Il Comune candida Pra’ per il Bando Inter-Ministeriale

Focus sui sestieri praesi di Palmaro e ca' nova

Guido Barbazza presenta il progetto Ridiamo il mare a Pra' - Palmaro

Luciano Bozzo

Lunedi 21 giugno, in modalità “Phygital”, dalle 18 alle 19, è stato presentato nella ex cappella di Villa de Mari a Pra’ – Palmaro il progetto di rigenerazione urbana a vantaggio dei due sestieri praesi di Palmaro e Ca’ Nova, con il quale il Comune di Genova partecipa al Bando Inter-Ministeriale PINQUA (Piano Innovativo Nazionale per la Qualità dell’Abitare). Il progetto è stato sviluppato dal Comune in collaborazione con la FondAzione PRimA’vera, che ha fatto da capofila del gruppo di lavoro costituito dall’Università degli Studi di Genova e dalle associazioni del territorio che partecipano al Tavolo Tecnico Pra’lmarium e che fanno parte del Consiglio di Comunità Praese e con il Municipio 7 Ponente . La presentazione è stata trasmessa in streaming sui siti web e facebook di SuPra’Tutto e, nonostante qualche problema di rete, è stata seguita da moltissime persone, che si sono sommate a quelle invitate per l’occasione a Villa de Mari: giornalisti, Consiglieri Municipali e rappresentanti delle associazioni e comitati del territorio. Si è trattato di un passo in avanti importantissimo per dare sollievo e risollevare una parte di Pra’ pesantemente impattata dalla vicinanza del Bacino Portuale di Pra’ e delle relative infrastutture ferroviarie ed autostradali che “strangolano” in particolare il sestiere di Pra’-Palmaro; un passo in avanti si spera decisivo per tradurre in realtà molti dei desiderata dei Praesi, dei residenti, delle associazioni locali e che porta verso uno sbocco positivo un buon numero degli obiettivi e delle proposte perseguite dal Tavolo Tecnico Pra’lmarium. Alla presentazione sono intervenuti gli assessori del Comune di Genova ai Lavori Pubblici Pietro Piciocchi, il Presidente dell’Autorità di sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale (AdSP) Paolo Emilio Signorini, il Presidente Onorario della FondAzione PRimA’vera Guido Barbazza, l’Assessore Comunale allo Sviluppo Economico Portuale e Logistico Francesco Maresca e il Presidente del Municipio VII Ponente Claudio Chiarotti. L’architetto Luca Patrone del Settore Progettazione del Comune di Genova ha illustrato i dettagli del Progetto PINQUA per Pra’, e l’ingegnere Fabio Currò dell’Università di Genova ha introdotto un videomessaggio della professoressa Francesca Pirlone.
Il progetto PINQUA per Pra’ si articola in 6 interventi:
1. “Nuovo parco urbano di Pra’-Palmaro” (a cura della Direzione Progettazione e Impiantistica Sportiva del Comune). La proposta di realizzazione del “Nuovo Parco Urbano Pra’ – Palmaro” è il risultato di un articolato processo di partecipazione che ha coinvolto l’Università degli Studi di Genova, la cittadinanza e le associazioni del territorio. Il progetto prevede la riconversione a uso urbano dell’area situata a valle della Via Aurelia, attualmente a destinazione ferroviaria. L’attuale progettazione riguarda per il momento solo una porzione dell’area ferroviaria di cui è prevista in futuro la dismissione – il tratto compreso tra il torrente Branega e via alle Sorgenti Solfuree – con una superficie complessiva di circa 9.600 mq. L’intervento è stato concepito come primo lotto di un futuro parco che si estenderà dalla nuova fermata ferroviaria di Pra’ – Palmaro fino al rio San Giuliano. Tema unificante del progetto è una lama d’acqua continua, che attraversa orizzontalmente l’intero futuro parco, concepito dalla FondAzione PRimA’vera come estensione a ponente del Parco Achille Dapelo e del POR Pra’ Marina. Ai lati della lama d’acqua si sviluppano i percorsi pedonali e la pista ciclabile, immersi in un’area verde che sul lato sud sale di quota con una lieve scarpata atta ad occultare le retrostanti ferrovie. L’intervento è subordinato al completamento di due importanti opere infrastrutturali: lo spostamento della linea ferroviaria Genova-Ventimiglia verso mare, nell’ambito del più ampio e complesso intervento di potenziamento del Nodo Ferroviario di Genova (opera a cura di RFI) e la preventiva risoluzione dell’interferenza rappresentata dal viadotto di connessione tra l’autostrada A10 e il Porto di Pra’, tramite la realizzazione di un nuovo viadotto (opera a cura di AdSP).
