Dedicato a Don Gianni Borzone nel 60° anniversario di sacerdozio.

Viene un’età in cui i ricordi sono più nitidi delle speranze

Francesco Provinciali

“La piazza è mia!”….”La piazza è mia!” gridava o bisbigliava il matto del paese nel film “Nuovo Cinema Paradiso” e anche noi ragazzi, senza rivendicarne la proprietà, avevamo una piazza tutta nostra e, poco distante, spesso pure il cinema, in genere vicino ai locali parrocchiali del nostro piccolo paese. La piazza era un luogo di ritrovo spontaneo, sempre aperto ai nuovi ingressi : questo accadeva un po’ ovunque per i ragazzi della mia generazione, nessuno è mai stato rifiutato. Chi ci torna adesso trova tutto come prima, quando ci si andava per fare quattro chiacchiere o una partita al pallone. Forse si è perduto lo spirito di un tempo che era fatto di estro e improvvisazione, di divertimenti a buon mercato, di lunghe conversazioni sulle cose della vita, a cominciare da quelle del presente – che ci sembrava sostenibile, a differenza di oggi – per proseguire con le speranze di un futuro che immaginavamo affascinante e migliore di come poi invece è stato. Non c’erano telefonini e computer, videogiochi o tablet: ci si sedeva tutti lì, sui gradini dell’abitazione del “Don” e si parlava, anche fino a notte fonda, scrutando le stelle.

1972 con Pinuccio Oddone; salita al Castore (monte Rosa)

Don Gianni Borzone era il riferimento di tutti, non servivano ‘pass o tessere’, sapeva accoglieva con gioia e condivisione, la breve rampa di scala che portava a casa sua era il nostro buen retiro serale: per le partite o i racconti che restano nel cuore come miti ancestrali, gli archetipi della nostra gioventù spensierata, ci accoglieva nel suo salotto. In quella piazza che, nelle luci e nelle ombre si scrutava affacciandosi alla sua finestra, ma in tutti i suoi anche più reconditi paraggi ci siamo cresciuti, la nostra adolescenza l’abbiamo vissuta lì e poi ognuno è andato per la sua strada.Ma quei muri scrostati, quegli intonaci consumati come le ardesie dei gradini, quel selciato sono rimasti nel cuore di tutti coloro che sono passati di lì, ne sono certo. Penso di poter affermare , guardandomi intorno e osservando la deriva inarrestabile di decadenza dei costumi sociali, la mancanza di progetti condivisi, il diffuso rancore collettivo e la diffidenza che oggi pervadono le relazioni umane fino a far venir meno il valore quasi ‘certificativo’ della parola data, della stretta di mano, che si tratta di tempi che non torneranno più, nello spirito, nel cuore e nelle menti: per questo diventa importante ricordare e considerare con nostalgia ma anche con un pizzico di ironia quella stagione irripetibile della nostra vita. Ci si rende conto, guardando a ritroso, che avevano ragione i nostri vecchi quando ci insegnavano che le tradizioni, i valori vanno conservati come primo apprendimento della vita: rispettarsi, volersi bene, divertirsi in modo spensierato senza scordarsi di dare il giusto peso alle cose, a cominciare dal sapersi accontentare di ciò che avevamo, pur senza precludere l’animo ai sogni e alle speranze. Trovo che oggi questo concetto si sia ribaltato e allora diventa più importante apparire che essere. Questo è, in genere, il prevalente messaggio che riceviamo dai nuovi maestri di vita, prima fra tutti la televisione e la rete, per non parlar del resto. Un amico di tante fantasticherie e compagno di altrettante innocenti scorribande mi diceva spesso in quelle sere illuminate dai lampioni, ora fermi, ora ondeggianti al soffio della tramontana, in un silenzio oggi irreale, “verrà un giorno che questi muri parleranno, qualcuno dovrà scrivere qualcosa su quello che ha visto questa piazza”. Di gente ce n’è passata e di tutti i tipi e ho anche saputo che qualcuno non c’è più. Ma sono certo che ognuno di noi, tra quelli che sono rimasti– sperso nei mille rivoli che per scelta, necessità o destino la vita ti para davanti e più o meno generosamente ti propone, serba un ricordo grato e indulgente verso quegli anni di amicizia e di frequentazione: non tutte le parole dette tra noi e non tutti i passi calpestati su quel selciato sono stati inutili e perduti. Ai ricordi comuni contribuisco anch’io, con questa pagina, ed è un omaggio sincero all’adolescenza dei tanti ragazzi cresciuti nelle piazze di paese o di borgata, che forse ingenuamente credevano in un mondo migliore. I passaggi generazionali conservano pur sempre un loro valore recondito, anche nella cronaca che poi si fa storia o in essa si perde fino a caratterizzare un’epoca, di cui ciascuno ricorda i propri aneddoti. Ma sono certo che nessuno potrebbe scrivere abbastanza per raccontare davvero tutto quello che quei muri saprebbero narrare, se davvero potessero un giorno parlare. Così come sono sicuro che il nostro “Don”, assunte altre e più importanti responsabilità per portare il Vangelo nelle case del popolo e il popolo nella casa di Dio, non abbia mai dimenticato quella stagione di spensieratezza spogliata da ogni malizia, a guardarla a ritroso persino ingenua ma sincera e ricca di sentimenti. Correvano gli anni che qualcuno ha definito ‘irripetibili’: rivisitando il passato e confrontandolo con il presente molte cose sono davvero cambiate, sulla scia del progresso, e certamente non tutte in meglio. Ma ancora oggi, qui e altrove, in piena epoca di globalizzazione e di melting pot sociale, immedesimati nella rivoluzione tecnologica che ha radicalmente modificato la nostra vita, se uno vuol cercare il genius loci, ciò che rimane del tempo andato e gli conferisce una particolare identità, lo può trovare nella piccola o grande piazza del suo paese o della sua borgata, tra ricordi, fantasie e immaginazione.

