Caso Carmagnani e Superba: ragioniamo un po’

 

Velocifero –

Il problema della delocalizzazione di Carmagnani e Superba da Multedo, questione di per sè sacrosanta per il rispetto del diritto dei cittadini di Multedo di migliorare la qualità della loro vita e la loro sicurezza, ha denotato negli ultimi tempi aspetti imbarazzanti e surreali, con il Presidente di Autorità Portuale di Sistema che è andato a complicare in modo incredibile un problema tutto sommato piuttosto semplice. La soluzione non è di certo quella di spostare a Pra’ le due aziende ed i loro depositi dove «sono stoccati prodotti chimici e petrolchimici che emettono vapori altamente infiammabili e, per tale motivo, classificati “a rischio di incidente rilevante” ai sensi del D.Lgs 105/2015 Legge “Seveso”» (N.d.R.: testo letteralmente riportato sul sito della Attilio Carmagnani). Una soluzione, quella praese, costosa, complicata, irriguardosa degli altrettanto sacrosanti diritti alla qualità della vita, salute e sicurezza dei cittadini di Pra’, ma anche di quelli limitrofi di Pegli, già pesantemente condizionati dalla presenza del Bacino Portuale di Pra’ con il suo rumoroso ed inquinante terminal container, e quindi semplicemente improponibile. Anche perchè quello che non è stato ancora sottolineato è che spostare i depositi a Pra’ comporterebbe automaticamente il far scalare anche le relative navi chimichiere a Pra’, (una nave ogni 3 – 4 giorni circa) anzi, davanti alla parte di Ponente di Pegli, praticamente di fronte agli accosti della nautica da diporto, al futuro porticciolo turistico e adiacente alle «colline alberate con aree per il picnic» e al «porto canale turistico come a Monte Carlo» a più riprese menzionati e promessi pubblicamente dal Sindaco di Genova. Ciò a meno di realizzare una tubazione subacquea tra il porto di Multedo e quello di Pra’…?! E’ sempre utile, prima di tutto, capire ed inquadrare il problema. Ragioniamoci un po’ su. Carmagnani e Superba sono due aziende abbastanza piccole e dal contributo economico ed occupazionale per la Città e la Regione assai limitati, non forniscono alcun valore aggiunto particolare, visto che a quanto ci è noto non realizzano particolari lavorazioni sui prodotti trattati che, ricevuti attraverso tubi provenienti dal Porto di Multedo, vengono semplicemente stoccati temporaneamente e trasferiti prevalentemente fuori Regione, nel Nord Italia, per la maggioranza (pare l’80 %) per rifornire aziende farmaceutiche. Quindi, invece di ostinarsi a delocalizzare tali aziende (a cui ovviamente bisogna portare il massimo rispetto per le loro legittime attività imprenditoriali e per il loro contributo economico all’economia nazionale che bisogna difendere e preservare se non persino aumentare) in ristretti fazzoletti di terreno portuale comunque in vicinanza di edifici di civile abitazione, perchè non si “pensa fuori dalla scatola” e non si valutano soluzioni alternative innovative ? Una potrebbe essere quella di sostituire i depositi delle due società con una stazione di pompaggio e una linea di tubi per trasferire i carichi delle navi chimichiere che scalano al porto petrolchimico di Multedo in un’altro sito di stoccaggio nell’entroterra in posizione opportuna, che potrebbe essere relativamente vicina o anche trovarsi al di là dell’appennino, nelle vaste praterie ove abbondano spazi pluri-chilometricamente lontani dalle case e dove pullulano rotaie e connessioni ferroviarie. Se a Trieste la “TAL” da più di cinquant’anni pompa ogni anno oltre quarantadue milioni di tonnellate di greggio in Austria e Germania attraverso un tubo lungo 753 chilometri, superando l’altitudine di 1572 metri s.l.m., potranno gli ingegneri trasferire un po’ più in là i minimali (zero virgola tre milioni di tonnellate anno) volumi di prodotti chimici genovesi nel loro circondario? Potrebbe non essere una missione impossibile, visto che il porto di Rotterdam alimenta le utenze industriali attraverso 1500 chilometri di linee-tubi per prodotti chimici. Le due società potrebbero anche mantenere sedi, direzioni, uffici esattamente dove si trovano, (quindi mantenendo fatturato e parte dell’indotto a Genova e in Liguria) trasferendo solo i depositi con relativi sistemi di spedizione e la parte di personale che li opera nei nuovi siti operativi secondari. Qualcuno ha mai pensato e valutato la fattibilità di una soluzione del genere o di altre alternative innovative e “smart” che non ripercorrano i triti e ritriti schemi dal passato di scaricare sui cittadini di Pra’ e del Ponente ogni tipo di onere, rischio, disagio ? Il Presidente di Autorità Portuale di Sistema dovrebbe poi anche spiegare bene, conti alla mano, come mai, se proprio vuole localizzare i depositi delle due aziende in porto, con la sua idea i contribuenti italiani dovrebbero spendere ingenti quantità di denaro per creare un nuovo accosto petrolchimico al Bacino Portuale di Pra’ quando ce n’è già uno a costo zero nel porto di Multedo e quando comunque esiste già pronta e disponibile l’area dismessa dell’ex carbonile della centrale Enel della Lanterna. La soluzione “Area Ex Enel” è distante circa tanto uguale se non di più dalle prime abitazioni rispetto all’opzione Porto di Pra’ ed è gradita dalle società delocalizzanti in quanto ha moli attigui ed inutilizzati già belli pronti e gratis ed è vicina alla ferrovia. Tra le varie cose l’area circostante è già intensamente occupata da depositi petrolchimici, diversi dei quali classificati “stabilimenti a rischio di incidente rilevante”. Quindi, “cui prodest” una scellerata “soluzione Praese – Pegliese” se l’area Ex-Enel è anche in buona parte schermata dagli sguardi della città, mentre nel Bacino Portuale di Pra’ il deposito petrolchimico si troverebbe sotto gli occhi (e i nasi) di quasi tutto il Ponente Genovese ?

