I ragazzi della Folgore

Folgore ragazzi 70/71

Giuseppe Bruzzone

Non sono i paracadutisti che resistettero eroicamente ad El Alamein o i giovani militari che si esercitano nei cieli di Pisa lanciandosi col paracadute per atterrare vicino a san Rossore, ma sono dei ragazzi di Pra’, giovani calciatori che con la maglia dal colore giallo verde calcavano i campi di calcio di Pra’ e dintorni. Ma che cos’ è la Folgore? Era la squadra di calcio dilettantistico espressione dei quartieri del levante praese. Il grande calcio in Pra’ era rappresentato dalla squadra dell’ Edera Pra’ fondata alla fine della seconda guerra mondiale nel 1945, squadra di matrice popolare laica. Ancora non c’erano campi di calcio negli anni 50, il Branega fu costruito negli anni 60, si giocava sulla spiaggia o in spiazzi ai margini delle abitazioni. A levante don Bruzzone, curato della parrocchia di San Rocco, con i ragazzi dell’ oratorio ricavò nell’ area dove ora sorge la nuova chiesa, un campo non tanto regolare con due porte in tubi di ferro. Il “campetto” era una chicca per quei tempi ruspanti, con tornei alla buona tra i rioni. Il prodromo dell’ inizio fu un torneo estivo nel 1962 , giocato sull’ altro campetto, quello di ponente, dove più tardi sorgeranno le scuole medie Assarotti. Il parroco don Pironi al grido “Che la Folgore folgori” sponsorizzò i suoi ragazzi dell’ Azione Cattolica con maglie bianco-gialle, ed essi vinsero il torneo. Il curato Guido Olivieri poi migliorò il campetto, facendo costruire un piccolo edificio ad uso spogliatoio. Con la 

Folgore 70

  partecipazione al torneo arcobaleno C.S.I nella primavera del 63 i ragazzini si fecero onore. Nell’ estate del 64 arrivò un giovane curato di campagna, don Giorgio Parodi da Langasco, amante del calcio, che ebbe un’ idea stramba: organizzò un torneo in notturna sul campetto con una illuminazione di fortuna, il pallone pitturato di bianco (non c’era ancora la pittura fluorescente ) e con una regola: il gioco di sponda, utilizzando i muri di cinta. Vinse la Folgore, e sull’ entusiasmo dell’ evento don Giorgio con i collaboratori Gaggero, Cazzullo e i fratelli Zuè ( del forno medesimo) iscrisse i ragazzi al campionato C.S.I. condotti da un triunvirato di allenatori di buona volontà. L’anno dopo arrivò un giovanotto, che era di Lunghelu: Giorgio Romeo il figlio della Felixina, bottegaia di via Ratto, miei vicini di ballou. Giorgio era un giovane studente liceale amante di calcio, con lui partì la vera squadra, organizzata in tutti i settori, aiutato dal fratello Lamberto. Fu un’ escalation di successi a ripetizione: primo posto al campionato regionale Acli, terzo posto alle finali nazionali di Trieste 64/65, secondo posto campionato Figc- Terza categoria e promozione in seconda categoria 65-66. La Folgore crebbe enormemente, fu modificato il nome: U.S. Pra’ Folgore, la maglia divenne giallo-verde. La sede di via Bozzellari fu lasciata, don Giorgio trovò una sede più grande nei locali dell’ Opera Pia confinanti col bar Bellotti. Fu aperto un baretto, nel giardino retrostante un campo da bocce, un terrazzo panoramico e sotto al pergolato, collocati

