Centro Remiero Federale a Pra’: parla Francesco Ferretto

Alessio Ponte –

SuPra’tutto da spazio a Francesco Ferretto, Presidente del Comitato Regionale FIC (Federazione Italiana Canottaggio) Liguria che ha chiesto di esprimersi in merito alle recenti vicende che coinvolgono il Centro Remiero di Pra’. L’intervista, condotta da Guido Barbazza, Direttore Editoriale di SuPra’tutto, si è tenuta sulla Passeggiata Spiaggia di Pra’ il 16 ottobre u.s. Barbazza: «Presidente, grazie per aver voluto utilizzare SuPra’tutto per esternare il suo pensiero. Innanzitutto, può fare il punto sulla situazione relativa al Centro Remiero di Pra’ ?». Ferretto: «Innazitutto grazie per l’opportunità, ed un saluto ai lettori di SuPra’tutto. La situazione del Centro Remiero di Pra’ ad oggi è la seguente: con la modifica delle concessioni del compendio della Fascia di Rispetto di Pra’ da parte del Comune di Genova, ratificata lo scorso giugno 2019, Il Comune ha riportato a sé la concessione delle aree preventivamente concesse all’Associazione Pra’ Viva. A seguito della modifica il Comune ha poi dato in sub-concessione diretta i vari spazi di competenza alle realtà associative che insistono sull’area (N.d.R.: tra cui le “storiche” G.S. Speranza, G.S. Aragno, SMS Pescatori, e tutte quelle che si sono aggiunte in tempi successivi). In questo contesto, il Comune di Genova ha affidato in sub-concessione al G.S. Speranza Pra’ il Centro Remiero (N.d.R.: composto dalle due palazzine gemelle Nord e Sud e dall’hangar centrale, da qualche anno dimora del Galeone di Genova) ed il Campo di Regata. Ci tengo a sottolineare che il Campo di Regata di Pra’ rappresenta una eccellenza come poche in Italia per quanto riguarda il canottaggio vantando un ubicazione centrale rispetto alla Città ed una logistica invidiabile essendo a pochi passi dalla Stazione ferroviaria di Pra’ ed a pochissima distanza dal casello Autostradale Pra’ e anche dall’aeroporto di Genova. Proprio per questi motivi, credo che uno spazio con così tanto potenziale debba poter essere sfruttato al massimo delle proprie possibilità. Nei giorni scorsi il Comune di Genova ha modificato a la sub-concessione affidando la Palazzina Sud e l’Hangar Centrale del Centro Remiero alla Federazione Italiana Canottaggio e la Palazzina Nord al G.S. Speranza Pra’. La motivazione di tale variazione è la volontà del Comune di creare un Centro Federale Universtario di Eccellenza per il Canottaggio. Progetto che, se sviluppato correttamente, porterebbe sicuramente un beneficio a tutto il movimento ligure dello sport del remo e non. Tale decisione ha creato comunque degli attriti tra il G.S. Speranza Pra’ e chi usufruisce normalmente della struttura del Centro Remiero (N.d.R.: utilizzato anche da altre società sportive non di canottaggio e che ospita un centro di medicina dello sport), la Federazione Italiana Canottaggio ed il Comune di Genova. Barbazza:«Presidente Ferretto, grazie per i chiarimenti, che i molti lettori ci chiedono in continuazione, sullo stato delle concessioni del Centro Remiero di Pra’ e della situazione della storica associazione di canottaggio locale, il G.S. Speranza. In sintesi, molti sono contenti che Pra’ possa arricchirsi con un centro di canottaggio federale universitario, ma in generale non possono accettare che il G.S. Speranza, la società locale che ha contribuito in modo determinante alla creazione della Fascia di Rispetto e delle strutture per il canottaggio, possa essere danneggiata o penalizzata. Alla luce dei fatti qual è il suo messaggioFerretto: «Spero vivamente che tutti gli attori coinvolti siano in grado di sedersi ad un tavolo e superare ciascuno i propri interessi particolari per perseguire insieme un obiettivo di così alto profilo, garantendo al tempo stesso che il G.S. Speranza Pra’ (ed il Judo Pra’ che utilizza la palestra del Centro Remiero) non siano penalizzate. Io credo fortemente che una sintesi tra gli interessi di tutti sia possibile. Il Centro Remiero può offrire lo spazio necessario al G.S. Speranza Pra’ per continuare a perseguire i propri obiettivi ottenendo i risultati che merita e che ha dimostrato di poter conseguire, alla società sportiva Judo Pra’ ed ai suoi 150 ragazzi di potersi allenare ed infine a tutto il movimento del Canottaggio Ligure per confermare i grandi risultati di cui è stato capace ed ottenerne di nuovi ad ancora più prestigiosi. »

