Il Consiglio di Comunità Praese incontra il Sindaco Bucci – Si lavora per l’estensione del P.O.R. Pra’ Marina davanti a Pra’ Palmaro

Simulazione grafica della "Mini-fascia di Rispetto" davanti a Villa Podestà

#Luciano Bozzo

Martedi 31 luglio una delegazione del Consiglio di Comunità Praese e della FondAzione PRimA’vera ha incontrato a Palazzo Tursi il Sindaco di Genova Marco Bucci e l’Assessore comunale ai Lavori Pubblici Paolo Fanghella.
Della delegazione praese facevano parte in particolare e tra gli altri il presidente del Consiglio di Comunità e della FondAzione PRima’vera Niclo Calloni, il segretario del Consiglio (e presidente della Società di Mutuo Soccorso di Pra’) Alessio Ponte ed il presidente onorario della FondAzione PRimA’vera Guido Barbazza.
L’incontro ha avuto come tema principale la difficile situazione del sestiere di Pra’ Palmaro, dei sei sestieri praesi quello più impattato dalla vicinanza e dall’invasività del porto e delle altre infrastrutture che lo “cingono d’assedio” (ferrovia ed autostrada in primis). Il sestiere non gode nemmeno della presenza mitigatrice di una Fascia di Rispetto, di dune di protezione, di un canale ed è invece oppresso da rumore, inquinamento, TIR e container. Com’è noto, tre sono le fasi operative individuate dal Consiglio di Comunità Praese per provare a migliorare la situazione.
Nel Lungo periodo: porto isola staccato dall’abitato secondo le prospettive indicate dal Piano regolatore portuale con il prolungamento del Canale di Calma e della Fascia di Rispetto fino al confine con Voltri.
Nel Medio periodo: Progetto “Ridiamo il mare a Pra’ Palmaro”, con spostamento verso mare dei binari della ferrovia Genova-Ventimiglia a far spazio ad un’area con passeggiata ciclo pedonale, alberi e piccolo canale d’acqua corrente. L’intoppo qui sembra rappresentato dal ritardo di realizzazione del nuovo viadotto di collegamento tra uscita autostradale e porto che causerebbe il ritardo anche del successivo spostamento a mare dei binari.
Nel Breve Periodo: estendere le migliorie nell’arredo e nella sistemazione urbana introdotte dal P.O.R. con nuovi ed ampi marciapiedi in blocchetti di porfido, panchine, alberi, lampioni etc. anche nel lato monte di via Pra’ in tutto il tratto a ponente della rotonda Scoglio dell’Oca fino al Rio San Giuliano al confine con Voltri. Altro obiettivo a breve termine è rappresentato dall’installazione dei cartelli informativi sui monumenti storici di Pra’ già realizzati dalla FondAzione PRimA’vera e consegnati da tempo al Municipio.

L’incontro con il Sindaco si proponeva lo scopo di ottenere una proficua collaborazione ed un deciso impegno della Giunta comunale per provare a perseguire le strategie e le opere disegnate in queste tre fasi. Ed in effetti le risposte positive del Sindaco non sono mancate.
Se per l’obiettivo di medio termine dello spostamento a mare dei binari della ferrovia per far posto ad una zona cuscinetto di vivibilità davanti alle case di Palmaro, Bucci non si è voluto sbilanciare più di tanto, dicendo di voler prima vedere in dettaglio il progetto del nuovo nodo ferroviario di Genova nella zona interessata di Pra’ per approfondire la questione e vedere quali sono i margini di manovra, ha peraltro confermato di voler realizzare una passeggiata continua da Pegli fino a Vesima dando così seguito e concretezza all’idea della precedente Giunta sia comunale che municipale e confermando di fatto i contenuti del Piano Urbanistico Comunale, approvato pochi anni fa, che disegnano appunto un’area con passeggiata ciclo pedonale e verde a fianco della Via Aurelia anche per i sestieri di Palmaro e Cà Nuova. E del resto ricordiamo che anche l’assessore Fanghella aveva posto l’idea della passeggiata a mare lungo tutto il litorale del territorio del Municipio come uno dei punti qualificanti della propria campagna elettorale quando l’anno scorso si era presentato per concorrere alla carica di presidente del Municipio.

