Filastrocca di Natale

Francesco –

Quando andavo alla scuola elementare ci insegnavano queste belle filastrocche che recitavamo a casa, davanti al presepe e all’albero di Natale.
Speriamo che i nostri figli e nipoti e pronipoti lo possano fare anche per i Natali del futuro.
Perchè il bene prevalga sempre sul male, i sentimenti del cuore ci uniscano e non ci dividano, trionfi la pace e gli uomini e le donne si vogliano bene e si rispettino, l’infanzia sia sacra e tutelata, gli anziani siano onorati e riveriti per la loro esperienza.
Perchè si viva in armonia: non c’è cosa più bella della serenità interiore.
Mi permetto ricordare le parole del Cardinal Tonini, che mi raccontò di aver appreso da bambino da suo padre contadino.
“Ciò che conta davvero nella vita è un tozzo di pane, volersi bene e la coscienza netta”.
Forse oggi sono valori desueti e persino derisi ma bisognerebbe ripensarne l’essenza, il significato più intimo e autentico, oltre la metafora in se’.
Magari fosse davvero così.
Ve lo auguro di cuore: la felicità è forse veramente nelle piccole cose.
Nella gratuità di un gesto. In un sorriso. Nel saper perdonare. Nel condividere le gioie e le sofferenze del mondo, a partire da chi ci sta vicino.
Lieto Natale e sereno anno nuovo.

Filastrocca del Natale
dacci un giorno originale
togli la rabbia da ogni cuore
metti la gioia e il buon umore.

Dona qualcosa di speciale
fai guarire chi sta male
rendi buono chi è cattivo
e chi è triste più giulivo.

Porta la voglia di fare regali
metti ai sogni un paio d’ali
riempi d’amore tutta la terra
togli l’odio, smetti la guerra.

Appendi ghirlande e luci belle
accendi la luna e tutte le stelle
crea nel cielo un nuovo bagliore:
la speranza di un mondo migliore.

 

12 Comments

  1. Quello che io ricordo molto bene dei miei Natali da bambina erano giuste le poesie che recitavano ogni anno, magari in piedi sulla sedia…e sempre in quell ‘ occasione le maestre ce ne facevano studiare una a memoria.
    Altra cosa che non posso dimenticare: il rito della letterina a Gesù bambino o Babbo Natale. Iniziava con l acquisto dei brillantini , fogli e pastelli ce l avevamo, la preparavamo e decoravamo noi, era una gara. Elenco dei buoni propositi e lista dei doni preferiti.
    Poi, e qui veniva il bello,venivano messe rigorosamente sotto il piatto di mamma e papà che ogn anno fingevano di stupirsi….”ma cosa c è qua?”
    Seguiva solenne lettura e tanti baci e abbracci.
    Era troppo bello…ci credevamo davvero ai regali arrivati nella notte sotto il nostro albero!!!

  2. Eh Alex come 6 pignolo!!!
    Natale dura tutte le vacanze!##
    No non realtà il web master ieri era gonfio tronfio satollo che non riusciva a fare nulla.

  3. Ma è bella lo stesso….
    Belle parole, intense, commoventi.
    Ci riportano a quando eravamo bambini
    E’ vero, Bellicosa, Natale dura tutte le feste e dovrebbe durare tutto l’anno.

  4. Infatti credo che i buoni propositi andrebbero mantenuti tutto l’anno. Riguardo al Natale che si vive da bambini,credo che sia per un periodo troppo breve…… ma anche il più bello ,purtroppo si cresce in fretta e l’innocenza si perde presto!!!

  5. Un bellissimo messaggio augurale, che si distingue dai soliti auguri per la profondità del pensiero e l’elevatezza dei sentimenti.
    Grazie, abbiamo bisogno di queste cose.

  6. Commovente l’augurio, bellissime le parole, fantastiche quelle del Cardinale Tonini. Oggi forse valgono altri obiettivi, non il bene per tutti ma l’egoismo di ciascuno.

  7. Un pensiero delicato e una bella filastrocca che ci fa ricordare quando eravamo bambini.
    Ringrazio per gli auguri emozionanti, ci leggo rispetto, buona educazione, sentimenti di una volta, un garbo che non usa più.
    Chapeau!

  8. Grazie Francesco parole splendide che toccano il cuore, per noi sono ancora importanti i gesti e le piccole cose , la serenità del cuore e la pace con se stessi e con gli altri. I ricordi sono con noi e ci aiutano a camminare sulla retta via come ci hanno insegnato. Un abbraccio da parte mia e di Marina e un augurio per 2018 di tanta serenità.

  9. E’ vero, Carlo. Parole splendide che toccano il cuore.
    Ormai cadute in disuso, in genere ci scambiamo auguri e poi dal giorno dopo solo insulti e “vaffa”.
    C’è ancora qualche gentiluomo.Francesco dimostra di esserlo.

  10. Grazie Francesco, è sempre un piacere leggere le tue riflessioni.
    Leggo questo giornalino da Milano per trovare i tuoi scritti. Sei ancora al Tribunale per i minorenni? Come stai? Spero tutto per il meglio. Ancora auguri e un carissimo saluto
    Elisabetta

  11. Grazie Francesco per le bellissime parole , come al solito mi provocano un misto di nostalgia per i tempi passati ed emozione per qualcosa che non viviamo più come una volta.

Rispondi a Enrica Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*