Vittoria 2-1 Folg -Edera

tavolini dove si giocava a carte, flipper, ping pong: per noi ragazzi era un Eldorado. I ragazzi della Folgore erano i miei amici e compagni di scuola, nati dal 1953 al 56. Io giocavo a calcio ma, mi arrangiavo; loro erano veramente bravi, giocavano nella squadra “allievi”, la squadra era forte, tutti ragazzi di Pra’ con Casarino in porta, in difesa Monteghirfo, Gigi Giordano arcigno stopper, Pinuccio Ferrando bella mezzala, figlio di una leggenda del calcio praese: il mitico allenatore Baciccia Ferrando a cui è intitolato lo stadio della Praese, e Giuseppe Marcolin , bel centravanti di manovra, tutti e tre di Lunghelu, poi Bozzo, Francia, Scarfì, Giolfo e Calcagno e c’ era anche l’ “oriundu” Filippo Valente, un’ ala funambolica  cresciuto a Pra’: era piacevole vederli giocare. Questa squadra vinse il campionato regionale allievi C. S. I. 70/71, vinse l’ interregionale battendo il Villar Perosa squadra satellite della Juve, così si qualificò alle finale di Montecatini. Noi ragazzi che frequentavamo la sede eravamo contenti; dei nostri amici andavano fuori a rappresentare Pra’: allora non c’erano i telefonini, così organizzammo una catena telefonica: Marcolin chiamava da Montecatini col telefono a gettone e raccontava la partita, da lì cominciava una cascata di telefonate così seguivamo le gesta dei nostri amici. Si fecero onore battendo diverse squadre, ma la corsa finì ai quarti: vennero fermati dalla squadra di Siracusa, che poi vinse la finale. Anche se non andarono in finale per noi era come se avessero vinto; fu una bellissima estate ricordando le gesta dei nostri amici, li paragonavamo all’ Italia seconda ai campionati del mondo di Messico 1970. Quasi tutti i componenti di quella squadra continuarono l’ attività, vennero promossi in prima squadra giocando nei campionati di prima e seconda e anche di promozione, militando anche nell’ altra squadra, l’ Edera Prà. Alcuni si dedicarono a crescere le giovani leve della Folgore. Un avvenimento storico per la prima squadra fu il campionato 71/72: le due squadre praesi militarono nello stesso girone di seconda categoria, con finale da thrilling, arrivarono allo spareggio per designare la vincitrice. Sul campo neutro di Multedo si svolse il derby; fu un evento quasi da campionato mondiale, mezza Pra’ si trasferì a Multedo. La vittoria arrise alla Folgore, allenata da Baciccia Ferrando che ironia della sorte era uno dei fondatori, allenatore e anima dell’Edera: vinse 2-0 il derby contro la sua squadra e diede la prima promozione della Folgore al torneo di categoria superiore. Dopo quella promozione ci furono anni buoni e meno buoni; la squadra retrocedeva e risaliva di categoria, sempre con lo spirito dilettantistico di fare sport, per il sociale. Vivendo come in una famiglia dalla categoria dei pulcini agli esordienti la Folgore sfornava bravi calciatori. Giorgio Romeo passò alla presidenza e vennero campionati con altri allenatori; due in particolare erano di Pra’. Negli anni 70 si distinse Giancarlo Stoppino che poi divenne allenatore della rappresentativa ligure. Negli anni 80 Gianni Minniti, gran giocatore che anticipò Mourinho, si può dire che fece un “triplete”: in tre anni la squadra passò tre categorie: la seconda, prima e poi in promozione, un record praticamente con gli stessi giocatori. Anche l’ altra squadre praese L’Edera Pra’- Palmaro faceva gli stessi percorsi altalenanti Il campo sportivo in terra battuta del Branega era la sede delle vicende delle due squadre. Le gradinate non erano tanto affollate ma il muretto sulla strada spesso era pieno di “portoghesi”. La gestione delle squadre, dai piccoli alla prima squadra con l’ andar del tempo era gravosa economicamente: manutenzione del campo, spese di servizi, trasferte, divise, sponsor difficili da trovare, erano e sono sempre problemi enormi per le squadre a livello dilettantistico. Intanto in Pra’ nasceva l’idea di costruire sulla fascia di rispetto un campo di calcio con spogliatoi e gradinate. I dirigenti delle due squadre così pensarono bene di unirsi, il 29 maggio 1991 nacque la Praese, Le due squadre portarono i loro colori unendoli in una maglia bellissima: il verde Edera e il giallo Folgore, con presidente Lamberto Romeo e i due presidenti onorari Baciccia Ferrando e don Giorgio Parodi, un po’ come