2. “Pedonalizzazione di un tratto di via N.S. Assunta” (a cura di Aster) e “Completamento della riqualificazione degli spazi pubblici del Centro Storico di Pra’-Palmaro” (a cura della Direzione Progettazione e Impiantistica Sportiva del Comune). Il progetto prevede la riqualificazione ai fini della pedonalizzazione del tratto di via Nostra Signora Assunta compreso tra l’incrocio con via Murtola e il sagrato della chiesa, con la realizzazione di nuova pavimentazione in lastre in pietra arenaria a finitura bocciardata. Tassello fondamentale nel processo di riqualificazione dell’area di Pra’-Palmaro è la valorizzazione dei percorsi storici del Centro Storico e il loro collegamento con il nuovo parco urbano previsto lungo l’Aurelia. Prevista la ripavimentazione di via N.S. Assunta, secondo la configurazione tipica delle creuse storiche, con mattonata centrale e aree laterali in pietra.
3. “Recupero di Villa de Mari per la realizzazione di alloggi di co-housing, spazi per eventi e la riqualificazione del parco pubblico” (a cura della Direzione Progettazione e Impiantistica Sportiva del Comune). Oggetto della progettazione è la riqualificazione dell’ala storica della Villa e il recupero di alcune parti del giardino pubblico, che necessitano di interventi di manutenzione, con l’obiettivo di rendere integralmente fruibile il complesso. È previsto anche l’inserimento di nuovi spazi per servizi aperti al territorio e di nuovi alloggi di co-housing, da destinarsi a giovani alla residenza temporanea e alle associazioni del territorio.
4. “Recupero di alloggi ERP di Via Novella” (a cura della Direzione Politiche della Casa del Comune). L’ambito di intervento è rappresentato dal Piano di Zona di Pra’- settore Palmaro 2, ed in particolare le vie Agostino Novella e Gaetano De Sanctis. Gli alloggi di proprietà comunale sono attualmente sfitti e necessitano di lavori di manutenzione edilizia e di adeguamento degli impianti sia a livello normativo, sia a livello tecnologico. Previsto il recupero di 35 alloggi, per una superficie di circa 2.230 mq.
5. “Riqualificazione di spazi pubblici a uso sportivo e riforestazione di aree boschive a margine del quartiere di edilizia sociale di Via Novella” (a cura della Direzione Progettazione e Impiantistica Sportiva del Comune). Il progetto riguarda la realizzazione di nuovi spazi sportivi e aggregativi nel contesto collinare del quartiere di edilizia residenziale pubblica di Via Novella. La proposta del nuovo parco aggregativo-sportivo, organizzato su due aree distinte e separate fisicamente dall’abitato, si confronta con la necessità di spazi pubblici di qualità che possano contribuire a migliorare la vivibilità del quartiere stesso. Sono previsti anche: un campo da basket e da pallavolo, spazi per parkour, un circuito sportivo cardio fitness immerso nel verde.
6. “Valorizzazione del sistema delle “creuse” e riqualificazione del parco pubblico delle Sorgenti Sulfuree” (a cura della Direzione Progettazione e Impiantistica Sportiva del Comune). Il progetto riguarda la riqualificazione del parco pubblico delle Sorgenti Sulfuree e del tratto di creuza che lo attraversa, con l’intento di innescare un processo virtuoso di valorizzazione delle connessioni pedonali con i quartieri residenziali collinari e di integrazione della comunità di collina nel processo di riqualificazione generale.

