Estendere anche a levante la riqualificazione urbana del P.O.R. Pra’ Marina.

Luciano Bozzo

Il progetto P.O.R. – Pra’ Marina, finanziato in gran parte dall’Unione Europea, pur con qualche limite e non pochi evidenti problemi alcuni dei quali tuttora irrisolti, ha riportato decoro e valorizzato la porzione centrale e orientale del litorale praese, ma ha lasciato scoperte l’estremità di levante del sestiere di Pra’ – Longarello e tutta la zona del ponente, nei sestieri di Pra’ – Palmaro e Pra’ – Cà Nuova. I problemi ed i ritardi ovviamente ci sono stati e ci sono tuttora, e talvolta in maniera davvero incomprensibile e difficile da spiegare ed accettare, basti pensare al fatto che ancor oggi a oltre 5 anni dall’inizio dei lavori questi non sono ancora stati completati nel lotto di ponente di via Pra’ in cui ben tre diverse aziende si sono succedute e che gli impianti sportivi del   Parco di Levante devono ancora essere inaugurati  e sono in attesa di trovare chi li dovrà gestire o ancora alle “magagne” grandi e piccole che emergono quasi di continuo. Pur in questa situazione, che sfiora a tratti il grottesco, pare comunque indubbio che il progetto del P.O.R abbia rappresentato una effettiva opera di riqualificazione a vantaggio dei tre sestieri praesi di Borgo Foce, Sapello e Longarello; quanto questa riqualificazione sia stata efficace e soddisfacente e quanto invece avrebbe potuto essere migliore è naturalmente oggetto del giudizio soggettivo di ognuno; ma basterà ricordare, tra i tanti elementi positivi, la sparizione del vecchio tracciato ferroviario che separava l’abitato dalla Fascia di Rispetto, il restyling di Piazza Sciesa e del Parco Dapelo, il tratto pedonale introdotto tra la piscina e il rio San Pietro, l’allontanamento della sede stradale  ed il conseguente allargamento dei marciapiedi sotto la palazzata delle case in via Pra’, il   recupero della vecchia stazione ferroviaria intorno a cui è stata disegnata di fatto una nuova piazza pedonale (tutte opere finanziate nel corso degli anni dal P.O.R) per ritenere che questo progetto abbia effettivamente portato ad un miglioramento tangibile dell’aspetto urbano e che ora varrebbe semmai la pena provare ad estenderlo anche a ponente nei sestieri di Palmaro e Cà Nuova e a levante fino a Castelluccio. E mentre per la zona di ponente l’estensione della riqualificazione in stile P.O.R è oggetto di discussione e progettazione all’interno del Tavolo tecnico Pra’lmarium nulla invece si sta oggi facendo per la zona di levante compresa tra la Rotatoria Pontile ed il Castelluccio di Pra’, zona che costituisce il punto più degradato del litorale praese e necessita di interventi urgenti di recupero e valorizzazione. A tal fine la FondAzione PRimA’vera si è avvalsa della collaborazione dell’architetto Patrizia Pittaluga, esperta di urbanistica e architettura del paesaggio e amica della FondAzione per provare a immaginare e disegnare come anche questa parte di Pra’ – Longarello potrebbe migliorare decisamente il proprio aspetto migliorando al contempo la vivibilità e la fruibilità da parte dei residenti e non solo. La proposta progettuale verte su alcune idee portanti: innanzitutto la demolizione del muro della ex linea ferroviaria in questo tratto e la rimozione della vecchia massicciata e di tutti i detriti e i rifiuti accumulatisi in anni di incuria e degrado. Quindi la realizzazione della passeggiata ciclo-pedonale, in prosecuzione di quella della Fascia di Rispetto di Pra’ e in modo tale che si avvicini a quella del Lungomare di Pegli. Il tutto in continuità con quanto fatto dal P.O.R. – Pra’ Marina, se non meglio, con gli stessi concetti estetici, la pavimentazione, lampioni ed arredi urbani, e magari, aggiungiamo noi, una maggiore attenzione e cura nei dettagli, nella qualità dei materiali impiegati, nell’esecuzione dei lavori. Quindi la creazione e l’aumento degli spazi di verde con l’impianto di alberi, arbusti ed essenze sempreverdi autoctone e non (amarene, fico, biancospino, alloro, gelsomino, oleandro, timo, rosmarino, agave, aloe, vite canadese etc) lungo i vialetti e i passaggi pedonali arrivando anche a circondare e schermare l’Isola ecologica di AMIU e la sede stradale. Per maggiori dettagli su questa proposta e per il rendering dei vari luoghi vi rimandiamo alla presentazione realizzata dalla FondAzione e collegata a questo articolo.  