Genova nel cuore

La Redazione – riceviamo e pubblichiamo la testimonianza di una fedele lettrice, Paola Dramis.

Oggi, 14 settembre alle ore 11.36 per un minuto Genova si è fermata. Ad un mese dalla tragedia la nostra città per un minuto, ha rispettato silenzio, nel ricordo delle 43  vittime, in seguito al crollo del ponte Morandi.

Anche la nostra piccola comunità di Pra’-Palmaro si è unita, stringendosi per mano, a ricordo delle vittime, con il pensiero rivolto alle famiglie, al loro dolore.

Noi “di Palmaro”, siamo andati oltre agli schemi.

Non eravamo in molti,ma avevamo tutti lo stesso desiderio.

Rispettare il lutto della nostra città.

Fedelmente abbiamo “obbedito” alla comunicazione arrivata attraverso i social, di scendere “in strada”. Abbiamo preso coraggio,e piano piano ci siamo appropriati della strada stessa,coinvolgendo altresì ciclisti, motociclisti ed auto che, capendo, hanno spento i motori e partecipato.

Abbiamo preso per un minuto la strada, perché è la strada che da un mese ospita le famiglie sfollate della Valpolcevera, le famiglie di Via Porro.

Non abbiamo avuto paura delle eventuali conseguenze perché sapevamo che era un gesto giusto.

Abbiamo cercato, per quello che abbiamo potuto, di esprimere tutta la nostra solidarietà e dividere con chi lo sta provando, questo grandissimo dolore.

Ci ritroveremo nel pomeriggio a De Ferrari, per continuare il ricordo e chiedere giustizia.

Palmaro c’è. Ci sarà. Anche in piazza.

 

 

3 Comments

  1. Commovente resoconto della nostra partecipazione al lutto cittadino che ha unito i genovesi in ricordo di una tragedia che non scorderemo.

  2. Grazie Paola.
    OGGI, 14 settembre,ALLE 11:36 HO PROVATO UN DOLORE PROFONDO TRA RICORDI, EMOZIONI, IMPOSSIBILITÀ DI CAPIRE PERCHE’ SIA SUCCESSA QUESTA TERRIBILE TRAGEDIA CHE HA SCONVOLTO LA VITA DI TANTE FAMIGLIE E DELLA NOSTRA CITTA’…
    UN FARDELLO PESANTE DA SOPPORTARE SPERANDO CHE POSSA ESSERE ALLEGERITO DALLA GIUSTIZIA E DALLA VERITÀ, PERCHÉ SU QUEL PONTE, SU QUEL MALEDETTO PEZZO DI AUTOSTRADA, C’ERAVAMO PROPRIO TUTTI.
    STAMANE CI SIAMO STRETTI IN UN ABBRACCIO CHE VUOL ESSERE FORZA, CONSOLAZIONE, APPARTENENZA ALLA NOSTRA AMATA GENOVA CHE VOGLIAMO TORNI AD ESSERE SUPERBA COME VENNE DEFINITA DAL POETA PETRARCA
    QUINDI RIALZIAMO LA TESTA ED AIUTIAMOCI PERCHE’ QUESTA TRAGEDIA CI HA INSEGNATO CHE LA VITA NON È DOMANI MA…….
    È TUTTA DA VIVERE OGGI

  3. Genova nel cuore per rinascere e guardare avanti oltre la tragedia ed il dolore….il miglior modo per commemorare queste 43 morti inique è trovare la verità, fare giustizia, ed agire in modo che non accada mai più una strage del genere.
    L abbiamo detto dopo le vittime dell esondazione del FereggianodelFereggiano, lo ribadiamo ora: Genova e la Liguria tutta è una terra nella ma fragile….delicata, aspra e difficile..un arcobaleno proteso tra mare e colline, i torrenti sono ripidi, lo spazio è poco e prezioso, la viabilità problematica.
    Occorre la massima cura, competenza e professionalità nell edificare e mantenere il suo territorio sano. Occorre sempre avere cautela e prevenire, controllare e verificare che tutto sia al massimo della sicurezza.
    Sempre.

Rispondi a Elio Giuliani Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*