All’inizio della conferenza stampa di presentazione del progetto l’Assessore al Bilancio, ai Lavori Pubblici e Manutenzioni Pietro Piciocchi ha portato i saluti del Sindaco Marco Bucci, il quale ha seguito il progetto fin dall’inizio, lo ha fortemente voluto e incoraggiato. «Il piano PINQUA – ha spiegato l’assessore – costituisce un grande piano di rigenerazione urbana nazionale con un miliardo di euro complessivi che il Ministero delle Infrastrutture mette a disposizione. Si focalizza su rigenerazione urbana, qualità dell’abitare, ripensare ambienti e spazi di vivibilità. Il contesto di Pra’- Palmaro è particolarmente indicato, in quanto riguarda una realtà che ha subito e subisce pesanti servitù e che richiede un netto miglioramento della qualità del vivere per gli abitanti. Ogni grande Comune (paragonabile a Genova) poteva presentare fino ad un massimo di 3 progetti. Il Comune di Genova ne ha presentati due da 15 milioni di euro, uno per Pra’- Palmaro e uno per il Centro storico, ed uno da 100 milioni (con un progetto di fattibilità definitivo sempre per il Centro storico)». Uno dei presupposti su cui si basa il progetto di Pra’ è la realizzazione del nuovo viadotto di collegamento tra autostrada e terminal portuale a sostituire quello attuale a cui sta lavorando l’Autorità di Sistema Portuale e a seguire lo spostamento dei binari della ferrovia Genova-Ventimiglia ulteriormente a sud dell’Aurelia; al posto del sedime ferroviario verrà quindi realizzata la prosecuzione del Parco Urbano Achille Dapelo fino al confine con Voltri, man mano che nei prossimi anni RFI renderà disponibili gli spazi liberati dai binari; parliamo di un parco arricchito da una pista ciclo-pedonale, molte essenze arboree, la presenza dell’acqua, una lama d’acqua come elemento di riqualificazione. Questa la visione d’insieme per realizzare la quale non basteranno i 15 milioni del PINQUA, ci sarà bisogno di ulteriori finanziamenti che il Comune intende reperire. Il progetto prevede anche la riqualificazione dell’edificio e del parco di Villa de Mari, del centro storico del sestiere praese di Palmaro (a questo stanno già lavorando ASTER insieme a Comune e Municipio), un intervento in via Novella con l’allestimento di spazi sportivi e di socialità e il recupero di alloggi di edilizia popolare. Il progetto è quindi ampio e articolato; va dal recupero di spazi che provengono da aree industriali dismesse (in questo caso aree ferroviarie), al recupero di beni storici, alla riqualificazione dell’edilizia popolare.
E’ stato fatto poi un accordo di programma tra Comune, Autorità Portuale e RFI in cui ognuno si è assunto la propria responsabilità e deve fare la propria parte per realizzare un programma complessivo che prevede diversi anni di realizzazione e che porterà alla creazione di un’area cuscinetto di vivibilità e sostenibilità tra l’abitato e le ville storiche a nord e le infrastrutture ferroviarie e portuali a sud, lungo tutto l’asse dal torrente Branega al rio San Giuliano. Piciocchi si è detto assolutamente fiducioso sul fatto che questo progetto possa essere prescelto e premiato, (già a luglio si dovrebbe conoscere l’esito del concorso) ma quand’anche così non fosse si avrà comunque a disposizione un progetto pronto che il Comune potrà realizzare in lotti successivi e candidare ad altri finanziamenti, visto che ad esempio in ambito di Recovery Plan il Comune di Genova ha chiesto complessivamente 500 milioni per la riqualificazione urbana. Indipendentemente dal Bando PINQUA si arriverà a completare questo progetto fino ad arrivare al rio San Giuliano. Se l’attuale progetto sarà selezionato dal PINQUA, si realizzerà subito il progetto definitivo con il contributo di tutti (e Piciocchi ha ringraziato in particolare l’Università di Genova per il contributo fornito) con l’obiettivo di partire con la gara per l’assegnazione dei lavori già nel 2022. Il Comune crede molto in questo piano di rigenerazione per una parte della Delegazione di Pra’ che ha patito e continua a patire molto e il Consiglio Comunale ha inserito, su proposta della Giunta, questo progetto nel prossimo piano triennale dei lavori pubblici a dimostrazione della volontà di realizzarlo, iniziando in tempi brevi.