Simulazione grafica della “Mini-fascia di vivibilità” davanti a Villa Podestà

Il Sindaco è apparso molto interessato alla proposta di riqualificare il lato a monte di Via Pra’ nei sestieri di Palmaro e Cà Nuova, prolungando anche a ponente le migliorie introdotte dal P.O.R. ed ha chiesto all’assessore Fanghella una prossima valutazione di quanto queste opere potrebbero costare per poterle inserire nel prossimo piano di lavori triennali. Se a questo aggiungiamo la considerazione che anche il Municipio VII Ponente ha già in cantiere alcune iniziative che vanno nella stessa direzione, seppur limitate ad un solo tratto di Via Pra’ a Palmaro, l’auspicio è che con le maggiori risorse e possibilità che il Comune potrebbe mettere in campo e con una buona collaborazione tra Comune e Municipio si possa davvero riuscire a dare un aspetto più elegante e confortevole all’affaccio delle case ed ai marciapiedi sul lato nord della strada. Il Sindaco ha poi detto di voler risolvere quanto prima la questione della mancata installazione dei cartelli di indicazione dei monumenti ed ha confermato di voler investire notevolmente nel pieno ripristino e nella valorizzazione di Villa De Mari.

Per quanto riguarda il gravoso problema dell’inquinamento acustico e atmosferico creato dal porto è stato chiesto al Sindaco di rappresentare e tutelare al meglio i diritti e le legittime aspirazioni degli abitanti di Pra’ anche nei confronti dell’Autorità di Sistema Portuale che, nonostante le tante promesse ed i soldi stanziati, fino ad ora non ha ancora realizzato nulla di concreto per limitare l’impatto ambientale del porto e rispettare salute e diritti dei residenti di Pra’ (e del sestiere di Palmaro in particolare).

Viene poi confermato l’impegno della Giunta a creare un vero parco urbano sul lato mare del Canale di calma anche se le parole del Sindaco non nascondono certo tutte le difficoltà collegate a questa opera. Innanzitutto le resistenze da parte dell’Autorità di Sistema Portuale a concedere gli spazi necessari per poter estendere questo nuovo parco urbano fino alla punta estrema di levante del Canale ed al lato orientale della piattaforma portuale, anche se Bucci non dispera del tutto di poter avere anche su quel lato uno spazio per imbarcazioni a vela e da diporto.
C’è quindi l’ostacolo rappresentato dalla presenza dei container di Nuovo Borgo Terminal Container, un indubbio ostacolo per l’obiettivo di realizzare nel modo migliore quelle dune alberate che devono diventare parte del nuovo parco urbano ed importante elemento di protezione da rumori ed inquinamento atmosferico per i residenti ed i fruitori della Fascia di Rispetto.

Il Sindaco di Genova Marco Bucci


A tal proposito il Sindaco ha detto di avere ricevuto e letto le centinaia di e-mail che i cittadini di Pra’ gli hanno inviato seguendo l’idea e l’iniziativa di SuPra’Tutto e, chiedendo di non inviarne altre, fa sapere che sicuramente terrà conto delle loro e nostre motivazioni anche se non sarà semplice intervenire proficuamente nelle dinamiche che riguardano in primis l’Autorità portuale ed i diversi concessionari coinvolti per riuscire a spostare quei container in altre aree del porto.
Resta poi il problema della terra sequestrata nella parte centrale di quello che dovrebbe essere questo nuovo parco. L’Autorità di Sistema Portuale, secondo le parole del Dott. Giuseppe Canepa, vorrebbe solo coprirla con 30 cm di terra ed utilizzarla per il potenziamento delle dune alberate tra porto e Fascia di Rispetto; in realtà parliamo di terra inerte su cui non crescerebbe niente. Sull’argomento il Sindaco risponde dicendo che quel terreno non è comunque nocivo e che vorrebbe risparmiarsi volentieri 1 milione e mezzo di Euro, necessario per la sua rimozione; ritiene possibile, ad esempio, spalmarla e/o coprirla adeguatamente in modo tale da potervi erigere sopra le dune.

