FIGLI E FIGLIASTRI

la Redazione: dopo il gradito articolo in occasione della Festa della Donna, il nostro scrittore praese non poteva dimenticare gli uomini ed in particolare i PADRI. Ad essi e’ dedicato questo contributo, che s’inserisce in un dibattico di scottante attualita’. Paternita’ responsabile, amore e protezione per i figli, inquadramento legislativo di questioni etiche fondamentali.

bimba baciniFrancesco Provinciali.

Quando si sostiene che un figlio ha diritto ad avere un padre ed una madre si asseconda una regola imposta dalla natura e si esprime un concetto che implica una conquista culturale e sociale sotto il profilo del diritto positivo e della tutela del minore: si tratta tuttavia di un’affermazione che richiede più di una semplice asserzione per non cadere in una scontata ovvietà

Poiché tra la teoria e la pratica corre il discrimine della quotidianità, sovente ricca di vissuti contradditori rispetto al nobile principio sopra enunciato. Ad ogni diritto corrisponde un dovere: peccato che se ne parli di rado, forse è un corollario dell’egoismo come forma di sentimento oggi prevalente.

Penso che il dibattito sulle adozioni che sta maninamovimentando la politica e scuotendo le coscienze individuali sia stato finora prevalentemente centrato sulla rivendicazione dei diritti trascurando la speculare necessità di un chiarimento sui doveri. Della società, della famiglia, delle coppie di fatto, dei padri e delle madri. Essere genitore non è un mestiere, piuttosto è una vocazione, spesso persino un evento casuale alcune volte non voluto. Già nella cosiddetta “famiglia tradizionale” come pure nelle unioni di fatto tra genitori di sesso diverso non tutto si esprime, si manifesta e si spiega in una visione edulcorata del rapporto tra genitorialità e filiazione. Trovo che ascoltando le riflessioni e le valutazioni, i desideri e le ferite nascoste di bambini e adolescenti l’identità di genere del genitore inadempiente o assente ha un valore “cercato”, “voluto”, “desiderato”.

I minori non parlano di “genitore1” e “genitore 2” ma di “padre” e di “madre”.

Dicono: “mi manca mio padre”, oppure “mi manca mia madre”.

Ci sono invece adolescenti che chiedono espressamente di essere tolti dal nucleo familiare di origine per essere messi in comunità. “Mia mamma mi ha detto: non ti mettere tra me e il mio compagno”… “Mio padre non mi può tenere perché ha una nuova famiglia e un figlio più piccolo di cui si deve occupare”.

Un tempo la famiglia aveva una precisa identità, oggi si fotografano situazioni diverse dalla canonica definizione del Codice Civile, basate su relazioni non di sangue ma di affetto. Emerge la figura del “genitore sociale” che affianca il “genitore biologico” quando addirittura non lo sostituisce, temporaneamente negli affidi eterofamiliari o definitivamente nelle adozioni.

In via generale l’esperienza dei casi insegna che la differenza tra l’essere figli o figliastri non si esprime solo in termini di ‘status’ ma si spiega misurando l’affetto e l’amore che si riceve. Questo parametro di considerazione dei casi potrebbe essere utilmente applicato anche nelle situazioni di convivenza tra coppie omosessuali, tuttavia il sillogismo non è a mio modesto parere automatico: occorre infatti considerare il ruolo affettivo reciproco che si esprime attraverso l’identità di genere dei genitori (padre=uomo; madre=donna) e questa valutazione può essere esperita solo valutando le singole situazioni, caso per caso, avendo cura di attivare dei protocolli di ascolto del minore – se la sua età lo permette – affinchè possa esprimersi su una relazionalità affettiva nuova che lo riguarda.

bimbo mangiaConsiderando altresì che il ns. ordinamento peraltro prevede già l’adozione del figlio del partner solo in caso di ‘coniugo’ e di coppie eterosessuali (art. 44. Cod. Civ.).

L’adozione di un figlio non biologico può avvenire – secondo il nostro ordinamento – solo da parte di genitori uniti dal vincolo del matrimonio che – secondo la Sentenza della Corte Costituzionale del 2014 – è tale solo se contratto tra persone di sesso diverso.

Ora io credo che la legge sulle cosiddette “unioni civili” sia una sorta di consacrazione giuridica della mutata situazione sociale rispetto alle relazioni affettive e/o di convivenza peraltro già riconosciuta dalla Corte Costituzionale con Sentenza n.° 138/2010, che considera e legittima diverse forme di unione delle persone secondo il libero convincimento (art.2 della Costituzione), anche in ossequio al principio in base al quale i differenti devono essere trattati come gli uguali (art.3 della Costituzione).

Una valutazione di nuove modalità di aggregazione affettiva e di unione tra persone indipendentemente dal loro sesso, in un quadro caratterizzato da una graduale dissolvenza del concetto di comunità e dall’emergenza di nuove esigenze di espressione delle libertà individuali.

Ma affermare che esiste un “diritto” del minore ad essere adottato è un’evidenza che non va solo enunciata ma dimostrata.