Edera 46-47

dire Peppone e don Camillo: Il nome completo è ASD Praese 1945; l’anno per ricordare le origini del vero calcio a Pra’. Dal 1991 la squadra ha militato discretamente con diverse promozioni in prima categoria e nel 2019 è salita alla categoria di Promozione, quindi gioca in ambito regionale. Le squadre minori sfornano giovani calciatori che alimentano la prima squadra e anche squadre del circondario. Sullo slancio del campionato nazionale femminile si è aperto anche un settore giovanile femminile che attira molte calciatrici. La scuola di calcio è gemellata e collabora con le squadre minori del Genoa che usano il campo Ferrando diversi giorni per gli allenamenti. Quando per le vie di Pra’ incrocio qualche componente del mio “Dream Team” mi scappa un sorriso: è passato un campione, che ha portato il nome di Pra’ fuori dalla Liguria e mi ha fatto sognare nell’ estate del “71”. Per la cronaca, a trent’anni dalla fondazione l’attuale vice presidente della Praese, Pinuccio Ferrando, è uno dei ragazzi della Folgore che porta avanti lo spirito del padre, il mitico Baciccia, che seduto su una bianca nuvola ,col Don e Giorgio Romeo discutono le strategie calcistiche praesi.

Folgore 70
Edera 59-60
Folla al Branega

6 Comments

  1. In quest’articolo c’è una grossa parte della vita della mia famiglia, essendo il figlio del “mitico” Baciccia fondatore dell’Edera Prà nel ’45 e il fratello di Pinuccio attuale vice presidente della Praese 1945, due persone legate alla storia del calcio dilettantistico di Prà.
    Ringrazio di cuore il Sig.Giuseppe Bruzzone per l’ottimo e preciso articolo e per le stupende foto.
    Roberto Ferrando

  2. Che splendido affresco di una storia gloriosa…e quanti volti conosciuti nelle belle foto… Un pezzo della storia del calcio praese… Mi ricordo benissimo il torneo in notturna sul “Campetto”, proprio dove adesso sorge la chiesa parrocchiale di N.Sdel Soccorso e San Rocco. Una bellissima esperienza per noi ragazzi e ragazze: i nostri amici a giocare e noi a fare il tifo. E che dire della “sontuosa” sede della Folgore? E di don Giorgio, amico e fratello maggiore per generazioni di giovani. Un sacerdote capace di leggere molto bene la realtà in divenire ed è stato grazie alla sua lungimiranza se abbiamo ottenuto una Fascia di Rispetto, perché aveva capito molto bene a quale devastazione andavamo incontro e cercò alleati (il primo fu Giuliano Boffardi) per ridurre il più possibile la vastità del danno. La Fascia significò anche un vero campo di calcio e la fusione delle due squadre storiche, diventate ADS PRAESE 1945, è davanti ai nostri occhi e offre una scuola calcio di prim’ordine per i nostri ragazzi. Ancora un ringraziamento speciale al nostro attento cronista storico, Giuseppe Bruzzone, che suscita in noi emozioni e sentimenti e apre una porta sul passato, una porta che consente anche a coloro che non hanno vissuto quella stagione di comprenderla e apprezzarla e di “leggere” meglio i motivi delle nostre “battaglie” per difendere e valorizzare la nostra Pra’… Grazie Giuseppe…

  3. Grazie Giuseppe e grazie a SUPRA’TUTTO per questo bellissimo articolo che mi fa rivivere tanti momenti bellissimi del mio passato. Momenti che ho ben custodito nel cuore compreso i grandi valori educativi che derivano dalla attività sportiva. Valori che mi sono stati trasmessi da tutte le persone che tu Giuseppe hai nominato nel tuo articolo e che cerco a mia volta di trasmettere a tutti i ragazzi della A.S.D. Praese 1945. Grazie. Un abbraccio

  4. Articolo ” storico ” di grande precisione,entusiasmante, nostalgico…dovete sapere che l ho tenuto in pausa, per pubblicarlo oggi, giorno del trionfo Azzurro, in sintonia col grande calcio giocato von passione. Ho rischiato un poco, ma dentro ol mio cuore ero certa di questa vittoria!
    Bravo Giuseppe come è più di sempre. Elisa / redazione