19 Comments

  1. I ragionamenti espressi da Velocifero non danno una grinza…faremo il possibile per farli avere al Sindaco e Signorini…ma anche noi lettori e cittadini siamo grati per avere la possibilità di inquadrare la problematica in modo corretto ed a 360 gradi.
    Comunque la si giri, la questione Carmagnani è una sola : pessima idea, da archiviare immantinente.

  2. Intanto a Pra ,soprattutto nel sestiere di Palmaro devono ancors creare la microfascia e la fermata metropolitana..pensassero a quello e a creare in ambiente vivibile x i cittadini che già faticano a,convivere con.le realtà portuali produttive.

    La scelta di un petrolchimico nella zona di Pra ..tenendo conto che devono ancora riqualificare il sestiere di Pra Palmaro..sembra la scelta di uno che non si pone il problema che la gente poi si esaspera tirando troppo la corda.
    Devono pensare prima di proporre a non far arrabbiare troppo la gente com scelte NON CONSONE!!!!!

  3. Non conosco Rocco, ma non è importante il fatto che io lo conosca o meno, in quanto per le cose che ha scritto, Rocco potrebbe essere un qualsiasi cittadino di Pra’ e le sue parole esprimono una chiara sintesi del pensiero comune degli abitanti di Pra’, di tutta Pra’: da Longarello a Cà Nuova . Rocco ha, come un bravo pittore, fatto il quadro del sentimento comune praese. Basta pensare Pra’ come destinazione finale di tutto quello che inquina, puzza,disturba, crea disagio e contribuisce a diminuire il già abbastanza compromesso livello, della qualità della vita.Quello che Pra’ oggi si aspetta è considerazione e rispetto per i suoi abitanti, per il suo territorio e per tutto quello che ha pagato e continua a pagare. Mi sento di dire: Rocco . . sei . . tutta Pra’.