Quanto alla ex stazione ferroviaria di Pra’ Fanghella ha fatto sapere che i lavori per il recupero della parte esterna dell’edificio inizieranno tra settembre ed ottobre, rettificando peraltro quanto affermato dall’architetto Mirco Grassi solo una settimana prima (proprio a Pra’ nella riunione del Comitato di Monitoraggio sul P.O.R.) che prevedeva invece l’avvio dei lavori già nei primi giorni di agosto.
L’incontro si è concluso con la volontà espressa dal Sindaco di continuare a collaborare e lavorare insieme per la realizzazione, quanto meno, degli obiettivi a breve e medio termine appena illustrati in favore di Pra’ Palmaro, oltre che della valorizzazione di Villa De Mari, della realizzazione del nuovo parco urbano e del progetto del Water front praese di cui si era parlato nel precedente incontro del dicembre 2017. A tal fine il Sindaco ha individuato due Consiglieri delegati dal Comune come persone di contatto e di riferimento per il Consiglio di Comunità Praese su questi progetti ed ha invitato ad un prossimo incontro a settembre o ottobre di aggiornamento e verifica, si spera, degli eventuali progressi raggiunti.

8 Comments

  1. Ottimo articolo e bel contenuto: pare proprio che il nostro sindaco abbia accolto positivamente la DElegazIONE di CCP ed i progetti di Fondazione.
    Peraltro di gradimento anche nella precedenye
    Legislatura.
    Sono itempi che devono avere un impe.nnata perché specie a Palmaro, si soffre molto e per tanto tempo cisi è sentiti abbandonati.
    Aspettiamo le prime ruspe in azione o quel che sarà.

  2. Ottimo e chiarificante resoconto.L’impressione è decisamente positiva! ! Pare davvero che si sia preso atto dell’urgenza di agire finalmente per la riqualificazione del nostro territorio massacrato dalle tre realtà che conosciamo bene! Certo, purtroppo dovremo portare ancora tanta pazienza, sperando di poter vedere, relativamente a breve, prendere forma i progetti approvati! Aspettiamo l’inizio dei lavori. …

  3. Parole scritte sul ghiaccio? Quante ne abbia sentite……meno chiacchere e più fatti!!!! Dateci un segno concreto! cominciando immediatamente a fare qualcosa!sono 30 anni che sentiamo solo chiacchere, ed intanto hanno ridotto il territorio invivibile, dando piena libertà a terminalist,armatori, multinazionali di ridurlo come oggi è sotto gli occhi di tutti.vergogna! avete permesso di svalutare la nostra qualità di vita!!!!!

  4. Bello vedere il consiglio di comunità lavorare per il sestiere di Prà-Palmaro. E’ ora essenziale che i residenti di Palmaro, che sono praesi, sostengano il progetto e facciano di tutto per aiutare chi lo ha proposto e lo sta portando avanti. Continuare solo a mugugnare non ha mai portato e non porterà mai niente di buono agli abitanti del martoriato sestiere praese di Palmaro. Ora l’occasione c’è, bella chiara, a portata di mano, bisogna che i praesi e praini di Palmaro facciano unione fraterna con i compaesani praesi: l’unione fa la forza e porterà qualcosa di buono in zona, critiche, divisioni faranno il gioco di chi ha interesse a tenere lo status quo.

  5. Bah non riesco a capire come chi vive dove ci sono Via alla Chiesa di Pra’ o Via antica Romana di Pra’ possa dirsi “non di Prà” e non unirsi al consiglio di comunità praese per migliorare le cose. Sono sicura che finalmente i praesi inclusi quelli di Palmaro si riuniranno e continueranno a ottenere risultati per una migliore vivibilità e meno impatti del porto come già avvenuto nella parte centrale di Prà con il Por la Fascia eccetera

  6. Capisco l’amarezza del signor Savino io abitavo in via alla chiesa di prà prima che arrivava il maledetto porto e ho visto lo sfacelo della spiaggia ma non condivido il pessimista approccio alla notizia: ora se capisco bene c’è una grande occasione per migliorare accoglierla e lavorarci su non costa niente perchè sputarci sopra prima ancora di aver visto come va a finire? Finora la fondazione ha ottenuto e realizzato cose positive e importanti per prà io fossi in lui sarei contento di vedere che fondazione e consiglio praese hanno cominciato a occuparsi del sestiere di Palmaro, tutto quello che è stato fatto o non fatto finora da comitati locali del passato non ha portato granchè io penso è bello ora vedere il nuovo comitato di Palmaro lavorare con fondazione e consiglio praese ci vuole un pò di fede e voglia di lavorare insiema per tutta Prà a cominciare da Pra’-Palmaro. Scusatemi sono anziano ma ho sempre voglia di vedere prà rinascere

Rispondi a Rita Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*