Il Presidente del Municipio Claudio Chiarotti ha ringraziato l’assessore Piciocchi per aver dato continuità amministrativa, continuando la riqualificazione di Pra’ già avviata negli anni scorsi dal Municipio insieme alla Civica Amministrazione e alle associazioni presenti sul territorio per rendere maggiormente sostenibile la difficile convivenza con il porto commerciale, trasferito qui alla fine del Novecento; un percorso lungo, partito con la creazione della Fascia di Rispetto e proseguito con la riqualificazione del litorale dei sestieri centrali e di levante di Pra’ grazie ai fondi europei del POR. Il progetto presentato oggi dà sollievo al disagio del sestiere di Pra’ – Palmaro e riprende anche l’idea originale presentata dall’architetto Milena Matteini per valorizzarne il centro storico, riqualifica Villa de Mari (un esempio tangibile di come i cittadini possano riappropriarsi di spazi comuni) e prosegue con la riqualificazione dell’edilizia popolare di Ca’ Nova.
E poi si risana il litorale unendo la passeggiata litoranea nel pezzo che manca tra Pra’ e Voltri. Rivolgendosi poi al Presidente di AdSP Signorini, lo ha esortato a non dimenticare che prima di arrivare a vedere realizzata questa importante opera di riqualificazione urbana c’è anche da affrontare il “durante”, che durerà alcuni anni, che vedrà i cantieri per lo spostamento del viadotto tra autostrada e porto e i lavori ferroviari e la cui durata dipende anche da RFI. Non bisogna abbassare la guardia e gestire questa fase che continuerà a essere di sofferenza, acuita anche dai problemi generati e non ancora risolti da Autostrade.
L’ingegner Guido Barbazza, Presidente Onorario della FondAzione PrimA’vera ha ricordato l’iter di questo visionario progetto, che è partito da un’idea lanciata nel 2010 dal giornale Il Praino come “Ridiamo il mare a Pra’ – Palmaro”. L’idea voleva riqualificare proprio questa parte di Pra’, stravolta dalla realizzazione del Terminal Container, proponendo la presenza dell’acqua come elemento di rigenerazione e collegamento simbolico al passato. Nel 2012 a sostegno di questa idea furono raccolte 1.200 firme; nel 2014 SuPra’Tutto e la FondAzione PRimA’vera ripresero questa visione portandola anche ad un tavolo condiviso di discussione con la Regione, l’Università, l’Autorità Portuale, le Ferrovie e la Civica Amministrazione (Comune e Municipio). Nel 2016 AdSP ha inserito nel Piano Regolatore Portuale proprio tale concetto di riqualificazione di questo lembo di territorio, abbinato allo spostamento della ferrovia. Nel 2017 e nel 2019 si sono tenute due conferenze pubbliche organizzate dalla FondAzione PRimA’vera a sostegno dell’idea e nel 2020 viene realizzato, sempre su iniziativa della FondAzione e grazie alla sponsorizzazione della Farmacia Palmaro, un concorso tra studenti universitari per disegnare dei possibili progetti per trasformare il sogno in realtà. Partendo proprio da questi 4 progetti in ambito Pra’lmarium è stata fatta una sintesi, consegnata all’Assessore Piciocchi, che l’ha recepita e rilanciata. Su di essa hanno lavorato gli Uffici tecnici di progettazione del Comune, per arrivare a quanto viene presentato oggi. Un bellissimo progetto che sarà realizzato e concretizzato indipendentemente dall’esito di questo bando. E’ molto importante riqualificare anche il centro storico di Pra’- Palmaro, che si sviluppa intorno ad una delle Pievi più antiche ed importanti di Genova, quella dell’Assunta, che aveva giurisdizione da Multedo fino a Cogoleto, Acquasanta inclusa, e Villa de Mari con elementi ed arredi urbani di pregio, degni della storia e della tradizione millenaria di questo angolo di Liguria. Guido Barbazza ha ringraziato tutti i cittadini che hanno contribuito ai lavori del Tavolo Tecnico per Pra’- Palmaro, in rappresentanza delle associazioni aderenti al Consiglio di Comunità Praese. L’architetto Luca Patrone, Direttore del Settore Progettazione e Impiantistica Sportiva del Comune di Genova ha illustrato le slide di presentazione del progetto complessivo, di cui si è occupato direttamente l’architetto Giacomo Gallarati. Questo progetto ha rappresentato una sfida difficile per gli Uffici di progettazione del Comune perchè bisognava concorrere a un bando che premia la complessità e la polifunzionalità dei progetti. Si parla di rigenerazione urbana in relazione alla creazione della passeggiata litoranea ma anche di miglioramento della qualità dell’abitare e di recupero del