Fabrizio De Andre’ rivive col Coro “DANEO”, diretto dal maestro Gianni Martini.

Ariel- Tantissime persone, qui a Pra’, sono anche socie Cup e frequentano i corsi di Macrame’, Storia del Cinema, Medicina ed altro ancora, presso la P.Thouar, il Municipio, il gruppo storico Praese. L’associazione si è espansa moltissimo, qui a Ponente, e propone sempre interessanti iniziative, che segnaliamo con piacere.

Per sabato 27 p.v., come da locandina allegata (per vederla tutta cliccarci sopra), il Museo Navale di Pegli ospita un omaggio musicale al grande FABER, indimenticato interprete e poeta della nostra terra e mare, dell’amore, della vita, del dolore, della morte…Nei suoi testi, o meglio, versi, troviamo sempre un po’ di noi ed è bello sempre, cantarlo ed ascoltarlo. Invitati Soci e simpatizzanti.

7 Comments

  1. Non al denaro, ne’ all’amore, ne’ al cielo…
    Uno come Fabrizio è irripetibile, è stato definito la più bella voce maschile dell’ultimo secolo, ed i suoi testi sono qualcosa di grande: piace anche ai ragazzi di oggi, nn solo a noi anni’60.
    Personalmente, non vorrei perdermi questo “memorial”, e speriamo che in molti lettori approfittino della segnalazione di SUPRA’ tutto!

  2. Faber è rimasto nel mio cuore per la sua poesia. Ogni sua canzone è un capolavoro, ascoltandolo ricordo gli anni più belli della mia vita. Trovo struggente e un palmo sopra tutte “La canzone dell’amore perduto”. Un’elegia all’amore come sentimento esistenziale che si rinnova ad ogni nuovo incontro e ci accompagna tutta la vita. Tra promesse di eternità, affetti che appassiscono con tempo e che rinascono con nuovi volti e nuove speranze. Immenso.

  3. Quanta poesia, quanta melanconia, quanta verità, quanto anticonformismo negli anni che non molti lo seguivano. ” dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior” !

  4. La canzone dell’amore perduto

    Ricordi sbocciavano le viole
    con le nostre parole:
    “non ci lasceremo mai,
    mai e poi mai”
    Vorrei dirti, ora, le stesse cose
    ma come fan presto, amore,
    ad appassire le rose
    così per noi.
    L’amore che strappa i capelli
    é perduto ormai.
    Non resta che qualche svogliata carezza
    e un po’ di tenerezza.
    E quando ti troverai in mano
    quei fiori appassiti
    al sole di un aprile
    ormai lontano li rimpiangerai.
    Ma sarà la prima
    che incontri per strada,
    che tu coprirai d’oro
    per un bacio mai dato,
    per un amore nuovo
    E sarà la prima che incontri per strada,
    che tu coprirai d’oro
    per un bacio mai dato,
    per un amore nuovo.

    Questa è poesia che vale in ogni luogo e in ogni tempo: ci parla della vita, dei sentimenti, dell’innamoramento come forza che guida la nostra esistenza, degli amori presunti eterni e di quelli che sbocciano per dimenticare gli addii e dirci che la vita continua sempre, oltre noi, oltre tutto.

  5. Adoro tutto l’album “Anime Salve”…straordinario, ha segnato, secondo me,un forte elemento di rottura come testi e musicalita’, rispetto alle ballate piu’ note ed ascoltate: c’e il mondo, il Brasile, la Sardegna, Genova, naturalmente…l’accompagnamento della voce soave della compagna Dori. Ma se devo dire il vero, sarei in grande difficoltà a dover scegliere una preferita, tra tutte le raccolte, come dice un commento precedente, ognuna e’ un capolavoro.

  6. Faber e’ innanzitutto un poeta, un poeta che sapeva cantare e cantava cio’ che nessuno in quegli anni osava cantare.Un anticonformista,proponente di una realtà che esaltava gli umili, i diseredati,le prostitute; amante della sua terra dove riscontrava i valori più alti, non certo nella Genova borghese, ma nei vicoli, nei caruggi, quei luoghi che lui tanto amava.Le sue canzoni sono mitiche e paciono molto alle nuove generazioni perché la musica e’ connessa alla poesia e si sa… i grandi poeti sono immortali……

Rispondi a Fabio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*