Attenzione all’ ape e…. alla vespa

Giuseppe Bruzzone

Spesso l’ ape è confusa con la vespa, sono insetti della stessa famiglia: gli imenotteri, sono praticamente cugini, e si possono paragonare come nella favola della formica e la cicala: l’ ape laboriosa è la formica, la vespa è la cicala che vive alla giornata  A prima vista sembrano simili, ma sono diverse. La vespa ha un corpo più affusolato e senza peluria, l’ ape è più cicciona e ha peluria, il colore del corpo è ad anelli giallo nero, ma la vespa lo ha più sgargiante. Le api si cibano di polline, le vespe hanno grandi mandibole si cibano di tutto: insetti bevande zuccherine e briciole di cibi prodotti dall’ uomo. L’ape punge raramente perché sa che muore, ha il pungiglione a forma di uncino (gli si stacca l’ intestino quando si ritrae) è prudente lo fa solo per difendere la sua casa, l’ arnia. Invece la vespa non ha questo problema, il pungiglione è diritto, punge sapendo che non muore e lo fa senza riguardo. Ragazzi stiamo attenti guardate le foto, è meglio lasciare stare l’ ape quando si avvicina a noi, non è un insetto aggressivo, invece la vespa lo è. In questi brutti momenti se le api si estinguono avremo sulla terra problemi di sopravvivenza, non potranno nascere tante piante che crescono grazie al lavoro di impollinazione che le api fanno andando di fiore in fiore. Questi insetti operosi hanno colpito il più famoso scienziato dei nostri tempi Albert Einstein “Se le api scomparissero dalla terra, per l’uomo non resterebbero che quattro anni di vita” una frase su cui meditare, e possiamo dire a gran voce “Giù le mani dalle api”

2 Comments

  1. Grazie Giuseppe per questo interessante articolo. Dovremmo tutti preoccuparci di più della salvaguardia e della cura delle api e stare bene alla larga dalle vespe. Con la tua spiegazione minuziosa sarà più facile distinguerle.

  2. in effetti sono insetti abbastanza simili,come dice Giuseppe dobbiamo far attenzione al colore del corpo: la vespa ha colori più accesi, mentre l’ape è più opaca, un avvertimento da trasmettere ai nostri ragazzi,il mondo futuro non può fare a meno delle api.
    Grazie per le semplici note.

Rispondi a Albina Deiana Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*