  4. IO invece conosco bene Rocco, ed e’ persona semplice, equilibrata e diretta: senza tanti fronzoli, esprime bene l’essenziale, ma siccome repetita iuvant, ecco qua: NO AL PETROLCHIMICO A PRA’ E COMUNQUE NEL PONENTE; SI AD UNA VELOCE RIQUALIFICAZIONE DI PRA’ E DEL SESTIERE DI PALMARO.
    Aggiungo un aneddoto, che mi pare illustri molto bene la questione.
    LUI: Cara, ho deciso di farti un bel muretto decorativo in sala, ti piacera’, ci puoi mettere sopra cio’ che vuoi e divide bene dall’ingresso.
    LEI: Caro, il muretto mi piacerebbe, ma ti ricordo che abbiamo il lavandino che perde, il gabinetto che non funziona e la cucina e’ tutta nera di fumo: prima di pensare a nuovi lavori, riparami queste cose che non si puo’ piu’ andare avanti!
    Anzi, tra l’altro,il muretto non mi serve proprio.
    Non servono commenti 🙂

  5. Caro “Velocifero”, cari amici TUTTI.
    Seguo con passione e interesse il dibattito e apprezzo fondamentalmente soprattutto l’attenzione sempre desta sui problemi di Pra’ (che comporta di osservare l’evoluzione dell’esistente e di porgere l’orecchio agli echi di cronaca politica ma anche istituzionale/progettuale che riguardano NOI e che provengono da altrove: un ALTROVE che ha sempre rappresentato la NOSTRA ROVINA e che ci induce a rincorrere in continuazione voci e idee che vengono partorite nelle segrete stanze del POTERE).
    La considerazione “storica” ricevuta da Prà (nel suo intero contesto territoriale) è prossima allo ZERO aritmetico.
    Ci si è interrogati più volte su questa deriva perniciosa e si è giunti anche spesso a valutazioni e considerazioni condivise.
    Orgoglio, passione, impegno civile, solidarietà, massima attenzione al contesto sociale ed economico che ci riguarda: sono cifre stilistiche e comportamentali che hanno sempre caratterizzato questa sorta di atteggiamento difensivo verso ciò che ci veniva imposto, senza una preventiva consultazione e direi senza il minimo rispetto morale, etico e civile per la dignità degli abitanti della nostra delegazione.
    Che poi siamo noi: persone, uomini e donne ce stanno toccando con mano e in modo sempre più consapevole che nella TASSONOMIA delle cose importanti ci è sempre stato assegnato un ruolo che va dal convitato di pietra alla “risulta” degli ultimi della classe.
    Ho letto in passato e recentemente molte considerazioni via via pubblicate da Supratutto e sono rimasto sempre colpito dal sentimento di chi le esprimeva e dalla competenza delle valutazioni, delle proposte, dei dinieghi, delle obiezioni, delle opposizioni feroci che in modo pertinente e documentato venivano via via espresse.
    Tutto questo insieme di contributi ha assemblato una mole documentaristica enorme che quasi sempre è rimasta inascoltata o elusa.
    Colpisce la disinvoltura della politica locale e nazionale rispetto ad ogni valutazione del presente e del futuro di Pra’.
    Colpisce in modo assolutamente negativo.
    Ritengo- leggendo e ripassando a memoria – le molte osservazioni emerse dal dibattito che ci ci siano a Prà delle persone che esprimono competenze fondate e persino straordinarie, rispetto alla pochezza e all’approssimazione immeritata con cui ogni decisione presa altrove le ha sistematicamente eluse.
    UNA SORTA di VOCE NEL DESERTO RIMASTA INASCOLTATA e AL MASSIMO BLANDITA DA PROMESSE REGOLARMENTE RINVIATE.
    Prà ha pagato un prezzo altissimo al suo essere “estremo ponente cittadino”, alla sua collocazione geografica, alla ininfluenza – allo stato pratico delle cose – della sua opposizione al degrado.
