Copertura afonica Pra’- Palmaro al via !

Redazione –

Martedì 2 marzo 2022, dalle 15 alle 16 si è tenuto in modalità webmeeting un importante incontro tecnico sulla copertura autostradale fonoassorbente di Pra’-Palmaro. Organizzato dal Comune di Genova, Assessorato allo Sviluppo del Porto su proposta della FondAzione PRimA’vera, ha visto la partecipazione, oltre all’Assessore Francesco Maresca ed allo staff del Comune composto da Casorati, Malaspina, Poetini, Pesce, Sibilia, del Presidente Onorario della FondAzione PRimA’vera, Ingegner Guido Barbazza, dal Presidente del Municipio VII Ponente, Claudio Chiarotti, dell’Ingegner Pier Paolo Venzano di Società Autostrade e del Geometra Renato Polidoro, del Consiglio di Comunità Praese. La necessità di organizzare tale incontro di approfondimento, con la partecipazione del Presidente del Municipio, è stata generata dalla precedente discussione sul tema tenutasi nell’ambito del tavolo tecnico per Pra’-Palmaro “Pra’lmarium” ed al successivo sopralluogo sulle aree di intervento da parte degli Ingegneri Barbazza e Venzano. L’ingegner Venzano ha illustrato il nuovo progetto per l’opera, che “contrariamente ai precedenti, anche in relazione a nuove norme e regole entrate in vigore, vedrà la copertura fonoassorbente realizzata strutturalmente in modo indipendente dal viadotto Palmaro”. Il programma dei lavori, già in fase di assegnazione, prevede prima la manutenzione del viadotto Palmaro, che dovrebbe svolgersi nella seconda metà dell’anno corrente, e a seguire la realizzazione della copertura fonoassorbente vera e propria, con inizio lavori a gennaio del 2023 e presumibile completamento nello stesso anno. L’Assessore Maresca ha garantito “la massima collaborazione e supporto dell’Amministrazione Comunale”, anche in nome dell’Assessore Comunale Pietro Piciocchi, che avrebbe dovuto partecipare all’incontro ma non è riuscito a collegarsi. Chiarotti ricorda la necessità di “rimontare prima possibile le barriere fonoassorbenti già presenti a Pra’ e rimosse”. Pier Paolo Venzano concorda e garantisce la massima attenzione della Società Autostrade sul tema, anche se non è stato in grado di precisare in sede di incontro le relative tempistiche in quanto responsabilità del suo collega, ingegner Barra, informazioni che saranno comunque fornite in occasione dei prossimi passaggi di condivisione del progetto che si terranno con il Municipio VII. In relazione alle richieste e proposte avanzate già in occasione degli incontri e sopralluoghi precedenti da parte di Guido Barbazza Pier Paolo Venzano conferma la disponibilità e volontà della Società Autostrade di rifinire in modo adeguato con motivi, colori e murales adeguati la galleria afonica, evitando quindi di replicare il mediocre grigio continuo dell’opera analoga realizzata sempre a Pra’ in corrispondenza di via Villini Negrone, recependo proposte da parte della FondAzione e del Municipio. Venzano conferma anche la piena disponibilità a restituire le aree cantierabili sotto forma di opere finite e fruibili dai cittadini cosa per le quali, su proposta di Guido Barbazza, sostenuta da Claudio Chiarotti, il Geometra Renato Polidoro produrrà una proposta specifica corredata di bozzetto, oltre alla proposta colorimetrica e mimetica della copertura.

3 Comments

  1. Ricordo che gli interventi di barriere fonoassorbenti non sono solo esclusiva degli abitanti di Prà ma anche di tutti quei genovesi che non hanno partecipato all’incontro, ma hanno gli stessi problemi. Non semnpre l’unione fa la forza.
    #PresidenteUCG

  2. Ottima notizia… Andiamo avanti… Certo, sembra la “novella dello Stento che dura tanto tempo…” però essere riusciti ad avere presenti coloro che sono direttamente coinvolti nel progetto è un importante risultato.
    La copertura della Autostrada nella zona di Palmaro è assolutamente INDISPENSABILE, così come il ripristino delle barriere fonoassorbenti e bene hanno fatto l’ing. Barbazza e il geom. Polidoro a ricordarlo durante l’incontro, così come hanno fatto bene a porre l’accento sul colore delle barriere stesse. Adesso speriamo che i tempi siano rispettati, così come quelli dello spostamento del sovrapasso verso il Porto, da cui dipende l’intero Progetto “RIDIAMO IL MARE A PRA’PALMARO” contenuto nel PINQUA, progetto vincitore del Bando interministeriale.

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*