Ci ha lasciati Marco Vinerba, direttore didattico per molti anni a Pra’

Elis@Provinciali

Marco Vinerba se ne è andato, a 71 anni, per morte improvvisa, dopo un semplice intervento chirurgico, lasciando affranti e sgomenti la moglie Francesca, il figlio Riccardo, gli adorati nipotini , Diletta e Valerio…e tutti noi che gli volevamo bene, la Pra’ che l’ha conosciuto nelle diverse fasi della sua vita. Per me, è stato a metà degli anni ’80, in quella scuola di frontiera che era l’elementare Niccolò Paganini, in pieno boom di abitanti nel quartiere Ca’Nuova di Pra’. Facevamo i doppi turni, le aule quasi non bastavano, l’ ambiente era un avamposto con punte di degrado sociale ed altre di famiglie meravigliose. Giovane maestrina, appena entrata in ruolo, Marco un po’ più grande, ricorrevo spesso alla sua esperienza per un consiglio didattico, o semplicemente, per confrontarmi col collega , come facevamo tutti tra noi. Correva il rinnovamento scolastico, si profilava il Tempo Pieno, erano appena entrati in vigore i Decreti Delegati, il mondo della scuola si apriva all’esterno. Ho un ricordo bellissimo di quegli anni, e Marco ne fa parte: sempre disponibile, cordiale, mai visto inquietarsi, svolgeva con passione il proprio ruolo, con professionalità e concretezza. Aveva inoltre, un sano humour, abbiamo condiviso risate e i bei momenti che non mancano in una scuola. Ci siamo poi ritrovati, recentemente, a collaborare nell’ambito di attività culturali collegate, per me col giornale e per Marco con la sua multiforme attività che occupava il suo post pensione, come la valorizzazione della Cappelletta di San Bartolomeo in piazza Bignami, per mostre di pittura, convegni e presentazioni letterarie. Era sempre lo stesso, pacato, amabile, una bella persona, che mi manca, e del quale ho sofferto la dipartita. Anzi, quasi mi aspetto di incontrarlo ancora per le vie di Pra’…con suo sorriso ironico, a volte indecifrabile, bonario. Alla famiglia, le più sentite condoglianze personali e da parte della Redazione e della Fondazione Primavera. Mi è stato chiesto da alcuni praesi di testimoniare il loro ricordo.

Francesco Provinciali

Marco Vinerba, per molti anni Direttore del Circolo Didattico di Prà era un caro amico e un valente collega. Sempre aperto alle innovazioni in campo didattico, possedeva una capacità organizzativa e un senso pratico non comuni. Trovava sempre la strada più diretta ed efficace per risolvere i complessi problemi di gestione di una realtà composita come quella delle Scuole della delegazione. Lo ricordo ai nostri incontri periodici del capi di istituto del ponente e a quelli del Provveditorato di Genova: sapeva unire competenza ed esperienza ad una grande umanità. Era ascoltato e stimato da tutti Ci confidavamo spesso sulle questioni professionali, oltre al rapporto personale ci univa una bella amicizia, il suo ottimismo mi contagiava! La definizione più appropriata e calzante di lui l’aveva data un collega insegnante, amico di entrambi, il mitico maestro Mario Strizoli della Paganini, un tipo che andava al sodo e portava allegria: << Marco Vinerba è un ragazzo leale e “reale”>> Sulla lealtà non c’è bisogno di spiegare il senso di tale pregio umano. Il termine “reale” invece va argomentato: voleva dire che Vinerba era persona schietta e sincera, che aveva una non comune attitudine nel saper sfrondare il superfluo dal necessario, che privilegiava la concretezza del fare all’aleatorietà del dire. Un direttore capace ed affidabile, senza smancerie, pratico,autorevole senza mai essere autoritario, aperto ai problemi del sociale, attento alle esigenze dei docenti e delle famiglie… Siamo stati colleghi per molti anni, c’era un’intesa speciale tra noi al pari di tutti i colleghi , specie del ponente genovese, dato che spesso ci si consultava per dipanare qualche garbuglio burocratico. Lui era andato in pensione qualche anno prima di me. Lo incontravo a Prà, e ci si fermava a ricordare i tempi del comune impegno professionale, condividendo una certa delusione per la piega burocratica e le complicazioni che avanzavano nel sistema scolastico. Ci sentivamo sovente anche per la comune militanza nell’Anpi: anche in questo contesto, affiancato dalla moglie Francesca, aveva chiarezza di vedute ed uno speciale legame, di rispetto e di affetto, verso i “vecchi” partigiani, a cominciare dal grande presidente, Raimondo Ricci. Ora che Marco se ne è andato mi volgo con il pensiero agli anni della militanza professionale e dell’amicizia personale, con una nostalgia che lascia una profonda tristezza nel mio cuore. La vita è fatta di incontri, sentimenti, relazioni umane. Si vive intensamente il presente poi viene il tempo del ricordo che è una ricapitolazione di tutte le cose vissute. Non potrò passeggiare per Prà senza pensare a Marco Vinerba, che tanto faceva parte di quel mondo e di quell’epoca. Caro Marco, mi mancherai ma porterò la tua leale “realtà” nel mio cuore come un dono che generosamente hai saputo lasciarmi.