Specialmente se questa forma particolare di adozione si realizza attraverso il cosiddetto “utero in affitto” facendo ricorso ad una maternità biologica esterna alla coppia omosessuale. Mi domando se mai un giorno- crescendo – quel bambino non si porrà interrogativi sulla propria matrice biologica, se non cercherà sua madre. Mi chiedo – specularmente – come una donna o un uomo possano prestarsi a generare un figlio che vivrà la sua esistenza in un altro contesto affettivo, probabilmente ignorandone il destino.

I figli non si acquistano al supermercato delle maternità surrogate, non si trovano sugli scaffali con sequenziali codice a barre che ne riassumano le caratteristiche identitarie, si configurerebbe una sorta di mercificazione nativa, una cosa eticamente inaccettabile, una sorta di atto generativo ‘appaltato’.

Ci sono limiti invalicabili oltre i quali ciò che si definisce un “diritto” è in realtà una forma mostruosa di egoismo che snatura la condizione umana.

A prescindere dal caso specifico della “maternitàreleone surrogata”, può darsi che le situazioni che via via si potranno configurare nel particolare ambito adottivo precedentemente considerato non saranno tutte pregiudizialmente negative, per questo credo che dovrà essere un giudice a decidere caso per caso su tali ipotetiche fattispecie, nella sua istituzionale “terzietà”, sulla base del preminente ed esclusivo interesse del minore.

Occorre infatti ammettere con doverosa onestà intellettuale che come non sempre nelle cd. “famiglie tradizionali” si assolve il diritto-dovere di una genitorialità responsabile e consapevole, non è altrettanto pregiudizialmente vero che in una coppia dello stesso sesso un figlio non possa trovare tutto l’affetto e l’amore, le cure e le attenzioni di cui ha bisogno per crescere in serenità e armonia di rapporti.

Specie se il figlio di uno dei due partner è preesistente alla unione omosessuale, fattispecie del tutto diversa ed estranea da quella prodotta dalla cd. “maternità surrogata”: si potrebbe in questo caso pensare ad un istituto giuridico che preveda una sorta di “legittimazione della tutela del minore”.

Penso comunque che la materia imponga prudenza e valutazione scevra da pregiudizi.

Ci sono fenomeni sociali che compongono e scompongono la realtà con una velocità superiore alla capacità di stabilire delle regole rispetto a questo “slancio vitale”.

E mi pare che – oltre la doverosa aderenza alle leggi dello Stato – spetti al giudice l’onere della loro interpretazione, in scienza e coscienza, per promuovere tutele e condizioni affinchè ogni vita che nasce si esprima e si realizzi nella pienezza della sua condizione esistenziale.

22 Comments

  1. Auguri di cuore a tutti i papa’ che leggono “SuPratutto”!
    Un bimbo ha bisogno dell’amore di entrambi i genitori, la madre ed il padre: come donna, posso affermare che la maternita’ e’ una splendida e totalizzante esperienza di vita, ma credo anche che l’essere padre sia un profondo modo di essere: guida, protezione, esempio.
    Il mio papa’ non e’ piu’ qui, ma il suo ricordo è indelebile…

  2. Ho letto proprio oggi sul Corriere della Sera un bellissimo editoriale della vice-direttrice Barbara Stefanelli, e un articolo del Prof. Pierluigi Zoia: entrambi hanno preso in considerazione l’evoluzione della figura e del ruolo del padre, nei tempi a noi contemporanei. Il Prof. Zoia ha teorizzato addirittura una progressiva scomparsa della figura paterna nelle dinamiche genitori-figli delle famiglie, oggi. Questo articolo mi pare invece che si soffermi più in generale sulla crisi della famiglia “canonica” in un quadro sociale mutato, dove emergono nuove libertà individuali e nuovi diritti. Siamo di fronte aduna realtà in movimento, che si compone e si scompone in continuazione e la stessa legislazione in materia non riesce a stare dietro a questi mutamenti. In generale mi pace il richiamo ai doveri, dato che in giro (su questo e altri temi) non si parla altro di diritti. Molto bene Francesco evidenzia poi come già nella cd. famiglia tradizionale non sono sempre “rose e fiori”. La presenza di entrambi i genitori non è sempre assicurata, ci sono bimbi che vivono con i nonni, in famiglie affidatarie o dati in adozione (nei casi più gravi). Bello il riferimento – dunque – al “genitore sociale” che si affianca a quello biologico.Questa prospettiva mi pare apra un varco positivo anche alle adozioni da parte delle coppie omosessuali. E’ vero che in Italia siamo indietro su questo tema: però non mi farei suggestionare troppo perchè negli USA dove la maternità surrogata è consentita, vige in molti Stati ancora la pena di morte e i bambini usano liberamente le armi e uccidono. Quindi l’erba degli altri non è sempre più verde. Effettivamente anche io ho dei dubbi sulla maternità surrogata, per le stesse ragioni proposte da Francesco. Un figlio, crescendo, vuole conoscere le sue origini biologiche, cerca suo padre e soprattutto sua madre. E poi l’utero i affitto si trasformerebbe in una specie di “fabbrica dei bambini”, prenotati, venduti , comprati in una specie di mercimonio non sempre finalizzato a dare dei diritti al bambino stesso. Per alcuni “comprare” altrove un figlio equivarrebbe ad avere una specie di trastullo per sentirsi appagato.Questo ha a che fare solo in parte con le unioni civili omosessuali, sono due cose diverse. E se uno dei due partner ha già un figlio non vedo perchè non possa anche l’altro partner “adottare” questo bambino se la relazione della coppia è stabile. Come scrive Francesco il veto discrimine è l’amore, non lo “status”. E’ questo – se ho ben capito – che distingue tra figli e figliastri ma entrambe le categorie possono esistere in una famiglia tradizionale oppure in una unione di fatto.IL tema è delicato, mi pare che l’autore qui l’abbia affrontato con delicatezza e garbata trattazione. Un buon contributo per aiutarci a riflettere su queste problematiche, spesso ardue e dolorose a prescindere dai casi.

