Controcanto: la brutta regata

Antonella Freri –

Finalmente il giorno è arrivato il D-Day di Pra’ la manifestazione sportiva di rievocazione storica, istituita nel 1955 con lo scopo di rievocare le imprese e la rivalità delle più note Repubbliche marinare italiane: quelle di Amalfi, di Pisa, di Genova e di Venezia, quest’anno di svolge a Pra’.

Il mio stupore quando mi accorgo che la Società sportiva Speranza , gruppo storico di canottaggio Praese, non è presente alla manifestazione, coloro che avrebbero dovuto tenere il vessillo di una manifestazione all’insegna del canottaggio non esibiscono ne la partecipazione né l’organizzazione.

I varchi che portano alla fascia sono presidiati da ragazzi in pettorina arancione e verde, che se non si esibisce il pass non permettono l’entrata.

Un signore davanti al valico che porta alla stazione, indispettito dall’impossibilità di accedere alla stazione per poter prendere il treno, si scagliava contro il ragazzotto che poco poteva di fronte ad una disposizione.

«Solo qui succedono queste cose» gridava il signore adirato «devo passare dall’isola ecologica per arrivare a due metri da qui»

Ogni accesso era presidiato, ogni palco transennato, il Praese che tanto ha lasciato su quella fascia ora è tenuto fuori, anche il “foresto” sprovvisto di pass che desiderava passare una giornata di sport si vedeva respingere.

Non ci resta che tornare nella Pra’ vera, quella che non mette pettorine agli accessi, la Pra’ che non divide, la Pra’ dei negozianti, delle bancarelle colorate che ti offrono un po’ di ombra nella giornata soleggiata di Giugno. 

Ed è merito di questi operatori economici, questi negozianti che hanno permesso alla regata di non essere un fiasco completo, i cittadini di Pra’ danno sempre un valore aggiunto ad ogni manifestazione e anche in questo caso non si sono tirati indietro.

Ci prendiamo un gelato e la regata la vedremo dal poggiolo di casa.

La ferita di Pra’, quella ferita che non si rimargina, quella faglia di sant’Andrea che divide Pra’ è ancora presente, raffigurata da dei pass, da una gestione con visione limitata, Pra’ è di tutti, Pra’ è nostra, il nostro orgoglio, la fierezza nell’ ospitare famose manifestazioni, e questo deve essere aperto a tutti, tutti devono entrare, tutti devono conoscere la nobiltà dei Praesi.

Tutto questo non è possibile se ne si limita la raggiungibilità.

Dal mio poggiolo guardo il pezzo di mare che rimane, i galeoni passano su quella striscia d’acqua la poca gente che ha avuto la fortuna di poter passare grida “Genova – Genova”, che per un soffio arriva seconda.

Il palio finisce, ridateci la fascia

9 Comments

  1. Beh, Anto, non tutte le ciambelle riescono col buco perfettamente rotondo!

    Per quanto mi riguarda, dovendo documentare come cronista gli eventi, ero dotata di “pass” Tribuna Nord, ma e’stata con molti posti vuoti quasi sino alla fine,di sicuro occorreva un po’ d ‘elasticita’ nell ‘evitare cio, si riempiva fino a capienza, e poi stop… Penso che le falle eventuali sono tutte di questo tipo, imputabili a rigidità dei controlli, che magari avevano ricevuto istruzioni rigorose.
    Un’amica si è anche lamentata molto del viaggio di ritorno, attendendo un bus che non fosse strapieno, mentre gli orari ferroviari, contrariamente ad Euroflora, non sono stati potenziati.
    Al di la’, pero’, di queste disfunzioni, facilmente superabili in caso di seconda “ospitata” dell’ARMI a Pra’, a mio parere e’ stato un bellissimo evento per il nostro territorio, un valore aggiunto per Pra’!

    Condivido lo sconcerto per l’esclusione dello “Speranza”, non me lo so spiegare.

  2. Riporto lo stesso commento che ho messo su Facebook, evidenziando la fotografia errata della giornata. Personalmente ho trovato una buona misura di sicurezza il fatto che ci fossero controlli ai varchi, di aver limitato gli accessi a una zona senza vie di fuga (parte della fascia al di là del ponte) e di aver consentito l’accesso lato stazione a chi doveva prendere il treno. Poi non lamentiamoci se accadono tragedie e saremmo stati pronti tutti ad additare i responsabili con un bel “si poteva evitare”. Qui lo hanno fatto seguendo un protocollo antiterrorismo. Inoltre, l’accesso alla stazione dai binari 2 e 3 era consentito per chi voleva vedere la regata passando dall’isola ecologica o dalle piscine o dal campo della praese. Bastava fare 2 passi a piedi e muoversi per tempo. Non solo, in stazione c’era un maxischermo da cui si poteva seguire benissimo la regata standosene comodamente seduti a mangiare e bere. Magari comprando un bel bicchiere di birra della regata, devolvendo i 2 euro di cauzione in beneficenza all’Istituto Giannina Gaslini con i ragazzi dell’Alemante Friends che, sebbene non li conosca personalmente, si sono fatti e si fanno un mazzo tanto tutti gli anni e che in questa occasione hanno contribuito come sempre. Probabilmente, la signora non era molto dell’umore giusto o è solo una “vecchia mugugnona”, passatemi il termine scherzoso e ironico, che non ha saputo apprezzare una bella manifestazione ben organizzata, ben gestita e con tanti giovani. Detto ciò l’unico rammarico può essere per lo Speranza perchè è una società di canottaggio storica.

  3. Cara Antonella, a volte è meglio essere mutacichi, non sempre si deve commentare in negativo.
    Si prova si fa e poi la volta prossima si fa meglio. Non essere così severa.
    E’ già stato un grande successo portare la Regata storica a Prà.
    Accontentiamoci, dai.

