Fotonotizia – Panorama di Pra’ nell’Ottocento

#Luciano Bozzo

E’ una delle fotografie che compongono la mostra “Ritorno a Genova” che nelle ultime settimane è stata allestita ed aperta al pubblico nei saloni di rappresentanza della sede centrale della Banca Carige di Genova. Le fotografie facevano parte dell’album fotografico “Genes et ses environs” (Genova e i suoi dintorni) datato 1891 e commissionato da un misterioso e ricco committente del Vicino o Medio Oriente il quale, venuto a contatto con la nostra città (probabilmente ebbe anche occasione di visitarla nel corso di un viaggio di affari o di turismo), desiderava serbarne un ricordo concreto e tangibile. Tutte le foto sono state scattate tra il 1870 ed il 1890 ed anche questo panorama di Pra’ con vista dalle alture sopra Castelluccio appartiene a questo periodo.
Si distingue molto bene il fortino sul mare posto su una imponente bastionata di roccia al centro della bella e lunga spiaggia tra Pegli e Longarello.
L’immagine evidenzia anche un paesaggio tipicamente agricolo trapuntato da poche case ed abitazioni funzionali ad organizzare e gestire le coltivazioni del territorio collinare circostante.
In lontananza si intuiscono gli abitati dei borghi di Longarello e più lontano di Pra’ con lo sfondo a noi familiare delle colline e dei monti che sovrastano Voltri.
Val la pena di ricordare che proprio in questo periodo la borgata di Longarello conosce ed avvia il proprio sviluppo industriale ed anche demografico a seguito della fondazione delle ferriere Ratto che attirano numerose famiglie operaie nel borgo. E proprio da una di queste famiglie, immigrata dal bresciano, nel 1878 in una abitazione di Via Pra’ nasce l’illustre pittore Evasio Montanella, che dal 1910 al 1919 sarà anche consigliere comunale del nostro paese.

 

3 Comments

  1. Incredibile questa immagine…sembra un quadro!
    Grazie al redattore che l’ha condivisa con noi, rievocando un passato rarefatto, emozionale della Pra’ ottocentesca.

  2. Questa foto conferma se ce ne fosse ancora bisogno la dimensione dell’immane disastroso abominio fatto da Comune e Autorità portuale di Genova nel loro beota e antiquato approccio alla portualità. Bastava, negli anni ’70, usare un po’ di più il cervello, utilizzare tecnologie già ampiamente disponibili, e quella meravigliosa strscia di sabbia che era la spiaggia di Pra’ e che vediamo ricomparire in questa foto sarebeb ancora lì sotto i nostri occhi. Chi è responsabile di questo vero crimine contro l’umanità sarà passato impunito alla giustizia degli uomini ma dovrà renderne conto di fronte a quella di Dio.

  3. Si, come dice Pietro, questa immagine conferma la scelleratezza di coloro che hanno deciso di sacrificare tanta bellezza.
    Altre scelte sarebbero state più sapienti…
    Ora dobbiamo sentire ancora di più la responsabilità di rimediare il più possibile e ottenere che ai cittadini di Pra’ venga restituito tutto quello che si può in vivibiltà, decoro e bellezza… Noi dobbiamo chiederlo … Le istituzioni ce lo devono dare…!!!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*