Carnevale, le Ceneri, e Pasqua

Giuseppe Bruzzone

Ogni anno il periodo del Carnevale finisce il martedì grasso. La parola Carnevale deriva dal latino “carnem levare” che vuol dire “eliminare la carne” e sta ad indicare il banchetto del martedì grasso prima del digiuno per il periodo della Quaresima che inizia con il mercoledì delle Ceneri. E’ una festa che ha lontane origini. Nell’antica Roma nel mese di febbraio si celebravano i Saturnalia, dei giorni di festa dedicati al dio Saturno: secondo la mitologia, Saturno è il dio dell’età dell’oro, un’età in cui l’uguaglianza, l’abbondanza e la felicità erano per tutti. Si festeggiava con banchetti sontuosi e balli sfrenati in allegria, partecipavano ai festeggiamenti pure gli schiavi. Così il periodo del Carnevale è un periodo di travestimenti, e di divertimenti, viene celebrato da grandi e piccini non solo in Italia ma anche in molte altre parti del mondo. Ma come dicono le nonne “ Un bel gioco dura poco”, bisogna rimettersi in ordine, in che modo? Come una volta che si usava digiunare. Si iniziava il giorno dopo l’ ultimo banchetto, il mercoledì, che è chiamato mercoledì delle ceneri. In questo giorno in chiesa il sacerdote mentre dice “Convertitevi e credete nel Vangelo” pone una piccola quantità di cenere benedetta sulla fronte o sulla testa dei fedeli, piccoli e grandi. La cenere è ricavata dalla bruciatura dei rami d’ ulivo benedetti nella Domenica delle Palme dell’anno precedente. Il mercoledì delle Ceneri si celebra 46 giorni prima della Pasqua. Il conteggio comincia dal mercoledì delle ceneri al sabato che precede Pasqua, questo periodo è chiamato Quaresima dove si ricordano i 40 giorni che Gesù trascorse nel deserto in meditazione e in astinenza. Resistette a ogni tipo di tentazione da parte del diavolo. E così per celebrare la Quaresima molti piccoli e grandi scelgono di fare qualche fioretto nel corso dei 40 giorni come ad esempio rinunciare a qualcosa: la carne, dolci, giocattoli, non fare i capricci, avere buoni propositi per prepararsi a celebrare la Pasqua, il momento più importante delle feste cristiane. Quando inizia Carnevale? L’inizio e la fine del Carnevale sono collegati alla data della Domenica di Pasqua. Il Carnevale inizia il giorno dopo l’ Epifania, circa 70 giorni prima della Pasqua che è una festività ” mobile” in quanto cade in date diverse ogni anno. Quando è Pasqua? Quest’anno 2022 la Pasqua cadrà domenica 17 aprile. Un po’ di gastronomia. Nella mia famiglia le nonne Manin, Beppa e le lalle Rina, Pellò (Pellegra) il martedì grasso erano solite festeggiarlo a pranzo con “fiamanghille” di raieu (ravioli) e il mercoledi delle ceneri con un piatto tipico ligure di magro: una zuppa cotta per ore sul “runfò” ( il braciere delle cucine in muratura), il piatto è lo ”zemin”composto da vegetali, ceci, erbette di campo, cotica di maiale che veniva tolta alla fine. Nel fondo del piatto in precedenza veniva messo del pane duro abbrustolito sulla stufa di ghisa, bagnato poi dallo”zemin” fumante, con l’ aggiunta di formaggio e un giro di olio di oliva: una zuppa ricca (per i ceci) ma di magro.

Gianni Rodari  Carnevale                                                 


Carnevale in filastrocca
con la maschera sulla bocca,

con la maschera sugli occhi,
con le toppe sui ginocchi.
Son le toppe di Arlecchino,
vestito di carta poverino
Pulcinella è magro e bianco
e Pierrot fa il saltimbanco
Pantalon dei Bisognosi dice:
“Colombina, mi sposi?”
Gianduia lecca un cioccolato e

Meneghino gli sta di lato
Gioppino col suo randello,
mena botte a Stenterello.
Per fortuna il dottor Balanzone
gli fa una bella medicazione,
poi lo consola: “E’ Carnevale

e ogni scherzo per oggi vale”.

1 Comment

  1. Bravo Giuseppe, non sapevo questi intrecci di date. Anche oggi ho imparato qualcosa. Quindi l’unica data certa è il Natale?

Rispondi a Alba Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*