Luciano Bozzo

Ho conosciuto Marco Vinerba in questi ultimi 5 anni sia in occasione delle 3 o 4 riunioni annuali del Comitato di Monitoraggio sul POR che come membro attivo dell’ANPI di Pra’ ed anche in qualità di animatore del Circolo Culturale Praese. ed ho avuto modo di apprezzare una persona seria e rigorosa e al contempo ricca di generosità e di umanità, con grande attenzione in particolare per le persone meno fortunate e più bisognose di aiuto Appassionato della storia e delle tradizioni della nostra Pra’, nel corso degli anni si era impegnato in prima persona per la pubblicazione di almeno un paio di valide e preziose raccolte di immagini e di fotografie sulla storia e le bellezze della Pra’ di ieri e dei giorni nostri. Ed il suo amore per la cultura e per l’arte l’ha continuamente dimostrato anche come organizzatore di mostre e spazi pubblici dedicati ai pittori e agli artisti locali nella cappellina San Bartolomeo di piazza Bignami che era anche sede del Circolo Culturale. Posso così dire con certezza che la sua mancanza segna purtroppo una grave perdita per la nostra comunità.

Fulvio Sorbara

Quello che mi piace ricordare a proposito di Marco è la sua grande disponibilità nei confronti degli altri. Con la nostra Associazione si è sempre attivato per mettere a disposizione, unitamente a Francesca, tempo, materiali e competenza al fine di realizzare al meglio le iniziative programmate. Tutto questo sempre senza far pesare le cose e con il sorriso sulle labbra. Per molti anni Marco e Francesca sono state le figure di riferimento A.N.P.I. Pra’con cui, con spirito di fattiva collaborazione, abbiamo celebrato l’anniversario della Liberazione. Mancherà a molte persone della nostra delegazione.

 

21 Comments

  1. Quando ho saputo che il mio ex direttore ci aveva lasciati, mi ha invaso una tristezza infinita. Con lui avevo iniziato a muovere i primi passi nella scuola, come supplente, ed era stato prima collega e poi direttore. Una persona affidabile, sempre pronta a darti un consiglio e con la battuta scherzosa che sapeva rincuorarti anche nei momenti difficili. Rimarrà per sempre nei nostri cuori.