patrimonio storico con la riqualificazione di Villa de Mari e la ripavimentazione del borgo storico di Palmaro. Il tutto si articola su 6 parti progettuali (una delle quali portata avanti da Aster). La fascia litoranea viene disegnata a creare una barriera fisica tra l’abitato e le infrastrutture a sud ma anche a consentire la circolazione lungo degli assi viari (strada e ferrovia) chiari ed efficienti secondo una visione di mobilità sostenibile che rinuncia però al gigantismo viario disegnato negli anni precedenti che prevedeva una sorta di autostrada al posto di via Pra’. Nella parte più a levante si crea una zona a servizio della nuova fermata ferroviaria di Pra’- Palmaro con un sottopasso; subito a ponente si disegna una sorta di estensione a mare di Villa de Mari, con una lama d’acqua, non grande ma significativa per gli obiettivi di riqualificazione e rigenerazione urbana, locali commerciali e di ristorazione e soprattuto tanto verde a creare una barriera di mitigazione e protezione verso la ferrovia. Non si va a scavare sotto l’attuale massicciata ferroviaria per non accrescere troppo i costi ma si va anzi a salire di quota verso la ferrovia, spostata a mare, per meglio schermarla. La lama d’acqua avrà anche delle “zone pontate” con strutture in legno grazie alle quali si potrà passare da una parte all’altra. Elemento importante è il recupero e la ripavimentazione delle vie e delle creuse intorno al cimitero e alla chiesa dell’Assunta e davanti alla chiesa stessa. Una pavimentazione di pregio, con mattonata centrale e lastre di pietra arenaria ai lati a richiamare le antiche creuse genovesi. A Villa de Mari si opera con la risistemazione di parte del parco e il recupero dell’edificio storico, con la realizzazione di alloggi di co-housing e la riqualificazione dei saloni per eventi, attività, ricevimenti. Si passa poi alla riqualificazione della zona di via Novella a Pra’- Ca’ Nova con interventi di ripristino e manutenzione di una trentina di alloggi a cura dell’ente che gestisce l’edilizia popolare e la risistemazione di due spazi pubblici: a ponente un’area dedicata alla pratica sportiva per i giovani con un campetto polivalente e con attività sportive al contorno, ad esempio il parkour, e poi più a levante uno spazio giochi per bambini, fruibile anche dai più anziani. C’è ancora qualche problema di accessibilità da risolvere che verrà affrontato con il progetto definitivo; infine ci si occupa anche della riqualificazione dello spazio verde di via alle Sorgenti Sulfuree.
Paolo Emilio Signorini (Presidente di AdSP) ha ricordato come il porto abbia creato una grande servitù a Pra’ e come ci sia un forte bisogno di restituire un ambiente, un paesaggio di vivibilità che recuperi anche il rapporto con l’acqua e il mare. E anche sul sesto modulo del terrapieno portuale si sta ragionando in questa direzione perchè parliamo di un bel luogo che offre una splendida vista di tutta Pra’ e delle sue colline. «Voi siete da sempre gli abitanti di questi luoghi e anche l’intervento pubblico per essere più efficace, positivo e meglio accolto deve essere compartecipato anche con il contributo e le idee dei residenti» ha fatto notare; da qui la positiva collaborazione con la FondAzione PRimA’vera e le associazioni locali attraverso il Tavolo Tecnico Pra’lmarium, oltre che con il Municipio. Ha parlato di alcuni importanti interventi, primo fra tutti l’elettrificazione delle banchine: «Nel 2022 saremo in grado di allacciare le navi alle nuove banchine elettriche del porto di Pra’ e dobbiamo farlo perchè questo intervento serve ad abbattere l’inquinamento acustico e gassoso prodotto dalle navi». Non sarà facile convincere gli operatori e gli armatori ad adeguarsi ma andrà fatto. Poi lo spostamento del viadotto, della ferrovia e la creazione della fascia cuscinetto di verde e vivibilità che costituisce il cuore del progetto presentato oggi. Lo spostamento della ferrovia, come avvenuto anche in altri luoghi, serve a proprio a consentire di recuperare nuove aree vicine alle abitazioni a vantaggio della cittadinanza e questo sarà l’intervento più importante per restituire vivibilità al territorio di Pra’-Palmaro. Sullo spostamento del viadotto, passaggio preliminare per arrivare alla creazione di questi nuovi spazi fruibili per la città, ha raccolto le preoccupazioni del presidente del Municipio per l’impatto che avrà il cantiere che va compatibilizzato con le esigenze dei residenti e del territorio.