Nei giorni scorsi abbiamo inoltrato questa presentazione al presidente del nostro Municipio Claudio Chiarotti, al quale abbiamo chiesto un parere ed anche se e come la Giunta Municipale possa eventualmente promuoverla e spingere verso una possibile realizzazione. E nella risposta il presidente Chiarotti ci ha anche rivelato un particolare retroscena:<<Apprezzo molto e condivido la proposta della FondAzione PRimA’vera che del resto già avevo avuto modo di vedere in precedenza. Osservo peraltro che negli anni scorsi l’architetto Mirco Grassi (Responsabile del procedimento per la realizzazione dei lavori del P.O.R. Pra’ Marina) aveva già considerato e progettato la rimodulazione di quegli spazi secondo un progetto molto simile a quello da voi proposto tanto più che i ribassi d’asta del Parco di Levante sembravano poter garantire anche i fondi necessari per la sua realizzazione. A impedire questa cosa sono però intervenuti due fatti. A quanto ci è stato riferito la variante necessaria per collegare la rotonda Pontile al Parco di Levante, inizialmente non prevista dal progetto, avrebbe drenato tutte le risorse disponibili. Inoltre l’attuale Giunta comunale ha suddiviso gli uffici che facevano capo ai Lavori pubblici in due diversi ambiti, quello della progettazione e quello della realizzazione delle opere, ognuno con le sue procedure e i suoi funzionari rendendo più complicata la gestione del P.O.R e gli sviluppi delle opere e anche dei lavori di minore impatto in esso inseriti o ad esso collegati. E a questo punto visto che si fatica ad avere a disposizione dei finanziamenti anche per il completamento di opere di minimo impegno economico, in tutta onestà deve dire che da Presidente del Municipio se ci fossero dei fondi a disposizione del territorio preferirei destinarli ad altre aree che a mio giudizio sono maggiormente bisognose di riqualificazione come ad esempio Palmaro e Cà Nuova>>. A questo punto gli abbiamo chiesto se la Giunta Municipale pensa comunque di poter fare qualcosa perchè questa proposta progettuale (alla quale se ne affianca anche un’altra che ricalcando per molti aspetti la stessa filosofia prevede una ri-sistemazione della sponda destra della foce del rio San Pietro) non diventi lettera morta.<<Posso sicuramente prendere l’impegno di sollecitare il Comune per sapere cosa intende fare per questa parte di territorio di Longarello che dovrebbe collegare la passeggiata ed il parco di Levante di Pra’ alla zona di Pegli Lido (dove spero si possa realizzare il porticciolo e quindi anche il tratto ciclo-pedonale di collegamento) ed alla passeggiata di Pegli, tanto più che ci sono a disposizione anche delle valide proposte dei cittadini>>.

Estensione POR Pra’ Marina a Levante

2 Comments

  1. Detesto i lavori lasciati a metà! i POR sono tra questi: bello il parco, la pista, le rotonde, le varie zone recuperate per il passeggio e le paanchine, tutte al centro di Pra’ma…..il Levante? Il Ponente?
    Cosi’ non va, tutto deve essere senza soluzione di continuità, dal Castelluccio alla Verrina, senno’ che riqualifica e’?
    Meditate , governanti, meditate….

  2. L’idea progettuale presentata nell’articolo è molto bella e sarebbe una vera riqualificazione e valorizzazione non solo della zona di Longarello, ma di tutta l’intera area interessata dal POR perché, insieme alle opere previste per i Sestieri di Palmaro e Ca’Nuova, porterebbe a compimento l’opera stessa. Spero ardentemente che la “suggestione” venga accolta e che si trovino i fondi per realizzarla.
    In questi ultimi giorni e “notti” siamo stati tormentati dal rumore continuo di una nave, la MSC MELATILDE, oltre ai consueti cicalini… Direi che migliorare il luogo in cui viviamo sia il minimo che possiamo chiedere….(in perenne attesa del le navi si alimentino da terra e che vengano sostituiti i cicalini con altri a “rumore bianco”…)

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*