  2. Io lo vedevo sempre per Pra’, ma l’ultimo ricordo “scolastico” che ho è l’ultima volta che è stato presente alla commemorazione del XXV Aprile, come ANPI, con la scuola Thouar e la sua commozione quando i bambini ha cantato Bella ciao

  3. Anche io sono stata colpita dolorosamente da questa triste notizia. Triste e totalmente inattesa e posso immaginare lo strazio dai suoi cari. Si, Marco Vinerba ha sempre fatto parte di Pra’ come costante presenza. Una presenza importante nel suo ruolo di Direttore Didattico, una presenza quotidiana negli incontri consueti lungo via Fusinato, in piazza Bignami, in via Pra’. E sempre insieme a Francesca, la mia cara amica di un’intera vita. Sono stati un esempio e una testimonianza di come sia possibile percorrere insieme la strada della vita stando vicini e aiutandosi a vicenda. Mi addolora profondamente questo improvviso e drammatico distacco, avvenuto in un momento tremendo, in cui siamo tutti “lontani” , in cui non è possibile neppure un abbraccio fraterno. Come credente sono sicura che Marco continuerà a sostenere i suoi cari e a stare vicino a loro, anche se la sua mancanza fisica si farà sentire. Cercheremo di onorarlo portando avanti i suoi progetti e sarà come averlo ancora con noi.

  4. Porgiamo le più sentite condoglianze alla famiglia a nome di tutti i volontari del Nuovo Cinema Palmaro. Insieme a sua moglie ci ha sempre sostenuto nella nostra attività con la sua costante presenza. Gli siamo grati per quello che ha fatto per l’intera Pra’ e per il bell’esempio che ci lascia di una vita vissuta per il bene, la cultura e l’educazione di tutti.

  5. Ricordo il caro Direttore Marco Vinerba con profondi stima ed affetto. Sono stata per qualche tempo una delle sue “maestre”. Poi ho passato anni scolastici in altre sedi e, quando sono tornata alla scuola Thouar, lui era appena a dato in pensione. Ma lo incontravo sempre per Pra’con tanto piacere

  6. Marco è stato per me un caro amico, un collega e poi, non ultimo, il mio dirigente scolastico.
    Ci siamo conosciuti nel circolo “PALMARO” verso la fine degli anni settanta.
    Abbiamo condiviso esperienze didattiche in quegli anni così ricchi di sperimentazioni che noi portavamo avanti con l’ entusiasmo della nostra giovane età e la convinzione di rinnovare la scuola partendo dalla base.
    Eravamo un bel gruppo di giovani insegnanti, con poca esperienza, ma convinti che la scuola doveva aprirsi al territorio e alla collaborazione fra noi docenti e con i genitori
    Col passare degli anni le nostre carriere hanno preso strade diverse, ma quando ci incontravamo per Pra’ ci fermavamo a chiacchierare volentieri.
    Ho ritrovato Marco come direttore didattico alla fine degli anni ottanta e per oltre quindici anni abbiamo lavorato e collaborato insieme.
    Già a mattino presto sapevi che potevi contare su di lui, perché era là alla sua scrivania sempre pronto e attento alle necessità di tutti.
    Abbiamo condiviso momenti di lavoro e allegria: la sua ironia non mancava mai.
    Più tardi abbiamo anche condiviso il nostro pensionamento.
    Ricordo anche gite di gruppo effettuate insieme; in particolare il primo settembre 2005 abbiamo brindato insieme in Austria al nostro primo giorno di pensione.
    Un abbraccio a Francesca e Riccardo.
    Katia Caviglia

    Dopo quello che Francesco Provinciali ha scritto su Marco Vinerba,ogni mia aggiunta sarebbe ben poca cosa.
    Con Marco ci incontravamo spesso a Pra’, anche ultimamente.
    Ricordo sempre le gentili, cordiali e sincere parole che mi ha detto alla conferenza dei direttori quando sono andato in pensione.
    Con lo stesso sentimento di amicizia le ridico io a lui adesso come commiato.
    Giovanni Damele

  7. Era un caro amico, mi spiace molto per la sua dipartita. Ho lavorato alla scuola come fotografo alle classi per molti anni. Un abbraccio a Francesca.