  3. Apprezzo moltissimo questo articolo e non posso che ringraziare il Cielo per aver avuto un PADRE e una MADRE modello.
    Il sogno di genitori che chiunque desidererebbe avere e me ne ritengo immensamente fortunato.
    Il dibattito delle adozioni per me è morto in partenza perché lo ritengo un indegno mercimonio di vita in nome di tutto tranne del DIRITTO di qualcuno. In primis, va considerato il diritto del bambino ad avere un padre e una madre, a poter conoscere e crescere insieme a chi lo ha portato in grembo prima ancora che vedesse la luce. La Natura, Dio -se esite-, ha fatto sì che la vita possa essere generata dall’AMORE di un uomo e di una donna. Punto. Per me il discorso termina qui. Quello di avere un figlio tra due persone omosessuali non può essere un diritto semplicemente perché va a calpestare prima ancora il diritto del bambino di avere mamma e papà. E’ un desiderio, un capriccio oltre natura.
    Come proprio oggi il Prof. Sgarbi ha commentato, in ricorrenza della Festività, “Tempi duri per i padri. Oggi sono tutti madri. E presto saremo figli di una sega.”

  4. Grande articolo, da rendere pubblico per intero sui quotidiani.
    Madri “surrogate”, uno schifo inverecondo:
    la peggior forma di prostituzione, affittare addirittura l’UTERO.
    Un cliente paga e si compra un bambino.
    Quando questo cresce e chiede LEGITTIMAMENTE al “papà” chi sia sua madre e perché gli altri bambini ce l’hanno mentre lui no… Riceverà il primo schiaffo bello forte dalla vita e saprà ben distinguere il matrimonio dal culimonio.

  5. Aggiungo anche che in questo bel Paese ma peggio ancora (una volta tanto) in altri, perché per fortuna almeno da noi non è ancora andato in onda il teatrino della “madre in affitto”, se un UOMO ha difficoltà ad avere figli con la propria COMPAGNA deve passare per una trafila burocratica infinita e andare all’estero per poter accedere al protocollo della fecondazione assistita, mentre due non so come chiamarli, avrebbero vita più facile a fare quello schifo che intendono.
    MATER CERTA EST.

  6. Il cosiddetto UTERO IN AFFITTO e’ una cosa davvero da combattere e bandire in ogni modo:il corpo femminile è sacro e non può essere oggetto di compravendita: sta diventando fonte di reddito-ricatto per tante ragazze dei paesi poveri…vergognoso,una pratica aberrante. Guardate il film di Tornatore”La sconosciuta”, c’e’ un caso drammatico di sfruttamento del genere.
    Solo in un caso sarei quasi propensa: vi sono stati, nella cronaca mondiale, fenomeni di grande generosita’, come una madre che ha ospitato nel suo grembo l’embrione della figlia, che purtroppo non poteva portare avanti la gestazione…una sorella o amica, fatto solo per amore e disinteressatamente. Un dono tra donne. Sarebbe comunque anomalo, ma non si dovrebbe temere di raccontare il vero al figlio cresciuto.
    Comunque l’argomento è molto delicato e va ad incidere profondamente nelle coscienze:la normativa puo’ certamente disciplinare al meglio la materia, ma sta a noi porre un limite a cio’che interferisce con i naturali processi della vita.