    Una congerie di umiliazioni che meriterebbero ben altre prese di posizioni oltre quelle pazientemente intessute nel corso del tempo.
    Da una toponomastica non corrispondente alla situazione OGGETTIVA delle cose, alla marginalizzazione del ponente cittadino e di Prà in primis rispetto a qualsivoglia visione sul futuro della città.
    Una sistematica presa in giro stemperata da promesse vaghe e dalla logica del rinvio.
    Il presentismo praese è ASFISSIANTE per chi lo vive.
    Ma ogni pazienza ha i suoi limiti.
    Dico a Volocifero e a chi ha responsabilità di proposta e di iniziativa che non si può oltremodo tollerare la logica del procastinamento e del rinvio.
    Ci sono fasi critiche alternate a fasi di stand by, in attesa di pessime, nuove notizie.
    C’è chi ALTROVE dispone del futuro dei cittadini che vivono qui, che resistono, che non vogliono cedere, che manifestano in modo diretto e conclamato il loro dissenso verso questa “periferizzazione” della qualità della vita alla quale sembriamo essere destinati, come se invece che in un contesto civile e aperto all’ascolto si vivesse in una sorta di girone dantesco votato al peggio.
    Ho letto interventi straordinari da chi ha partecipato a questo lungo dibattito: per passione, competenza, capacità di proposta, valutazioni tecniche, documentazione minuziosa dello stato delle cose: di più Pra’ non avrebbe potuto testimoniare, specie (e questo mi ha colpito) da parte di molti giovani che hanno dimostrato una consapevolezza incredibile rispetto ai problemi via via posti e alle possibili soluzioni.
    Permane – a mio modesto avviso- un pregiudizio di fondo che riguarda la delega a trattare e e la rappresentanza dei nostri interessi diretti.
    Non possiamo fidarci della politica manovrata ALTROVE.
    Occorre una presenza diretta nel contesto delle decisioni da assumere.
    Manca da troppo tempo a Pra’ (forse da sempre e comunque da decenni) la forza di autorappresentarsi abbandonando logiche fiduciarie e deleghe firmate in bianco. Ci sono meccanismi politici CENTRO-PERIFERIA (e parlo di Pra/Genova e di Pra’/ROMA) che non possono essere protratti nella loro tangibile e perdente inconcludenza.
    Dopo il tramonto delle ideologie e l’avvento della società aperta, globalizzata e GESTITA ALTROVE è venuto il momenti di riappropriarsi del dovere della rappresentanza di se stessi.
    Il problema èm politico, soprattutto, prima di essere parcellizzato nei suoi aspetti tecnici.
    Ho scritto POLITICO, NON PARTITICO.
    Occorre unsalto di qualità, una CONTA DELLE RISPRSE PRESENTI, UN ATTO FIDUCIARIO CJHE INDIVIDUI “CHI”- “DOVE” e “QUANDO” possa essere il portavoce di Prà nei contesti ISTITUZIONALI DOVE SI DECIDONO LE COSE CHE CI RIGUARDANO.
    Questo aspetto è PRODROMICO e PROPEDEUTICO a TUTTO IL RESTO:
    Altrimenti continuerà un dibattito vivo e partecipato, per me direi persino commovente negli aspetti della motivazione umana e nella consapevolezza civile, ma sempre correndo il duplice rischio: della autorefenzialità e della consegna in mani altru dei nostri destini.
    OCCORRE UNA PRESENZA DIRETTA di RAPPRESENTANTI di PRA’ NELLE SEDI ISTITUZIONALI DOVE SI DECIDE IL FUTURO CHE CI RIGUARDA. Non è una cosa che possiamo ancora una volta _ COLPEVOLMENTE FORSE- DELEGARE AD ALTRI. Dobbiamo assumerci responsabilità dirette e individuare persone tra di noi che possano essere portavoci del disagio ma anche ATTORI delle decisioni.
    Deve finire il tempo dell’elemosina con il cappello in mano.

