Guido Barbazza Presidente: come ti realizzo un’utopia

Ernesto Soressi –

“Essere o non essere, questo è il dilemma. Se sia più nobile all’animo sopportare i sassi e i dardi dell’iniqua fortuna o prender l’armi e combattendo disperderli.” Le elezioni amministrative del 12 giungo 2022 a Genova hanno tenuto sulla corda i praesi e tutti gli abitanti della “Circoscrizione VII Ponente” per il ciclistico rush finale, testa a testa, tra Guido Barbazza, che, come indicano i dati del sito del Comune, si è aggiudicata la presidenza con 9403 voti e il Presidente uscente, Claudio Chiarotti, che ha ottenuto 9294 voti. Hanno seguito distanziati Sabrina Bergamini con 642 voti e Pasquale Asprea con 400 voti. La vittoria è stata di misura ma il risultato è di per sé assolutamente straordinario. Immaginiamo che per Barbazza, outsider, senza un partito anche se sostenuto dalla coalizione per Bucci Sindaco, senza esperienza di politica militante, non sia stata una decisione semplice quella di mettersi in gioco, e quindi per definizione rischiare di perdere, contro un avversario esperto e supportato dal partito storicamente vincente nella delegazione. Ma Barbazza ha deciso di “prender l’armi”, si è messo in gioco e ha vinto. O forse, per meglio dire, è riuscito a trasmettere agli elettori che a vincere poteva essere più che una persona diversa, un metodo diverso.

Qualcuno potrebbe considerare la vittoria di Barbazza come un’onda lunga a ponente della riconferma del Sindaco Bucci, ma commetterebbe un grave errore. Chi scrive è convinto che si sia assistito ad una inedita competizione tra due modelli di rappresentanza e gestione dei problemi. Senza nulla togliere al valore e all’impegno degli specifici contendenti mettiamo a confronto i modelli percepiti dall’elettorato: quello pragmatico e quello politico/ideologico. L’obiettivo del metodo pragmatico è la soluzione del problema. Primo passo è l’identificazione del problema; quindi la costituzione di tavoli di analisi condivisa e di costruzione di una visione di soluzione, supportata dall’indispensabile impalcatura valoriale; segue la programmazione di azioni concrete per perseguirla; ed infine la pianificazione di una verifica periodica del mantenimento del percorso intrapreso e dei risultati raggiunti. L’obiettivo della politica è il raggiungimento del massimo consenso. Primo passo è il sondaggio, per capire quale sia la disposizione d’animo dell’elettorato, generalmente disinformato; quindi c’è la valutazione della proposta della parte avversa e l’adozione della posizione diametralmente opposta “a prescindere”; quindi la sterile aderenza all’ideologia caratterizzante del partito e alle direttive dall’alto. A questo punto, normalmente, se vengono prese delle decisioni, ci si dimentica presto di esse e il problema viene dimenticato. L’elettorato di Barbazza ha capito qual è il motore propulsore della sua azione, l’amore per la sua terra e le sue tradizioni ma soprattutto qual è l’approccio pragmatico che Barbazza ha deciso di utilizzare, ormai da decenni, per trasformare questo amore in fatti concreti. Chi in passato ha conosciuto “il Praino” o segue oggi “Supratutto” o la “Fond’Azione PRimA’vera” ha potuto verificare che il metodo applicato da Barbazza, e da coloro che da più di un decennio hanno partecipato e partecipano a queste iniziative, è apartitico, pragmatico, efficace nel focalizzare e veicolare le richieste degli abitanti verso l’amministrazione, e ha votato di conseguenza. Quindi il voto per Barbazza è un voto per “Metodo Barbazza”; per il pragmatismo basato su valori che vincerà e convincerà sempre più nel futuro.

1 Comment

Rispondi a Angelo Di Fede Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*