  7. Articolo molto interessante che aiuta anche chi, come noi, non è “del settore”, a fare un po’ di chiarezza sullo stato attuale della normativa inerente il tema delle adozioni. Ho apprezzato in particolare il passaggio in cui viene ribadito il concetto dell’esistenza di dover ben precisi, oltre a quella dei diritti. Trovo squallida la strumentalizzazione a cui sono sottoposti i bambini ogni volta che viene affrontata questa tematica: merce di scambio se parliamo di maternità surrogata, oggetto del contendere tra genitori naturali/acquisiti/biologici/sociali o qualunque altro aggettivo si voglia aggiungere, occasione di dibattito politico volta esclusivamente a screditare l’avversario e guadagnare voti. Mi chiedo, sfruttando le intelligenti considerazioni del Dott. Provinciali: in tutta questa rivendicazione di diritti, ai diritti del bambino che è l’unico soggetto debole e meritevole di essere tutelato, chi ci pensa? Un bambino, ricordiamolo sempre, non chiede di venire al mondo. Subisce ancor prima di nascere, già le conseguenze di un primo atto totalmente indipendente dalla sua volontà. Oggi purtroppo si assiste ad una spasmodica e talvolta immotivata ricerca del titolo di “genitorialità” come se fosse un diritto irrinunciabile. Questo cieco egoismo spaventa, soprattutto se pensiamo a quale insegnamento questi “genitori” potrebbero un domani impartire ai loro bambini. Non ho figli, ma da figlia ho l’esempio di mio padre e di mia madre: essere genitori è DARE e non ricevere, DONARE e non esigere, RINUNCIARE e non pretendere. Ecco perchè creare una nuova vita dovrebbe essere il più alto gesto d’amore … Verso il proprio figlio, non verso se stessi!

  8. Concordo pienamente con Luce e con molte delle considerazioni fatte.

    Non ho mai messo sotto la lente di ingrandimento le direzioni che può prendere l’amore, che è un concetto universale, libero di esprimersi in ogni luogo, con ogni mezzo, semplicemente fra due cuori che si intendono e decidono di battere insieme. Ma sul tema adozioni, resto ancorata alla famiglia tradizionale. Quella formata da un uomo e da una donna, dove i ruoli portatori ciascuno di un patrimonio puntuale e preciso sono stabiliti da quella madre inconfutabile che è la Natura, al di sopra di tutto. I bambini non ci chiedono di venire al mondo, è vero. Decidiamo per loro e della loro vita, con un atto che dev’essere d’amore nei loro confronti e non teso a soddisfare una NOSTRA voglia d’amore, un’attesa, un bisogno talvolta così impellenti da giustificate il ricorso a pratiche aberranti. L’utero IN AFFITTO. Già la definizione è mostruosa, da far rabbrividire. Una mercificazione della vita che non ha giustificazioni e pone, per contro, problematiche pesantissime: non so come si possa spiegare a un bambino/ragazzo/adulto che una madre lo ha portato in grembo e venduto a fine corsa (ma fatico anche ad usare il termine “donato”) a una madre che lo ha comprato, perché questa è la verità senza fronzoli. Siamo alla miseria dello “scambio”, persino vestito da “soluzione”, spacciato per una (come ho letto) “conquista delle relazioni interpersonali”. Aggiungo che faremmo bene a ricordare, e la soria insegna, che mai una volta la Natura ha fallito nel ristabilire le proprie leggi, annientanso le forzature che hanno tentato di stravolgerla. Ancora una volta, ne pagheremmo lo scotto, ma soprattutto ne sarebbero vittime i bambini che vogliamo a tutti i costi, imponendo loro un modello famigliare che non sarà mai ricco, checché se ne dica, del bagaglio naturalmente “diverso” del nido tradizionale.

  9. Prendo spunto dall’osservazione di Paola. sfidare la natura e le sue regole è una follia. Già lo è quando riguarda l’ambiente, figuriamoci se la forzatura delle leggi della natura riguarda la vita, in tutte le sue espressioni.
    Fare ricorso alla maternità surrogata significa utilizzare il corpo di una donna (farne mercimonio)per procreare una creatura che sarà staccata da quella madre al momento della nascita ed essere destinata (se va bene) ad altri genitori che hanno “commissionato” quella gravidanza. Un abominio irricevibile da qualsiasi coscienza, laica o cattolica che sia. Impadronirsi di una vita che da soli non si può procreare sottraendola alla madre naturale. Come il Sig. Francesco mi chiedo: “ma quel bambino, diventato ragazzo o uomo non cercherà forse la sua vera madre? Quando conoscerà la propria storia che sentimenti potrà riservare a coloro che l’hanno strappato dalla genitorialità biologica? Eppure mi meraviglio di come certi discorsi che dovrebbero essere condivisi e respinti da tutti trovino invece assertori e difensori a spada tratta. Qui si arriva alla generazione di figli su commissione. Pensiamo alle donne dei Paesi povere che prestano il proprio utero per portarvi dentro un figlio che sarà “venduto”.Ci sono tariffari e prontuari delle caratteristiche che questo figlio dovrebbe avere: essere un maschietto o una femminuccia, bianco o di colore e via discorrendo. Meno male che il Parlamento, dopo l’approvazione della legge sulle unioni civili, rispetto alle quali credo debbano essere riconosciute perchè riguardano scelte che afferiscono alla sfera personale, del libero convincimento, che in un certo senso rendono i cittadini uguali davanti alla legge anche in base alle proprie attitudini o inclinazioni sessuali, senza discriminazione di sesso (come vuole la Costituzione), ha fermato l’approvazione della cosiddetta stepchild adoption. Perchè non è vero a priori che tutto quello che accade altrove, in altri Paesi debba essere “importato” in modo acritico anche da noi. Mi pare che il mondo politico sia unito nel respingere questa legittimazione della maternità surrogata, mi pare di aver capito che le ultime tendenze vanno in questa direzione, tanto è vero che improvvisamente non se ne parla più. “Egoismo”: è questo il termine che meglio di tutti descrive il comportamento che ispira la pratica dell’utero in affitto, a cui si può fare ricorso per avere ciò che la natura non ci consente di avere. Noto il diffondersi del desiderio di “possedere” qualcosa, in particolare la vita degli altri.Ma un bambino non è un cagnolino da esibire al guinzaglio sulla passeggiata a mare di una località di villeggiatura. Paternità e maternità impongono doveri per TUTTA la vita. E un figlio non potrà mai rinnegare le proprie radici vitali. Bellissimo il riferimento di Dolcenera alla vicenda descritta da Tornatore nel film “La sconosciuta”, che riguarda proprio questa bestiale condizione umana (anzi disumana) dell’uso del corpo della donna per mettere al mondo figli che non saranno mai suoi, perchè venduti a qualche “porco”, ricco e possidente che pensa di comprare la vita come comprerebbe un detersivo al supermercato. Grazie per questo articolo che mette a fuoco un problema grosso come una casa, esistente e incombente, con un’analisi competente, documentata e argomentata in modo convincente. Senza nulla togliere alla libertà del singolo di nutrire affetto, amore o sentimento per una persona dello stesso sesso senza doversi sentire un discriminato o un diverso. Anche in questo l’articolo di Provinciali fa un passo avanti verso le libertà individuali che non fanno danno a nessuno perchè consentono a ciascuno di realizzare il proprio lato emotivo per come si sente di essere, senza doversene vergognare.