  6. Bravo Rocco, che ha dato voce ai pensieri e ai ragionamenti degli abitanti di Pra’ e grazie a Velocifero per questa intelligente proposta. Il Sindaco ha chiesto: “proponete delle soluzioni”…ecco qua una soluzione semplice e efficace, Smart e pochissimo costosa.
    E ora continuiamo tutti insieme a combattere contro le “mire” che questi signori hanno nei nostri confronti. Pra’ sta continuando a soffrire per la presenza del porto, una presenza che ci affumica, ci fa disperare con cicalini continui e sferragliare di vagoni giorno e notte. Vogliamo VIVERE. ..vogliamo le opere di mitigazione. …e NON VOGLIAMO NEPPUR SENTIRE LA LORO PROPOSTA. …. MAI PIÙ NUOVE SERVITÙ A PRA’ E AL PONENTE!

  7. La conclusione ovvia dei ragionamenti di Francesco è la SECESSIONE di Pra’ da Genova e la costituzione di una rappresentanza istituzionale democratica praese, che sia come minimo un Comune Metropolitano. Decisioni su Pra’ prese a Pra’ e mai più da altri altrove a cui di Pra’ non gliene importa niente. Perchè Arenzano o Mele che sono un quinto di Pra’ devono essere democraticamente rappresentati e Prà no ? Ora basta, l’improvvida uscita di Presidente di Autorità Portuale e Sindaco devono indirre a meditare e a agire per risolvere alla radice il problema di PRA’: l’indipendenza.

  8. Sono d’accordo. Francesco ha ragione. Basta essere schiavi di quei “signori” di Genova che pensano di decidere sulle nostre teste il porto è a Prà sul nostro porto decidiamo noi e cominciamo anche a farci versare tasse e tributi portuali a Prà e per Prà il petrolchimico se lo mettano a Nervi o a Albaro dove stanno loro invece di buttarcelo sulla schiena a noi come al solito

  9. Vocifero vaneggia, io sono per l’opzione zero, né Prà, né Multedo, né Cornigliano, né tantomeno Sampierdarena, dove a risckio si aggiungerebbe rischio. Riflessioni illeggibili.

  10. Grazie Giorgio e Pietro.
    Soprattutto sono per una rappresentanza politica PROPRIA nelle sedi politiche dove si prendono le decisioni che ci riguardano.
    Genova non basta più. Abbiamo avuto consiglieri comunali e (ai tempi d’pro Assessori)-. Ma non c’erano in ballo questi destini FUNESTI.
    Questo degrado devastante. Mi rriferisco al Psarlamento nazionale, in modo esplicito.
    Qualcuno che si alzi a Montecitorio o a Palazzo Madanma ed esponga pedissequamrente la nostea situazione e il nostro punto di vista.
    Le nostre proposte, le nostre richieste, il nostro dramma quotidiano.
    Non possiamo più affidarci a terze persone.
    Capisco che è un discorso complesso. che ci sono i partiti e le appartenenze (ideologiche o nostalgiche o culturali).
    Ma occorre un salto mentale di qualità e di progettualità.
    Prà e il ponente hanno sempre accettato che qui venissero imposti personaggi calati dall’altro che NULLA avevano da spartire con la nostra storia, il territorio i suoi bisogni.
    La FRANA di tutto è cominciata da lì.
    Non abbiamo mai avuto la forza e il coraggio di opporci al saccheggio politico, ad esere considerati solo BACINO ELETTORALE.
    Una cosa lunga negli anni, subìta e vergognosa.
    Una cosa da interrompere nel segno del bene comune e dei nostri DIRETTI E PERTINENTI INTERESSI.
    Se poi qualcuno non ci sta abbia politicamente il coraggio di dirlo.
    Autonomia?
    Forse, anche. O senz’altro. Si vedrà. Ma prima serve il passaggio della RAPPRESENTANZA DIRETTA. Ne abbiamo la forza e i numeri.Basta mettersi d’accordo.
    Come dicevano i latini: “MAIORA PREMUNT” (ci sono beni e interessi più importanti in gioco.
    Ma non vediamo come è ondivaga e disinteressata la politica nazionale?
    Come certa gente cambi bandiera?
    Non mandiamo più nessuno che non sia di Prà.
    Cerchiamo di costituire una coalizione del ponente cittadino e per il ponente cittadini.
    La posta in palio è troppo alta, per giocarsela come nel ‘Giorno della civetta’ a -…. zecchinetta! Basta bari e imbroglioni.
    Riprendiamo in mano le redini del nostro destino!
    Non ne siamo capaci?
    Dobbiamo restare proni e supini rispetto agli ordini di scuderia?
    Allora basta mugugni e lamentele.
    La filosofia del maniman continuerà a imporsi come scelta perdente FOREVER!

  11. Francesco ha ragione da vendere, invece Enrico…come si permette? se lui ha altra idea, bene, l’ha espressa, ma giudicare tanto pesantemente un autore, che e’ persona profondamente competente nel settore, non va affatto bene.
    La Secessione da Genova, madre matrigna, e’ la conseguenza logica e lo sbocco naturale di questa deriva di proposte oscene e devastanti.
    Non passera’ molto tempo!