  4. Dietro l’organizzazione di questi eventi ci sono delle precise regole di ordine pubblico , sicurezza e di eventuale gestione delle emergenze.
    Le amministrazioni e le società organizzatrici sono le dirette responsabili in caso di incidenti, loro devono in tutti i modi tutelarsi a discapito dello spettacolo a cui tutte le persone vorrebbero assistere.
    Secondo me la cosa più grave è la grande presa giro che i cittadini di Pra’ hanno subito, sono state fatte tantissime cose di “facciata” vedere la pulizia della fascia di rispetto, il taglio delle aiule sull’Aurelia, il rifacimento del ponte di legno sul Branega ecc ecc..tutte attività che se non ci fosse stato questo evento non sarebbero state fatte.
    I cittadini di Pra’, quali usufruttuari principali della fascia, si meritano questo durante tutto l’arco dell’anno e non solo in corrispondenza di eventi di interesse nazionale.

  5. Davide ha ragione, con l’aggravante che le cose di facciata sono state veramente poche. La regata avrebbe dovuto essere uno strumento per mettere a posto la foce del rio San pietro insabbiata e il vomitevole ingresso alla fascia sporco e imbrattato. E anche i lavori incompiuti del POR: andatevi a vedere la gabba-raccogli-rumenta di via Ausiliatrice, i tombini rotti la fontana di piazza venezian ancora da fare eccetera eccetera. Ancora una volta Pra’ è stata sfruttata per le sue risorse naturali, in questo caso fascia e canale da “gente venuta da Genova” che ha estromesso i praesi e lo Speranza come se fossero schiavi delle colonie.

  6. Bellissimo avere avuto la regata delle repubbliche a Prà ci ha portato immagine positiva. Bene il Sindaco che l’ha fortissimamente voluta a Pra’. Malissimo un Comune che non ha fatto niente o quasi di concreto per il territorio gestito in modo scandaloso da una scandalosa macchina comunal-municipale che non è ancora dopo anni in grado di finire i lavori del por e li lascia riempire di erbacce e sterpaglie. E poi il Municipio dov’è ? Ma esiste ?

  7. Sul mancato coinvolgimento dello Speranza nell’organizzazione, non mi esprimo perche’ non ne so nulla. Ovviamente, la cosa mi spiace. Buon senso e amore per le nostre realtà locali, sociali e sportive, vorrebbero che i nostri ragazzi fossero stati presenti e attivi. Non mi spiego il contrario e, ripeto, mi spiace. Sinceramente, però, non mi spiego come si possa affermare che “gli operatori economici di Pra’ hanno permesso alla regata di non essere un FIASCO COMPLETO”. Come dire che hanno salvato la regata da un tracollo … Un plauso e un ringraziamento anche da parte mia, ovvio, ma non mi pare proprio fosse in atto un disastro! La regata storica è stata un successo. Di storia, di cultura marinara, di tradizione, di “visibilità”, finalmente piena e ben argomentata, per la nostra Delegazione. E a testimoniarlo c’è stata un’affluenza che tutto mi fa pensare tranne alla “poca gente che è riuscita a passare” … c’è stato il mondo, a Pra’, quel giorno! Ed è stata una giornata memorabile. Di festa, di sport, di condivisione. Non saranno stati tutti contenti e qualcuno avrà mugugnato, ma il bilancio credo sia stato più che positivo. Credo anche si debba uscire dalla logica della “ferita aperta”. Il che non significa essere immemori della perdita che abbiamo subito e del trattamento vergognoso che ci è stato riservato. Significa, per me, convertire la negatività in sprone per continuare a migliorare. Perché non dimentichiamo che stiamo peggio rispetto a quando avevamo la spiaggia e il mare, ma stiamo meglio, molto e innegabilmente meglio, rispetto ai decenni bui del terrapieno/ferrovia/discarica. Portiamo avanti con spirito di positività il tanto che resta da fare, dalla cura del mantenimento come è stato suggerito, alla rinascita del Sestriere di Palmaro, che è un’assoluta priorità. Ma cerchiamo di mettere in evidenza il segno “+”, piuttosto che il segno “-“. Essere critici è costruttivo, ipercritici non credo.

  8. Bravissima Paola. Condivido in toto la tua ragionevole e pacata valutazione. Nelle cose bisogna vedere sempre medaglia e il suo rovescio, promesse e impegni e cose fatte e mantenute, coerenza tra teoria e pratica, in questo caso tra folclore e utilità. Carenze ce ne sono sempre in un esordio: occorre “guardare oltre”, coinvolgere le istituzioni, puntare il dito ma indicare anche ipotesi di soluzione.
    Chi vive in loco porta con se le remore recondite del passato recente, delle umiliazioni, dello stravolgimento ambientale. Ma un passo avanti è stato fatto.
    Dignità vuole che si dia il meglio di se, offrendolo a chi viene ospite da fuori.
    Prà ha onorato il suo dovere di ospitare al meglio: le pecche fanno parte della cronaca, ma l’eloquenza del riscatto non sarà sfuggita agli occhi più attenti, a chi sa senza esserci quotidianamente, a chi vede il degrado e rispetta e rende omaggio a chi lo ha subito. Sempre con dignità.
    Al primo posto viene questo. Il resto è umano, fattibile, migliorabile.
    Ma è pur sempre un onore e un merito esser stati protagonisti per un giorno di un evento di rilevanza nazionale. Sempre un passo avanti importante rispetto al passato.

  9. forse tutti giustamente parlano ma il problema principale che si è voluto sollevare è la mancanza della presenza, non voluta ma imposta, di una realtà locale che è stata messa da parte.
    Bello tutto quello scritto ma l’essere è diverso dall’apparire.

Rispondi a Elsa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*