  10. Ringrazio chi finora è intervenuto e aggiungo una noticina “giornalistica” a margine. Qualche giorno fa ho avuto modo di parlare del tema con un avvocato Cassazionista di Milano, membro dell’IBA (International Bar Association- Associazione Legale Internazionale che ha sede nel Regno Unito) il quale mi ha riferito che nel recente convegno mondiale dell’Associazione, svoltosi a Vienna dall’11 al 17 ottobre 2015 è emerso che alcuni colleghi avvocati indiani e del centro Africa avrebbero riferito che si stanno approfondendo situazioni di “maternità surrogata” finalizzata alla procreazione di esseri umani destinati al commercio di organi. Non ho contezza degli Atti del Convegno, mi sono stati promessi. Ma non ho motivo di dubitare che in qualche parte del mondo (specie nei Paesi poveri) il problema sussista realmente, pur se in forma circoscritta. A quel Convegno pare fossero presenti l’ex Presidente U.E J.Barroso e l’ex Segretario Generale dell’ONU Khofi Annan, a dimostrazione dell’interesse che il tema suscita c/o gli Alti Organismi internazionali.

  11. Stamattina, faccio colazione con lo scritto di Francesco. Metterei uno smile per stemperare un po’, ma non so come si fa.

    Conosco persone che militano nell’ENPA. Altre che sono attive nell’ambito della LAV. Cerco di sostenerli perché credo fermamente nel senso del loro lavoro, anche se non ho mai visto uno dei filmati che divulgano (e giustamente), perché bisogna sapere cosa mangiamo, soprattutto cresciuto come, e cosa indossiamo. Non ce la faccio, e’ un mio limite. Non si tratta di essere estremisti, di arrivare al punto di rinunciare a un uovo perché potrebbe essere un pulcino. Si tratta di prendere coscienza della barbarie che perpetriamo su esseri indifesi, ultimamente riconosciuti anche dalla carta, se mai occorreva, come esseri “senzienti”, capaci di soffrire emotivamente. Le mamme dei “cucciolifici” dell’Est vivono chiuse in gabbie piccolissime dove muoiono per sfinimento, malnutrite, atrofizzate, re-ingravidate a pochi giorni dal parto, i figli sottratti a un mese di vita, ancora e ancora, finché i loro occhi si spengono. Anche chi non ama particolarmente gli animali, sa che siamo alla barbarie. Una barbarie che è tale indipendentemente da chi ne è vittima, perché è vuoto totale, assenza di tutto ciò che dovrebbe elevare l’uomo al di sopra dello status non di “animale”, ma di “bestia”. Nella scala che porta dritta all’inferno, quello di cui parla Francesco è un ulteriore gradino sceso in direzione di un abisso da cui non c’è ritorno. Orrore puro, di fronte al quale persino una pratica come quella dell’utero in affitto pare nulla perché, comunque, criticabile o meno, porta una speranza di vita. Qui siamo alla negazione della vita di alcuni, preferibilmente poveri e impotenti, per salvare la pelle di quelli con le tasche tanto piene da potersi comprare i pezzi di ricambio … dove? Dove saranno legalmente detenute, questa produttrici di ricambi? E queste cavie pronte all’uso? Come funzionerà, magari ci sarà un catalogo … ci saranno ricambi per bambini, adulti, vecchi? Che ne sarà, a fine corsa, di questi “allevati per”, li manderemo al macero? E chi saranno i professionisti che serviranno, questi Dottor Morte che già esistono, operano adesso e se ne infischiano del giuramento di Ippocrate. Come, alla fine, se ne infischia il mondo dell’immensa ipocrisia di un uomo che cerca la vita su Marte con investimenti mostruosi e grandi proclami, quando non passa secondo in cui non partorisca disegni aberranti in ogni luogo e sui più deboli, come fa da tempo immemorabile. È un commercio, quello di cui racconta Francesco, di cui si sa. Anche se raramente balza alle cronache. Preferiamo non parlarne perché è tanto raccapricciante da volerlo esorcizzare col silenzio e chiudendo ogni canale di ricezione, ma se veramente diventerà una prassi consolidata e vestita di legalità, dovremo farci i conti ed essene terrorizzati. Io non posso pensare e tantomeno accettare che le donne, ancora una volta le donne “colpevoli” di aver ricevuto l’immenso e unico dono di poter procreare, possano finire come le mamme dei canifici dell’Est e persino peggio: nemmeno per donare una vita che può sopravvivere, ma per emettere una condanna al macello. Orrore, allo stato puro.