4 Comments

  1. Mi sembra che il pensiero conclusivo del sig Ferretto possa essere tranquillizzante per i timori che la nuova configurazione degli spazi e l’attribuzione al Comune della gestione di Pra’Viva hanno suscitanto nel gruppo Speranza ed in tanti cittadini praesi.
    MI sento di dire che sicuramente le prospettive per Prà potrebbero generare delle dinamiche positive, essendo il campo di regata un’ eccellenza da potenziare al massimo.
    Abbiamo tutti un certo disagio, quando avvengono cambiamenti ed avvicendamenti che ci toccano da vicino, ma e’ prassi consolidata delle grandi aziende, dei gruppi amministrativi ecc.ra effettuare, quando serve, le modifiche che si ritengono necessarie. Specie in casi in cui una precedente situazione non soddisfacente sia in essere da tanto o troppo tempo.
    Quindi il mio auspicio e’ una serena condivisione tra società sportive ed associazioni, per il bene di Pra’.

  2. Ringrazio SUPRA’TUTTO per questa intervista e il Presidente del Comitato Ligure per averla chiesta.
    Appare chiaramente che il Comune ha deciso di “tornare indietro” sulle decisioni prese a giugno del 2019 e sulle garanzie date alla Società Speranza. Dispiace veder confermato quello che molti Praesi già pensavano: il Centro Remiero e il Campo di Regata fanno gola a molti.
    Intanto concordo con il ragionamento che quest’area deve essere sfruttata al meglio: ebbene, non vedo perché non lo possa continuare a fare lo Speranza, visto che ha formato centinaia di ragazzi e sembra essere la società di canottaggio con il maggior numero di atleti.
    Secondo: è lampante che tutte le attività che attualmente si svolgono nel Centro Remiero saranno inevitabilmente penalizzate, iniziando da Judo e continuando con la bellissima nuova attività del Thai Chi, che coinvolge moltissime persone, per non parlare poi del Centro di medicina dello Sport.
    Ora mi chiedo: perché per l’ennesima volta deve essere Pra’ a soffrire di una ulteriore deprivazione?
    L’esortazione del Presidente Ferretto è puramente retorica: è logico che le parti coinvolte si debbano sedere intorno a un tavolo, ma mi sembra che di incontri ce ne siano già stati parecchi… Purtroppo non hanno prodotto risultati apprezzabili per Pra’, vista la decisione del Sindaco…
    Come vecchia praina ho vissuto la devastazione, a cui lo Speranza ha posto qualche rimedio in quei terribili anni continuando la sua attività con i ragazzi in condizioni precarie e disagevoli, mentre ora sembra che non se lo ricordi più nessuno… E dopo quanto ha fatto per i giovani praesi, ora che la situazione è migliorata ecco subito pronto qualcuno a ridimensionare gli spazi e a occupare quasi tutto il Centro Remiero.
    No, non va bene per niente e credo che così come nei primi anni ’80 siamo stati pronti a lottare per avere questo spazio prezioso di terra e di acqua, adesso dobbiamo difenderlo. Se le Istituzioni vogliono aiutarci a sviluppare le attività sportive e le manifestazioni legate allo sport del remo devono e possono farlo benissimo, senza toglierci NIENTE.
    Al Presidente Ferretto chiedo di prendere posizione e di aiutare e difendere Pra’ e le sue società sportive, proprio perché abbiamo già pagato TROPPO e continuiamo a pagare un prezzo altissimo che ci deriva dalla convivenza con un Porto invadente e i ingombrante.
    Se ci aiuterà avrà tutto il nostro plauso e la nostra riconoscenza.

  3. Il presidente Ferretto rappresenta il canottaggio ligure al cui interno vi sono delle societa’ genovesi molto influenti coperte da lobby politiche e istituzionali. Ora il centro remiero portato a lustro dallo Speranza, partito in tempi eroici fa gola a queste società che fino a poco fà non sapevano neppure dove fosse la ns. delegazione. Inoltre nel centro remiero le attività della palestra potrebbero essere sfrattate. Ricordo che a Pra’ non c’è una palestra degna del nome, quelle poche perlopiù in ambiti scolastici sono piccole e prive di spazi al pubblico. La società Regina Margherita di ginnastica faceva i saggi al liceo Lanfranconi di Voltri o al palazzo dello Sport di Campo Ligure!!!
    Che situasiun!! Prà attende un palazzetto dello sport a completamento delle aree sportive. Bisogna vigilare e respingere ogni attacco sulla fascia, voluta da noi praini con marce,lotte,assemblee dove non erano presenti i signori genovesi del porto antico e i levantini.
    Comunque la situazione e nata dai disaccordi e dagli egoismi di diverse società
    di Prà Viva, generate dalla fascia di rispetto, la disarmonia ha prestato il fianco all’ingresso del Comune, cavallo di Troia di società che con Prà non hanno nulla da spartire.

Rispondi a Giuseppe Bruzzone Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*