Francesco Maresca, Assessore allo Sviluppo Economico Portuale e Logistico del Comune di Genova, ha annunciato che con questo progetto si da il via ad un intervento molto importante per Pra’; si disegna il Waterfront di ponente, prolungando di fatto il Parco Achille Dapelo e la Fascia di Rispetto. O con i fondi PINQUA o con fondi europei o con altri finanziamenti questo progetto verrà trasformato in realtà. «Qui a Pra’ abbiamo trovato una comunità coesa, attiva e pronta a collaborare positivamente con la civica amministrazione; e qui abbiamo uno dei porti container più grandi ed importanti del Mediterraneo e grazie al Tavolo Tecnico Pra’lmarium stiamo adottato alcuni piccoli e grandi miglioramenti per i residenti; tra queste ad esempio le Dune di separazione tra porto e Fascia di Rispetto, con la collaborazione di AdSP, della Struttura Commissariale e di tutti i consiglieri comunali e municipali, al di là del confronto e talvolta anche degli screzi tra le diverse parti politiche».
L’ingegner Fabio Currò ha espresso la propria soddisfazione, in qualità di cittadino di Pra’, per aver contribuito alla nascita di un progetto così importante ed ha introdotto un video-messaggio della professoressa Francesca Pirlone del Dipartimento di Ingegneria Civie, Chimica e Ambientale (DICCA) dell’Università di Genova; con il DICCA la FondAzione PRimA’vera, il Consiglio di Comunità Praese e le associazioni locali che fanno capo al Tavolo Tecnico Pra’lmarium hanno avviato una stretta collaborazione che ha portato le professoresse Francesca Pirlone e Ilenia Spadaro a inserire uno studio di progettazione sul tema “Ridiamo il mare a Pra’-Palmaro” per la riqualificazione della fascia litoranea dei sestieri di Pra’- Palmaro e Pra’- Ca’ Nova nel programma del corso di “Tecnica Urbanistica e Laboratorio” impegnando su questo studio 4 diversi gruppi di studenti prossimi alla laurea. Nonostante la pandemia ed i problemi da essa generati gli studenti sono riusciti a realizzare 4 progetti e grazie alla sponsorizzazione della Farmacia Palmaro e dell’organizzazione della FondAzione PRimA’vera si sono premiati i progetti che hanno ottenuto maggiori apprezzamenti sia dalle associazioni di Pra’-Palmaro sia dai lettori del sito/giornale web SuPra’Tutto che hanno potuto esprimere le loro preferenze tramite votazione on-line. Nel videomessaggio la professoressa Pirlone si è detta molto soddisfatta del fatto che i 4 studi progettuali urbanistici effettuati dagli studenti siano stati presi in esame e considerati attentamente per arrivare alla progettazione poi realizzata dal Comune di Genova. Il contest che ha impegnato gli studenti del corso di Laurea in Architettura del DICCA è stato lanciato a marzo 2020 e i progetti sono stati fatti nel giro di pochi mesi pur non potendo effettuare tutti i sopralluoghi che sarebbero stati necessari. Tutti i progetti hanno un approccio che ha previsto una fase di analisi del territorio, dello stato attuale, delle potenzialità e dei limiti (secondo lo schema SWOT e PEST) per poi passare alla proposta progettuale che ha considerato come elementi centrali e qualificanti il rapporto con l’acqua, la vivibilità, la diversificazione degli ambienti, la qualità dei materiali impiegati, la sostenibilità energetica, i percorsi pedonali e ciclabili, l’attività sportiva e ricreativa. I progetti sono stati resi pubblici a partire da ottobre 2020 grazie al sito/giornale web SuPra’Tutto, presentati all’Assessore Maresca, resi nella disponibilità della Giunta Municipale, presentati alla cittadinanza in una videoconferenza aperta e infine sottoposti alla valutazione da parte sia delle associazioni di Pra’- Palmaro che dei lettori di SuPra’Tutto tra ottobre e