  12. A me sembra che sia Enrico a vaneggiare, ma ha letto bene l’articolo ? Sembrerebbe di no. L’autore non propone nessuno spostamento in nessun posto fa bensì una analisi neutrale e dettagliata della situazione, piaccia o no. Siamo tutti per non spostare il petrolchimico ne a Prà ne in altro posto in vicinanza della città. Consiglio una ri-lettura.

  13. Velocifero ha ragioni da vendere. E Francesco anche. Basta decisioni prese da lobby di potere spesso anche incompetenti e incapaci calate sulla testa dei cittadini. Prà comune avrebbe un senso, ma anche Pegli e Voltri e pure Nervi, ci vorrebbe un movimento trans-comunale per mandare all’aria questa Genova ingiusta e matrigna e ridare a voce ai praesi su prà ai pegliesi su pegli eccetera eccetera

  14. Anna grazie, hai capito perfettamente il mio modesto pensiero.
    Ci vorrebbe un’UNIONE che FACESSE la NOSTRA FORZA (negoziale e contrattuale) che si può esprimere in prima persona, direttamente, assumendosene la responsabilità e gestendola come espressione di un pensiero condiviso. Ovviamente ciò comporterebbe un passo di lato rispetto alle appartenenze ideologiche o politiche di ciascuno.
    MA IN QUESTA FATTISPECIE DOVREBBE PREVALERE il BENE COMUNE!
    Finora siamo rimasti vittima del principio della DELEGA aa ALTRI che si traduce in questo concetto riassuntivo della situazione finora vissuta a Pra’: UN CONTO è VIVERE le SITUAZIONI , un ALTRO (e ben diverso) è DESCRIVERLE in CONTO TERZI. E viceversa.

  15. Velocifero e Francesco hanno colto nel segno e vedono lontano.
    Peccato che ogni volta che il forum di discussione arriva ad un punto di svolta viene messo il silenziatore ai commenti di chi potrebbe raccogliere queste osservazioni e proposte e avviare un serio lavoro di convergenza e di unione tra i cittadini di Pra’.
    Sembra quasi che i partiti e i loro rappresentanti mantengano un timore reverenziale verso i loro capi politici: forse non si accorgono che la vera libertà consiste nell’essere capaci di scegliere e di dare dei tagli netti alle politiche ossequiose e reverenti del passato.
    Che occorre UNIRE Pra’ verso l’obiettivo dell’autorappresentanza, come la chiama Francesco, bypassando gli steccati ideologici e le tessere di partito.
    Se non passa questa linea restiamo al palo come una barca nel mare in burrasca.

    • Dici cose vere e già ascoltate, persino scontate Luigino.
      Velocifero e Francesco hanno messo il dito sulla piaga ma dato che a Pra’ questi discorsi hanno sempre destato sospetti (e maniman???) i sapientoni della politica che gestiscono il potere a Genova in Liguria e a Roma sanno che possono scommettere sulle nostre divisioni, sulla mancanza di intenti comuni, sulle tessere ben riposte in tante tasche.
      La solita storia di sempre. Perchè c’è gente che fa finta di scandalizzarsi, si strappa i capelli e poi non muove un dito per cambiare le cose alla base, alla radice? I partiti vogliono bene a Pra’: per i voti che prendono a gratis, senza dare niente in cambio oltre le vaghe promesse.
      Andando avanti di questo passo ci possono mettere anche l’ILVA di Taranto sul porto di Pra’. Tanto sanno che i voti li prendono sempre.

  16. Tutto verrà digerito, metabolizzato, assorbito.
    Come sempre.
    Prà ha una vocazione suicida, salvo un manipolo di coraggiosi anticonformisti. Lamentarsi non serve se no seguono azioni.
    Ci vorrebbero i gilet gialli, a Prà, ci vorrebbero.
    A qui piace obbedir tacendo.
    Giovanni Battista Perasso detto il Balilla non ha lasciato eredi a Prà.

  17. Trovo molto interessante, equilibrata e condivisibile questa analisi.In quanto alle proposte a me pare più ragionevole, qualora fosse perseguibile, quella di un allontanamento oltre appennino, o, senza varcarlo, in aree più distanti dai centri abitati dove un deposito può essere facilmente raggiunto da adeguate tubature. Spostare il probema da Pegli ( o da Prà) a sampierdarena ha iol solo effetto di scatenare altre risse.

Rispondi a Pietro Ferrari Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*