  12. Ho apprezzato l’articolo di Francesco Provinciali come una fonte di informazione di un esperto su una materia complessa.
    Io purtroppo rimango ignorante al riguardo e quindi mi vieto di esprimere opinioni su temi che non ho approfondito.
    Sto pero’ leggendo “SPQR” della storica Mary Beard in cui si discute della complessita’ della famiglia romana in epoca repubblicana ed imperiale. Questo mi suggerisce che forse oltre ad impulsi naturali ci sia anche un legame fra la forma della famiglia e le strutture del potere?

  13. I figli hanno il diritto di avere un padre e una madre non due padri o due madri! Tutti hanno diritto di amarsi ,ma non tutti hanno diritto ad avere figli per puro egoismo.Il Dott.Provinciali sa proporre in ogni occasione temi di attualita’ con grande sensibilita’ e professionalita’.Grazie di cuore e auguri a tutti i papa’ .

  14. La famiglia tradizionale è in crisi anche perchè abbiamo rinnegato i valori ai quali siamo stati educati: la lealtà, la fedeltà, il sacrificio, il bene dei figli sopra ogni altra cosa. E’ chiaro che parlando sempre di diritti si finisce per perdere di vista i doveri. Tutto si guarda sempre dal punto di osservazione di quello che ci spetta. Ma quello che compete a noi fare, l’etica nei comportamenti individuali e sociali viene sepolta sotto le nostre ambiguità. spesso ammantate da buonismo e faciloneria. Come questa storia del diritto ad avere un figlio in adozione a qualunque costo, anche contro le leggi della natura. Un figlio non è un cane, un gioco, un trastullo. Non si può metterlo al mondo solo per farne oggetto delle nostre ambizioni, per completare in una triade perfetta un rapporto di unione o convivenza dal quale – lo sappiamo, la natura ce lo insegna – questo figlio non potrà essere mai generato. Ha ragione chi scrive che la fabbrica dei figli è un crimine contro l’umanità: penso a questi innocenti venuti al mondo per soddisfare gli egoismi degli adulti, “ordinati, procreati e venduti come bambolotti da mettere nel salotto buono di casa o peggio come carne da macello. Certo sentiamo dire, leggiamo, immaginiamo che ci siano “bambinifici” in giro per il mondo e uno squallido mercato delle loro nascite o peggio dei loro corpi, una cosa orribile, ripugnante. Ma mi pare che in esordio di articolo l’autore dello scritto metta in guardia anche da certi trattamenti che i figli cosiddetti “normali”, con tanto di padre e di madre, ricevono nelle loro famiglie apparentemente per bene. Bimbi dimenticati, abbandonati, cresciuti in mezzo agli orrori della violenza domestica, che assistono a scene raccapriccianti di percosse alle loro madri, che cresco a volte nel mondo promiscuo della tossicodipendenza e della prostituzione. Malnutriti, malcurati, non mandati a scuola, malvestiti, sballottati tra parenti e vicini di casa perchè i loro giovani genitori devono pur divertirsi ed uscire la sera. Oppure figli stritolati nella morsa dei conflitti dei loro “genitori per bene”, che prima si amano e poi si odiano e si denunciano e usano i loro piccoli per farsi del male a vicenda. E questi piccoli zombie, privati della loro identità, della loro naturalezza nell’esrimere affetti che vengono costretti ad odiare l’altro genitore, tenuti lontani da lui(o da lei), presi in ostaggio, allontanati dall’altra figura genitoriale. Per non dire di quelli che finiscono in comunità o in affido etero familiare o dati in adozione perchè i genitori biologici non si prendono cura di loro,li fanno vivere in situazioni di pregiudizio devastanti. Fa pena leggere le parole riportate da Provinciali nell’articolo: “Io non ti poso tenere”… “io ho un’altra compagna e un altro figlio, non puoi stare con me”. Per finire con le piccole vittime degli abusi infrafamiliari o della prostituzione precoce, preda dei pedofili e degli sfruttatori senza scrupoli.Un bello scenario , non c’è che dire. Allora è vero che si è “figli” o “figliastri” se i genitori fanno i genitori, se il dovere ritorna al primo posto nella scala dei valori. Tutto il resto è mistificazione. Dire che ci vuole un padre o una madre non basta, bisogna vedere di che razza di persone si tratta. La genitorialità non è quella registrata all’anagrafe comunale, ma quella che si dimostra ogni giorno, senza tante fanfare, nella quotidianità della vita.