dicembre 2020. Il contest si è concluso con la premiazione dei progetti che hanno ottenuto il maggiore gradimento. Quindi le fasi successive che abbiamo ricordato in precedenza e che hanno portato alla stesura del primo dei sei punti del progetto con il quale il Comune di Genova avvierà l’attesissima rigenerazione urbana in questa parte di Pra’. E’ interessante fare notare come ancora una volta l’Università di Genova diventi ispiratrice e protagonista del miglioramento e dell’evoluzione positiva del nostro territorio, in sinergia con l’impegno diretto dei cittadini e il lavoro della Civica amministrazione; proprio da una tesi di laurea di uno studente di Architettura dell’ateneo genovese negli anni ’80 nacque infatti la prima bozza del progetto che portò poi alla realizzazione della Fascia di Rispetto di Pra’, tenacemente voluta e portata avanti dalla popolazione e dalle associazioni praesi d’intesa con l’allora Circoscrizione di Pra’. E oggi si è compiuto un passo importante, probabilmente decisivo, per estendere a ponente quella stessa Fascia di Rispetto, o quanto meno per iniziare a farlo davvero.

4 Comments

  1. Amici lettori, spero possiate cogliere da questo dettagliato servizio di Luciano Bozzo, la portata epocale di quanto è stato annunciato dal Comune, e dai molti intervenuti: il territorio si TRASFORMERA’, sicuramente ci vorra’ tanto tempo, tantissima pazienza perchè il cantiere sarà infinito e disturbante, anzi, meglio prevedere fin da ora delle misure protettive per le abitazioni…ma poi, ragazzi, alla fine, cio’ che abbiamo sognato prefigurato e programmato da un decennio, finalmente PARTIRA’…guardate i rendering, non sono una meraviglia?
    SE penso che, gia sul “Praino”, sul quale scrivevo, appunto un decennio or sono, parlavamo di “ridare il mare a Pra’ Palmaro”, non posso che essere strafelice per tutto ciò che il futuro riserva al nostro paese.

  2. Grazie a Luciano Bozzo per questo report veramente chiaro e preciso che consente a chi legge di comprendere bene tutto ciò che è stato detto durante la Conferenza stampa. Io sono tornata a casa con una speranza in più: le Istituzioni si sono impegnate a portare a compimento questo importantissimo progetto per Palmaro e Ca’Nova!
    Altro motivo di speranza mi è stato suscitato dalla percezione chiara dell’attenzione verso i disagi che abbiamo sopportato e che sopportiamo insieme con la rassicurazione circa i tempi di completamento dell’elettrificazione delle banchine e l’impegno a trovare delle modalità affinché le navi si alimentino da terra. Terzo motivo aver sentito con le mie orecchie il Presidente dell’Autorita di Sistema Portuale parlare del “sesto modulo” cioè di quella zona che noi tutti vorremmo dedicata ai cittadini come ulteriore filtro tra noi e le attività del porto e come possibilità di usufruire della zona più bella e panoramica della piattaforma portuale.
    Certo ci vorrà del tempo per riuscire a vedere finalmente realizzato tutto questo e spero ardentemente di poter passeggiare lungo la lama d’acqua e lungo il sesto modulo.

  3. Una roba così’ a Pra’ la poteva organizzare solo la fondazione. Grazie, so che pensare di avere un canale e la passeggiata davanti all’Assunta e le ville sembra un sogno ma la fondazione ha dimostrato di fare succedere le cose sul serio quindi io ci credo eccome

  4. Finalmente Prà si occupa anche del suo pezzo di ponente spero che il quartiere di Palmaro capisca che questa è l’occasione della storia e dia una mano alla fondazione, coprendo le poche voci monotone dei soliti quattro che sanno solo criticare e mettere bastoni nelle ruote a quelli che cercano di fare qualcosa

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*