Aperto il bivacco Zucchelli-Bruzzone sul Monte Penello dopo i lavori di ristrutturazione dei volontari

Luciano Bozzo

Domenica 18 novembre è stato inaugurato il nuovo bivacco Zucchelli-Bruzzone sulla cima del Monte Penello, dopo i lavori di ristrutturazione portati avanti egregiamente negli anni precedenti da un nutrito gruppo di soci del Club Alpino Italiano (CAI) di Sestri Ponente e del Gruppo Escursionistico Pegliese (GEP). Tre anni fa ad essere riaperto dopo i lavori di recupero, sempre ad opera dei volontari del CAI e del GEP, era stato il bivacco gemello Bellani anch’esso posto sulla cima del Penello.

Con la riapertura del Zucchelli-Bruzzone aumenta la disponibilità di posti a disposizione delle migliaia di escursionisti e camminatori che ogni anno frequentano questi luoghi incantati tra i nobili profili alpini di Punta Martin, del Monte Penello, del Proratado e della Baiarda e panorami di incomparabile bellezza. Questo secondo bivacco dispone infatti di 8 posti branda e di una stufa, piccole comodità ma di grande utilità per chi frequenta i nostri sentieri montani e può trovare nei due rifugietti un caldo e sicuro ricovero specie nelle giornate più fredde spesso sferzate da un vento poderoso proprio come è accaduto anche nel giorno dell’inaugurazione.

Accanto al bivacco rimesso a nuovo sono poi presenti tavole e panche per un pranzo all’aperto nelle giornate di sole ed anche una curiosa e colorata panchina costruita con vecchi sci.

Il piccolo rifugio, presente da molti anni sulla cima del monte e dedicato a G.B. Zucchelli, è stato intitolato anche a Niclo Bruzzone, socio di entrambi i sodalizi escursionistici e già protagonista, tra le varie cose, di una precedente ristrutturazione dei due bivacchi.

La riapertura del bivacco avvenuta poco dopo mezzogiorno con la partecipazione di numerosi camminatori ed amanti della montagna (ed anche di una troupe di Rai 3 Liguria) è stata seguita da un rinfresco con focaccia e bevande e dalla Santa Messa celebrata dal Vescovo vicario di Genova, Monsignor Nicolò Anselmi.

Da vecchio socio del Gruppo Escursionistico Pegliese e da amante del camminare tra le montagne liguri e piemontesi non posso che fare un plauso ai volontari dei CAI e del GEP (spesso attivissimi ultrasessantenni), da sempre impegnati nella cura e nella manutenzione dei sentieri, dei rifugi e dei territori delle nostre splendide montagne e del nostro affascinante entroterra con l’auspicio che la stessa cura, lo stesso amore, la stessa passione possa essere raccolta ed accendersi anche nelle nuove generazioni; perchè vi posso assicurare che camminare liberamente tra le bellezze della natura e del paesaggio tra le montagne e incredibili panorami aperti verso il mare è uno dei modi più piacevoli di impiegare il proprio tempo e di ricercare e godere della serenità dell’anima.

(Le foto sono tratte dal sito web del CAI di Sestri Ponente)

Bivacco Zucchelli nel 2007

 

 

2 Comments

  1. Sempre tanti complimenti a chi con grande amore e fattivamente , in questo caso CAI Sestri e GEP, si prende cura e presidia le nostre montagne con vista sul mare.

  2. Si, concordo, incantevole la nostra Liguria, arcobaleno tra monti e mare…grazie a Luciano per l’articolo, ed agli appassionati che ci hanno regalato queste immagini.

Rispondi a Ariel Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*