  8. Mi spiace davvero molto…esprimo le mie sentite condoglianze ai famigliari. Ne ho un buon ricordo, sia come Preside che come attivista dell’ANPI di Pra’, l’ho sempre apprezzato come una brava persona sempre molto impegnata nel suo territorio, che amava profondamente.
    Sono molto rincresciuto

  9. Grazie Elisa, commovente il ricordo di Marco Vinerba. Un’altra pagina di scuola cancellata e proprio in un momento cosi’ triste, manco e’ stato possibile un ultimo saluto…

  10. Brava Elisa, bell’articolo, come sempre…Vinerba era Direttore a Pra’ Quando mio figlio faceva le elementari, una bella persona.

  11. Una cosa ho dimenticato di scrivere nell’articolo: finchè Marco Vinerba fu Direttore Didattico, con sede alla “Pietro Thouar”, conservò con religioso rispetto all’ingresso della scuola, nei vari piani e nel suo ufficio, le numerosissime opere che il mio papà, “U mestru”, aveva realizzato con i sui alunni negli anni. Quando mi capitava di entrare, mi sentivo onorata di ciò, e grata a Marco: erano lavori impegnativi, un pannello a mosaico raffigurante la Liguria , un altro con tutte le dislocazioni delle Brigate Partigiane, poi gli animali marini, le Caravelle ed il viaggio di Colombo…tutti di grandi dimensioni, realizzate a traforo dai ragazzi, oppure a tempera su legno, o con tessere colorate…forse, ce n’e’ ancora qualcuna, ma ovviamente, sono cimeli, la scuola è cambiata anche nelle sue forme espressive.
    Grata a Marco, dicevo, per il rispetto che dimostrava nei confronti di un maestro a fine carriera, anche l’affetto, peraltro pienamente ricambiato, pur se li divideva una generazione.

  12. Ancora mi sembra impossibile che Marco non ci sia più. Sono stata la sua segretaria per 14 anni abbiamo collaborato lavorando insieme con grande rispetto l uno dell altra e viceversa. Sono andata via da Pra’ l anno precedente il suo pensionamento e ci sentivamo sempre almeno due o tre volte l anno per aggiornarci sulle nostre famiglie sulla nostra salute. Io dono diventata nonna lui anche. L ho sentito domenica 5 Aprile era ricoverato abbiamo parlato a lungo l ho sentito un po affaticato ma lucido ed impaziente di tornare a casa dopo qualche giorno. Il giorno dopo lunedi la triste notizia ed ancora adesso non mi sembra vero. Ciao Direttore come lo chiamavo io, condoglianze alla moglie e a Riccardo. Lia.

  13. Ho insegnato molti anni alla scuola Montanella, che è ancora oggi sede del Laboratorio Musicale che lì io fondai. Voglio ricordare un breve aneddoto. Mancava la porta blindata, non arrivava mai dopo mesi di richieste e nel Laboratorio non potevano dunque entrare le costose attrezzature che avevamo acquistato. Un giorno, improvvisamente, arriva Marco a scuola, e cosa fa? Da solo, senza aiuti, monta la porta di ferro di uno sgabuzzino e la rimonta all’ingresso dell’aula del Laboratorio, risolvendo così l’ annoso problema. Questo era Marco!
    Uno smisurato abbraccio a lui e anche a coloro che lo hanno ricordato qui con parole bellissime.

  14. Ciao Direttore. Io ti ho sentito sabato 4 aprile. Eri abbastanza sereno e parlavi di tornare a casa: quindi eri fiducioso.
    Ho tanti ricordi: a scuola, con te e Francesca a Prasco, dai parenti in Umbria, con nonna Bice. . ..
    Purtroppo non ci 6 più e te ne sei andato il giorno del mio compleanno. Anche Serena ti ha voluto bene. Siamo vicine a Francesca e a Riccardo
    CIAO D.D. (come ti chiamavo io) Rita

  15. Serbo un piacevole e grato ricordo per la sua profonda umanità quando era “reggente” a Masone.
    Molto democratico con noi insegnanti. Un abbraccio a Francesca ns. assistente sanitaria quando è stata c reata a Pra’ la” classetta” condivisa per un anno con mia sorella Mariuccia per ospitare ed inserire alunni, gravi portatori di handicap .