  15. L’articolo ci aiuta a capire ,quanto sia problematico e delicato l’argomento in questione…..anche se personalmente sono sfavorevole all’adozione da parte dei gay ed ancor di più dell’utero in affitto.Questo non perché non possano essere dei buoni educatori ,ma perché penso che un bimbo abbia bisogno della figura femminile e maschile,questo è spiegato egregiamente Da Francesco Provinciali in Questo articolo.

  16. Ho molto apprezzato questo commento cosi professionale, cauto ed equilibrato. Come dice Francesco Provinciale “ci sono fenomeni sociali che compongono e scompongono la realta con una velocita superiore alla capacita di stabilire delle regole” e la sua suggestione di lasciare a un giudice decidere caso a caso e piena di buon senso ed humanita. Le regole non vedono individui, solo numeri e categorie prestabilite spesso in ritardo sui cambiamenti sociali attivi. Niente e perfetto in questi casi, e l’errore puo venire anche di un giudice ma almeno lascia piu spazio per buoni esiti.

  17. Concordo con Flo. Anche a me ha colpito la frase…. “Ci sono fenomeni sociali che compongono e scompongono la realtà con una velocità superiore alla capacità di stabilire delle regole rispetto a questo “slancio vitale”…. riferita agli affetti, alle relazioni umane, all’amore che si manifesta in mille forme e sembianze e ormai ha sdoganato anche le unioni tra persone dello stesso sesso.
    Segno di una grande apertura mentale dell’autore che sa osservare la realtà senza farsi condizionare dai pregiudizi moralistici. Da sempre ci si ama tra esseri umani e tutti costoro sono persone, prima di essere uomini e donne, con sensibilità diverse e tutte ugualmente accettabili. Lo scandalo è spesso negli occhi di chi guarda. Ho apprezzato anche io questa impostazione equilibrata di questo argomento tanto attuale quanto spinoso. Non possiamo cristallizzare la realtà che è in continuo divenire: le cose da mantenere sono il senso del bene comune, il rispetto per gli altri, la delicatezza nel trattare le situazioni umane. Diversa è la questione della maternità surrogata. Ritengo che sia una scelta sbagliata perchè riguarda il dare la vita ad una creatura solo per soddisfare un interesse di terze persone, mi fa inorridire l’immagine di una donna che presta il suo corpo per “fabbricare” e portare dentro di se’ una vita che non le apparterà più, una volta che il bambino sarà venuto al mondo. Mi ha stupito la disinvoltura con cui un noto politico italiano è andato all’estero per procurasi un figlio che fisiologicamente non avrebbe potuto avere dal suo compagno, e legalmente in questo momento in Italia non potrebbe avere. Non credo che a questo bambino mancheranno cure, affetto, amore, attenzioni. Mi stupisce il modo in cui questa “adozione” anomala è avvenuta, al di fuori di una legge che in Italia non c’è ancora, Forse sono all’antica ma queste cose mi sorprendono perchè riguardano la vita futura di un essere umano che un domani avrà il diritto di sapere come sono andate le cose. In ogni caso penso che queste nuove forme di adozione si espanderanno sempre di più: bisogna osservare la realtà, poi eventualmente giudicarla. Ma fermare queste tendenze sarebbe come cercare di arrestare l’esodo dei profughi o l’espansione di internet. Per questo ci vogliono leggi giuste e oneste e – come dice Flo – giudici competenti, retti, imparziali che sappiano decidere in nome dell’interesse e dei diritti del minore, non di chi ha scelto per lui, assecondando un proprio desiderio che a volte è solo egoismo (anche se tentiamo di chiamarlo con un nome diverso).

  18. Poche parole di commento: la natura va rispettata, non violentata. Altrimenti prima o poi si ribella. Dobbiamo stare attenti a cambiare tutto, il progresso a volte complica la vita. Ci vuole un padre e una madre per fare un figlio e ci vogliono le stesse persone par allevarlo. Se mai bisogna aiutare, non ostacolare la famiglia. La politica, per esempio non ha mai fatto niente per tutelare e rafforzare la famiglia, l’ha sempre presa a bastonate. Tutto qua.