  5. Questo articolo mi è piaciuto molto, soprattutto perché mi ha fatto ricordare, anche con molta nostalgia, non lo nego, un periodo molto felice della mia vita di ragazzo, legata al calcio.
    Ho conosciuto sui campi l’Edera Pra’, la Pra’ Folgore, la Praese e l’Olimpic Pra’, ma ho sempre abitato in Oregina e ho conosciuto la storia di Edera e Folgore e le origini della Praese soltanto adesso, da questo bellissimo resoconto di Giuseppe B., collega (ormai ex) di lavoro e amico. Se mi è possibile, vorrei estendere i sentimenti e le sensazioni che si respirano in questo racconto a tutte le realtà dello sport dilettantistico.
    Sono dell’idea che proprio persone appassionate, capaci e volenterose, come quelle indicate in questo scritto, possono ancora dare un contributo speciale, interpretando lo sport nella sua pura essenza, di educazione per la vita. Ho conosciuto molte di queste persone nel calcio dilettantistico nel corso della mia attività prima di giocatore e poi di istruttore Scuola Calcio. Merito di questo articolo avere riacceso di esse in me il ricordo e di avermi dato coscienza, alle soglie dei 65 anni, di averne all’epoca non valutato appieno l’opera. Nel mio cuore rivedo quelle che sono già volate via…
    Per chiudere, due parole sul Branega, un campo che ho sempre amato da giocatore, sia perché essendo di dimensioni contenute, si era sempre in azione ma soprattutto perché avevo la sensazione che gli spettatori fossero in campo con noi e mi piaceva un sacco sentirne i commenti e avvertirne le emozioni.
    Grazie Pino e sinceri complimenti a te e alla redazione di SuPra’Tutto

  6. Un sentito e doveroso ringraziamento a Giuseppe Bruzzone per questo splendido e per certi aspetti commovente ‘amarcord’ delle squadre di calcio di Prà e Palmaro: la rievocazione così puntuale e circostanziata ha il pregio di un lungo filmato che evidenzia numerosi fermo -immagine.
    Chi ha vissuto quegli anni irripetibili vi ritrova i valori che animavano l’attività sportiva e la riempivano di motivazioni.
    Sono valori “forti” perchè radicano in un contesto dove famiglia, scuola, associazioni sportive promuovevano il piacere della pratica agonistica e il significato del ritrovarsi insieme, dare importanza alle iniziative che si costruivano per stare insieme, anche nelle rivalità di essere da una parte o dall’altra.
    Molti nomi citati ricordano volti di amici e compagni di scuola, poi ciascuno ha preso la sua strada ed alcuni sono andati a vivere altrove.
    Viene un momento nella vita in cui si vive anche di ricordi, oltre che delle doverose speranze che ci fanno sentire comunità.
    Anche nello sport Prà ha radici salde e lontane: un grazie sincero al caro Giuseppe Bruzzone che sta ricostruendo come in un mosaico – pezzo per pezzo- la storia della nostra adolescenza e della nostra vita.
    Un lavoro accurato e documentato che mi auguro posa un giorno, riunite le parti della lunga trama, dar luogo ad una pubblicazione che riassuma tutti gli aspetti e i contesti finora considerati e quelli che – ne sono certo- verranno.
    Scrivere è fondamentale affinchè la memoria conservi e tramandi i significati e i valori che abbiamo appreso strada facendo, fino a configurare una identità collettiva nella quale ciascuno ritrova una parte dei propri vissuti.
    Vorrei calorosamente incitare Giuseppe a continuare in questo lavoro di ricostruzione scritta e fotografica di un’epoca che possiamo facilmente rivivere nelle sue pagine affinchè nulla vada perduto.
    La cronaca e la storia – nel loro particolare – si mettono insieme così, con passione e tenacia che ci regalano un indicibile sentimento di appartenenza.
    Ringrazio di cuore

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*