    Ada Tavella

  16. Per me, Marco Vinerba e’ stato il direttore didattico di quando mio figlio Tommaso era alla scuola primaria, ma soprattutto il marito di Francesca ,cara amica. Sempre pacato, la sua analisi coglieva nel segno senza mai oltrepassare il politicamente corretto. In tempi difficili per la nostra amata scuola, riusciva ad ascoltare, talvolta a criticare, ma sempre a consolare.
    Mi mancheranno il suo sorriso sornione e la sua gentilezza. A Francesca il mio piu’ grande abbraccio. Isabella

  17. In questi giorni fuori Genova, ho ricevuto la triste notizia…
    Giovane maestra, arrivata a Pra’ nel lontano 1975, ricordo più degli altri, Marco Vinerba, mio ultimo “direttore” dai primi anni novanta.
    Dal 1° settembre del 2000 è stato applicato alle istituzioni scolastiche il regolamento dell’autonomia. Il dirigente scolastico ha assunto un ruolo di grande delicatezza nella rete dei rapporti che si stabiliscono dentro e fuori la scuola. In questa rete il “mio direttore” ha continuato a svolgere la sua funzione di regia e di coordinamento esplicando non solo le sue competenze professionali ma anche dedizione, generosità e umanità.
    Lo rammento con gratitudine quando ha presentato alla popolazione il libro storico-documentale “Storia della nostra scuola”, realizzato nei miei ultimi 3 anni scolastici con i miei alunni. Preziosi il suo contributo nella consultazione dei documenti presso l’archivio della scuola (quante volte ci accoglieva nel suo ufficio con tanta pazienza ed un dolce sorriso sulle labbra!!!), il suo appoggio per continuare la nostra ricerca, l’incoraggiamento ai bambini e soprattutto il suo aiuto per dare alla stampa la nostra ricostruzione paziente e articolata sulla nostra Scuola Pietro Thouar.Era l’anno 2005 ed ecco l’uscita del nostro volumetto. Dal 1° settembre 2005 entrambi in pensione…
    Un grande abbraccio a Francesca (anche mia “assistente sociale” facente parte dell’equipe medico-psico-pedagogica nei miei primi anni a Pra’ quando era iniziato l’inserimento di alunni con handicap).
    Profondamente commossi gli alunni che lo ricordano con simpatia
    Mariuccia Tavella

  18. Non riusciamo a trovare le parole per poter esprimere le nostre emozioni nel leggere gli articoli e i commenti dedicati a Marco, nei quali abbiamo ritrovato la sua leale realtà.
    Ringraziamo tutti per la vicinanza e la partecipazione al nostro immenso dolore.

  19. Vinerba non lo vedevo da anni, direi molti , ma il ricordo di lui non mi è affatto sbiadito . Abbiamo lavorato assieme nelle scuole del Ponente, ci incontravamo assieme agli altri colleghi per discutere su come rendere operative in un territorio con problemi sociali complessi le norme che alla scuola arrivano dagli uffici centrali dell’amministrazione. E poi in Conferenza nel confronto partecipato e sempre serrato con il Provveditorato.Nei
    suoi interventi c’era sempre delle costanti che mi suscitavano ammirazione: pacatezza ma incisività, assenza di orpelli retorici e discorsi sintetici sulle soluzioni concrete da intraprendere, riferimenti continui alla realtà in cui si operava e dei cui diritti si sentiva rappresentante e difensore. Mai un cedimento rispetto alla forza ed alla concretezza delle sue affermazioni e proposte. Ricordo anche quel suo sorriso, molto evidente nella foto che qui viene pubblicata, modesto un poco sornione , e quella sua voce profonda che dava maggiore incisività alle sue parole. Parole pronunciate, espressione di un viso, profondità di una voce che non dimenticherò mai , assieme credo a tutti coloro che l’hanno conosciuto . Grazie a tutto questo Vinerba continua a vivere dentro ciascuno di noi.

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*