  19. Rispondo all’interessante osservazione di Rudi, che ipotizza una relazione tra forma della famiglia e struttura del potere, nella storia. Ci vorrebbero competenze specifiche per rispondere, che io non posseggo, onestamente. Trovo però che in passato la solidità di certe famiglie (nell’aristocrazia ma anche nel momento più forte della borghesia) aveva un’incidenza diretta sulle strutture del potere. Non è necessario rivisitare la storia dell’antica Roma per capirlo. Questo era legato ad una struttura familiare di tipo tradizionale: solida, paternalistica, vincolata anche da interessi economici.Nella società attuale vedo una evoluzione dei legami familiari che tendono a destrutturarsi con maggiore facilità: l’economia era un fattore di aggregazione e forza ora è un motivo di indebolimento del legame familiare.Uno dei problemi ricorrenti nelle separazioni è infatti il mantenimento dei figli. Trovo anche un cambiamento del concetto di libertà: non più solo espressione e forma di “partecipazione” (ricordate Gaber?) ma anche di affrancamento, distacco. Sta prevalendo la ricerca di maggiore libertà individuale rispetto a quella sociale: per questo le coppie… scoppiano e le famiglie si disgregano. Contemporaneamente questa libertà si esprime anche su altri profili: di scelta del partner, di assecondamento di tendenze personali, intime (non importa “chi si è” ma “chi ci si sente di essere”, di qui la scoperta di nuove tendenze e istinti sessuali). Libertà come svincolo e facoltà di disaggregare per poi ri-aggregare in modo diverso. Questo coincide con la graduale decadenza del concetto di comunità: se vengono meno le ragioni per stare insieme, prevalgono quelle che mi rendono libero di stare con chi voglio, di sentirmi gratificato cercando percorsi nuovi di realizzazione personale. Io non sono un sociologo ma cerco umilmente di ascoltare, osservare e capire. La gente comincia ad avere una diversa percezione del legame affettivo rispetto al concetto di “tempo”: una volta i matrimoni “duravano” (come aveva scritto nel suo commento una attenta lettrice) e durando “reggevano” la società. Ora accade il contrario: ci si accorge che in una società aperta ci sono possibilità di provare diverse esperienze sentimentali, di unione, di coppia ecc. Si pensi al concetto di “vedovanza”: una volta il coniuge che sopravviveva al decesso del partner gli restava idealmente fedele anche “oltre” la mera presenza fisica. Adesso noto che nelle coppie giovani c’è una maggiore disinvoltura nel prendersi e nel lasciarsi. Il problema, spesso, consiste nel fatto che ci possono essere figli da gestire, anche quando si pensa di “rifarsi” una vita. Per questo si parla di genitore sociale: la famiglia si allarga, prevede nuove unioni che si sovrappongono alle precedenti e la gestione dei figli diventa più complicata da programmare. In generale osservo che non sempre questo si traduce in difficoltà insormontabili. I figli (anche se faticosamente e a seconda della propria, personale sensibilità individuale) si stanno abituando alla separazione dei genitori e alla costituzione di nuovi legami familiari di ciascuno dei due. Il tutto, ripeto, in nome di una prevalenza delle ragioni di libertà individuale sui vincoli e sui legami. A volte le nuove intersezioni familiari sono complicate ma se i genitori si comportano con reciproca comprensione le difficoltà per i figli possono essere stemperate. A condizione che prevalga un clima di serenità nei rapporti e di rassicurazione emotiva per i bambini e i ragazzi.Trovo molto utili le iniziative di mediazione familiare come agente di compensazione dei conflitti.

  20. Ricordo di aver letto che in certe scuole cominciano a registrare i dati anagrafici dei genitori degli alunni da iscrivere o per consegnare le pagelle, scrivendo “genitore 1” e “genitore 2”, invece che “padre” e “madre”.
    Questa mi sembra una demagogica idiozia, tipo quella di far togliere i presepi e gli alberi di natale per non urtare la suscettibilità degli altri.
    Andando avanti di questo passo saremo in piena babele sociale.
    Si può dire pane al pane e vino al vino?
    Cioè padre al padre e madre alla madre? Non mi sembra una complicazione ma una semplificazione: l’alunno/figlio capisce prima chi è il papà e la mamma. Se attribuisce a loro dei numeri magari sbaglia e tutto diventa un rebus. Ma perchè a volte ci facciamo prendere dalla mania di complicare le cose?

  21. Stiamo attraversando un periodo di profonde trasformazioni, tutto quello che sembrava consolidato si rimette in gioco ogni giorno, su tanti fronti della vita individuale e sociale.
    Apprezzo molto il realismo e l’atteggiamento di apertura dell’articolo alla nuova realtà che sta crescendo intorno a noi, anche su questo tema così delicato. L’importante è agire con coscienza e rispettare i cuccioli dell’uomo, prima di tutto… e di tutti.

  22. I figli hanno diritto ad avere un padre e una madre: la natura dice questo, le storpiature mentali dell’uomo vogliono portarci oltre le maternità surrogate, verso la selezione della specie. Le donne disponibili diventeranno fabbriche di bambini vendibili e acquistabili e questi ultimi prenderanno il posto dei cagnolini. Quando non accadrà di peggio, chi conosce la storia sa che è già successo, da Sparta al Terzo Reich. Auguri!

Rispondi a WB Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*