Candidati alla Presidenza della Regione Liguria: Giovanni Toti

Velocifero –

 Anche il candidato alla presidenza della Regione Liguria, e presidente uscente, Giovanni Toti, ha gentilmente accettato l’invito di SuPra’tutto, inviandoci il testo seguente: «Genova è bella e va valorizzata tutta, dal centro alle periferie. In questi cinque anni abbiamo lavorato tanto, da ponente a levante, per recuperare e riqualificare l’esistente, nella direzione di una maggiore vivibilità della città: dal recupero dell’ex-silos granario dell’Hennebique al Porto Antico, alla realizzazione del Waterfront di levante fino alla Fiera del mare, per proseguire con il parco urbano della Valpolcevera, il Masterplan per la valorizzazione dell’Isola Palmaria, il Waterfront della Spezia, il recupero di villa Zanelli a Savona e la realizzazione della ciclopedonale del Ponente in accordo con i comuni di Imperia, San Lorenzo al Mare, Diano Marina, Cervo, San Bartolomeo al Mare e Andora. Riuso e recupero del patrimonio edilizio esistente e riduzione del consumo di suolo sono i due punti cardine della politica urbanistica della nostra legislatura (attuati anche attraverso i finanziamenti previsti dalla legge regionale sulla Rigenerazione Urbana) che vogliamo portare avanti anche nei prossimi cinque anni, con interventi mirati come quelli che interesseranno la zona di Genova – Pra’, che verranno realizzati attraverso finanziamenti P.O.R. dedicati oppure attraverso l’utilizzo del Fondo Strategico Regionale. Il nostro obiettivo è quello di riqualificare e valorizzare quest’area urbana al fine di accrescerne l’attrattività e garantire una migliore vivibilità e fruibilità da parte dei cittadini. Saremo al fianco del Comune di Genova e alla sua amministrazione per dare impulso a tutti questi interventi. Ci saremo per aiutare questo territorio a crescere, ma soprattutto continueremo a rimboccarci le maniche per un ponente che traina e non insegue !».

7 Comments

  1. Un Programma interessante, che speriamo si concretizzi nella riqualificazione del litorale praese,sconvolto dall’invasività del porto containers. Questa compagine regionale ha certamente fatto molto, concordo col Governatore Toti che Genova (e la Liguria) deve essere bella in tutta la sua superficie. Basta servitù a ponente e vivibilità per i cittadini, lotta all’inquinamento acustico, dell’aria e del paesaggio urbano.

  2. Aggiungo un grosso problema che abbiamo avuto quest estate: l autostrada bloccata in piena stagiome balmeare….le gallerie revisionate a luglio quando era moltomeno disturbante farlo durante lockdown.
    E poi l annoso problema della Gronda.
    Insomma le infrastrutture da ottimizzare!

    • Si chiamava Claudio Burlando, del PD, ed è passato alla cronaca per il contromano in autostrada di cui dice Ariel e alla storia per il sottopasso di Caricamento, fuori norma, impraticabile e sempre allagato. Non risultano altre prodezze. A parte di esser stato Presidente all’epoca della nascita del porto di Prà. cosa di cui tutti gli siamo naturalmente grati. Naturalmente era policentrico, antifascista, illuminista, interculturale, multiculturale, multietnico, accogliente e progressista ma sta a Toti come il Lago Scuro di Prà sta all’Oceano Atlantico.

  3. Della Gronda incompiuta come altre grandi opere doibbiamo ringraziare i 5 stelle: non l’hanno mai voluta, sovraccaricando il Morandi del peso dei containers.
    Anche adesso sono contrari.
    Eppure c’è chi come Toninelli, che voleva metterci le aree pic nic e le altalene, si attribuisce i meriti della costruzione del Ponte San Giorgio per il quale dobbiamo ringraziare Renzo Piano , il sindaco Bucci e appunto Giovanni Toti che spero sia riconfermato Presidente. Ha lavorato bene e ha restituito dignità e livello nazionale alla Liguria.

  4. Concordo con Luciano…sulla Gronda e sul Morandi sovravvaricato…con una percorrenza alternativa magari sarebbe ancora su e non sarebbero morte 43 persone!
    Ricordo anche la netta opposizione di un precedente governatore, mi sfugge il nome, era colui che imbocco’ l’autostrada in senso vietato, se è vero.
    Infine, davvero la Liguria ha dato esempi di saggia governance in Italia, col “modello Genova”.

  5. Caro governatore, Genova è una città policentrica, infatti per farla diventare così grande nel 1926 accorparono forzosamente ad essa alcuni Comuni limitrofi,btra cui il Comune di Pra’… Ecco perché noi non desideriamo essere considerati periferia…
    Mi fa piacere sapere che Pra’ ha la sua attenzione…certo, avrei preferito che iniziasse prima, quando noi Praesi avevamo chiesto all’Autorità Portuale di spostare i container che assediano letteralmente la nostra passeggiata ciclo pedonale e avevamo individuato una zona inutilizzata, accanto al depuratore del Ponente. Ne avevamo anche fatto richiesta formale, attraverso il Municipio, che ci rappresenta. Invece niente….quella zona è stata assegnata ad un altro operatore portuale che vi ha impilato file e file di container, talmente fitte e talmente alte da nascondere persino l’orizzonte a coloro che abitano lì accanto. Sa perché le dico questo? Perché all’inaugurazione della nuova “area assegnata” c’era proprio lei, insieme alle altre autorità. Adesso, caro governatore, spero tanto che, se sarà rieletto, si ricordi veramente di noi e ci aiuti a migliorare la nostra qualità di vita. Vede, governatore, la nostra piccola città era molto graziosa, con una delle spiagge più belle di tutta la Liguria e con una buona qualità di vita. Il Porto purtroppo non si può eliminare, ma si possono eliminare tanti disagi che dal porto derivano. I rumori e i fumim in primis, facendo sì che le navi siano obbligate ad alimentarsi da terra (l’elettrificazione è quasi terminata, ma riguarda solo una parte degli attacchi…). Anche le operazioni di carico e scarico possono essere fatte in modo da non costringere gli abitanti alle notti “bianche” , così come una sostituzione totale dei segnalatori acustici tradizionali con altri, a rumore bianco, potrebbe mitigare parte dei disagi. Ecco, governatore, cosa mi auguro, se sarà rieletto, mi auguro di veder finalmente migliorata la mia vita, perché come giustamente dice lei la Liguria deve essere bella e vivibile TUTTA…. Infine, caro governatore, spero con tutto il cuore, che lei possa leggere questo mio messaggio, o che lo faccia qualche suo collaboratore, perché questo è un appello accorato di chi abita in un luogo che era bellissimo e che ha il diritto di tornare almeno grazioso e piacevole.

  6. Morale della favola: bastava candidare un praino nel listino di Toti e uno nel listino di Sansa per avere un rappresentante del nostro territorio in consiglio regionale. Qualche migliaio di voti si mettevano insieme con il passa parola.
    Una rinuncia inspiegabile, il risultato delle nostre proverbiali scrollate di spalle: tanto tutto da come deve andare. Un fatalismo suicida.
    Adesso andremo a elemosinare favori e interessamenti nel Tigullio.
    Qui c’è qualcosa che non funziona.
    Serve un bell’esame di coscienza, se coscienza ce ne è ancora da queste parti.
    Siamo solo bravi a darci la zappa sui piedi da soli.
    E scommetto anche che se uno o due candidati praini ci fossero stati non li avremmo votati per invidia e gelosia. Siamo fatti cosi. Punto.

Rispondi a Maria Luisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*