltro in massima parte detenuti da “foresti”, a costi calmierati. Le transenne restano li, settimane, mesi, nessuno si cura di sistemare i deterioramenti provocati dal tempo ed ai Praesi non resta che scavalcarle rischiando di cadere e di farsi male, così in questo modo i danni saranno solo a carico dei malcapitati: un modo elegante per liberarsi dalla responsabilità, una sorta di liberatoria ponziopilatistica. Focalizzandosi sul ponte pedonale in oggetto: poverino, non ha mai avuto una ripulita, una carteggiata, né una mano di vernice, neanche un po’ di olio protettivo, mai un pezzo danneggiato o usurato è stato sostituito. Tutti sanno che la salsedine e gli agenti atmostefici usurano le strutture in legno, che devono quindi essere ciclicamente protette, ma Pra’ Viva evidentemente non ne è a conoscenza, ignora le semplici basi della fisica, della natura. E qualche giorno fa il triste epilogo: un “fuocherello” ha messo fine all’unico varco per accedere al lato mare: adesso cari Praesi, non vi lamentate, andate a fare jogging in mezzo alle auto, i bambini portateli a giocare altrove, non disturbate il Sindaco che ha di meglio a cui pensare, il Presidente del Municipio poi, oberato com’è a seguire problematiche di Pegli e di Voltri, e soprattutto non disturbate Pra’ Viva che deve sistemare le sue barche. I cittadini di Pra’, che in questi giorni scrivono a SuPra’tutto indignati, sono davvero stanchi. Stanchi di non avere risposte, di vedere le promesse non mantenute. Stanchi e disgustati dalle erbacce che invadono Fascia e POR, stanchi di un Comune e di un Municipio dalle prestazioni terzomondiali. E ora, pazientemente, da buoni cittadini praesi comprensivi e disciplinati, attendono che il ponte pedonale venga riparato e riaperto, con qualcuno «che faccia dei fatti e non tante parole per cercare di scaricare responsabilità e competenze su altri». Con l’occasione, c’è chi si augura «di vedere un nuovo direttivo di Pra’ Viva, finalmente all’altezza della situazione, che guardi meno alle barche e di più al benessere dei cittadini attraverso il mentenimento nel decoro, anzi, nell’eccellenza, degli spazi pubblici, attrezzature ed impianti della Fascia di Rispetto».

6 Comments

  1. Effettivamente la manutenzione alle opere date per contropartita lascia a desiderare anzi si puo dire che non esiste?
    Non solo il ponte, ma il Parco Dapelo .le erbacce ovunque, le scritte sui muri, il Branega soffocato dalle canne, le vie urbane sporche all inverosimile…spostandoci un po arriviamo a Villa de mari che se non fosse per i volontari sarebbe un delirio.le strade interne di Palmaro a mo’ di groviera…e si potrebbe continuare ad libitum….
    Sono stufs di abitare in un posto devastato e trascurato.

  2. L articolo è la fotografia di come la nostra delegazione,di come Pra-Palmaro siano totalmente abbandonate.
    Il sindaco?lasciamolo stare alle sue scivolate e ai suoi inglesismi…il municipio? Che posizioni prende?
    La fascia è da troppo tempo lasciata a se stessa.Mal curata sporca disordinata.Idem il parco Dapelo.Erbacce ovunque.Che senso ha mettere piante che devono essere curate,protette se poi ci ritroviamo foreste brutte a vedersi portatrici altresì di insetti.Condivido pienamente la “teoria della transenna e del nastrino bianco rosso”.Molto molto comodo.
    Chissà perché avendo l occasione di fare confronti con altre realtà,la nostra è forse la peggiore.Sono sempre stata legata al mio territorio ma oggettivamente mi sento di dire che stiamo vivendo, per i comodi altrui,nel BRUTTO.
    Il nostro Sestriere è stato vittima di un abuso e continua ad essere violentato,i cittadini nn stanno a guardare si stanno ribellando, ma stanno lottando contro MOSTRI a più teste.
    Speriamo di trovare la strada giusta per la vittoria.
    Palmaro?Nonostante i contatti Aster erbacce ovunque,strade pericolose,illuminazione pessima.I nostri VECCHIETTI,soprattutto con la brutta stagione,devono stare in case.Hanno paura di cadere.
    VERGOGNA.

  3. Ciao sono rita grasso hai ragione, nn voglio scoraggiarmi ma sto seriamente pensando di andarmene ma purtroppo mi toccano ancora un po di anni di lavoro, inizialmente volevo cambiare casa, ma più passa il tempo e più mi convinco che bisogna andarsene, spero di riuscirci

  4. Concordo con l ultima frase di Paola,. Ho avuto notizia che una signora in la con gli anni e caduta rovinpsamente in via de mari che e piena di crateri,ferendosi gravemente al viso
    ….era una maschera di sangue…e’ stata prontamente soccorsa ma davvero si vive male.
    Poco piu in la ho visto con i miei occhi un ragazzo di colore, peraltro dignitoso, frugare nei cassonetti con un apposito ferro ad uncino di notevoli dimensioni.
    Allora ho allu gato il passo verso casa perche non mi semtivo sicura….

  5. Cara Antonella, è molto triste assistere a tutto questo… Purtroppo Pra ‘Viva è stato svuotata di significato e di ruolo, mentre sarebbe stato necessario rivedere la sua veste giuridica e darle più potere. La gestione dell’intero complesso, banchina e approdi, spazi sportivi e verde, era stata pensata per rimanere un presidio praese, saldamente in mano ai cittadini di Pra’, e gestito in maniera solidale, affinché tutti potessero avere un po’ di beneficio… I pescatori e gli amanti del diporto avere un canone sociale e basso (non certo lo stesso degli altri approdi), le società sportive poter avere degli spazi dove fare sport e socialità, idem le altre Associazioni, e i cittadini tutti poter fruire di spazi verdi curati e gradevoli a parziale rinascimento di quanto sacrificato per la costruzione del porto e di quanto sopportato giorno e notte per le invadenti e importanti attività del porto stesso.
    Purtroppo l’egoismo miope ha prevalso e al grido di “ognun per sé ” è avvenuto lo svuotamento totale di Pra’Viva e le conseguenze che già vediamo… insieme ad altre che temo arriveranno. Per quanto i canoni rimarranno “sociali/solidali” se la solidarietà ormai non c’è più?
    Come sarà possibile mantenere curato il verde? E gli appetiti che molti hanno nei confronti degli spazi della Fascia di Rispetto? Praesi, svegliamoci….!!!

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*