11 Comments

  1. Anche tu, Francesco hai avvertito il bisogno di scrivere sul nostro caro don Gianni…hai reso a meraviglia l idea di un periodo irripetibile e felice, in cui ci sentivamo di potere e volere tutto…ed il Don era il nostro.mentore e guida, ha reso la nostra giovinezza mitica, consegnandola ai ricordi più cari ed indelebili…grazie!

  2. Una bella dedica piena di ricordi e nostalgia.
    Vivendo i tempi di oggi non possiamo che rimpiangere quelli di ieri, oltretutto eravamo giovani e spensierati
    Mi unisco al ringraziamento.

  3. Evviva gli anni della piazza, dei gavettoni e delle partire a pallone.
    Don Gianni ci portava spesso a Vesima per un ritiro spirituale con la sua 500 blu. Quanti bei ricordi
    Samp e Genoa per tutti, non c’erano altre squadre

  4. Le ragazze erano rispettate, c’erano i filarini ma non cose volgari o violente.
    Non ci passavano neanche per l’anticamera del cervello.
    Eppure amori ne sono nati tanti.
    Don Gianni vegliava sornione con il suo sorriso beffardo.
    Ma eravamo tutti innocenti

  5. Don Gianni era una calamita di simpatia, buonumore e goliardia, attirava tutti. Mai visto triste o depresso, pesante o dottrinale.
    Sapeva insegnare il Vangelo partendo da noi, dalle nostre esperienze di vita.
    Ma nessuno si è mai permesso troppa confidenza.
    Non c’era bisogno che lui chiamasse i genitori a colloquio: ci parlava lui, direttamente.
    E con bonaria simpatia ci metteva in riga, ricordandoci il nostro dovere.
    Ma quando c’era da divertirsi in modo pulito e amichevole si scatenava, era un vero trascinatore.
    Anche io ricordo e rimpiango quei tempi mitici.

  6. Ciao… grazie x questo tuffo nel passato ma ancora fresco nella ns memoria..x noi giovani vecchi della piazzetta… Adriano
    Il solito grande Francesco Provinciali, quanti ricordi Carlo
    …grazie…il bel tempo passato che continua a vivere con gioiosa malinconia…era tutto e troppo bello e non ne eravamo coscienti…un caro saluto a tutti Giorgio

    Belle riflessioni casomai le copio solo col nome…davvero se penso ai giovani ed adolescenti di ora…col covid e la DAD…l incomunicabilità…i problemi del lavoro…la nostra generazione ha vissuto bene ‍♀️
    Come non essere d accordo? Eravamo in paradiso e non.lo sapevamo Elisa

  7. Bellissimo l’articolo di tuo fratello (non poteva essere altrimenti), ha descritto pienamente la vita e i sentimenti di quel periodo che non tornerà (come tutto ciò che passa), ma che si spera non abbia persodel tutto quello che di buono ci ha lasciato.
    Grazie Paola…io credo che nella nostra generazione siano rimasti
    Grazie Paola…io credo che nella nostra generazione siano rimasti dei buoni propositi, sentimenti ed ideali.
    Poi ovviamente la vita ti cambia ma la base è quella…anche l esempio dei nostri genitori. C’è lo portiamo dentro

  8. Penso alla sorpresa del Don quando Beppe gli porterà le stampe…sarà contento e ci uscirà, credo, un ulteriore cenotto…grz Francesco, SPT e gli amic*che hanno commentato. A’ bientot!

  9. Ripensando a quegli anni di gioventù libera dai pensieri viene un groppo in gola: eravamo amici senza sapere quanto valore ha nella vita l’amicizia. E la guida spirituale e i consigli di Don Gianni, uniti a quelli ricevuti in famiglia ci hanno conservato sani principi. Certo a guardare il mondo oggi è uno sfacelo… viene da mettersi le mani ai capelli., anche se molti di noi capelli non ne hanno più!
    Portate un abbraccio a Don Gianni.
    E un abbraccio a tutti i ragazzi della piazza di Palmaro.

Rispondi a Carlo Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*