Aperta al pubblico la Biblioteca Popolare Orsetti

Uno spazio a disposizione dei Praesi

Luciano Bozzo

Un migliaio di libri a disposizione della gente di Pra’; ecco il prezioso regalo che la nuova “Biblioteca Popolare Lorenzo Orsetti” fa a tutti i Praesi offrendo un ampio catalogo di titoli che vanno dai grandi classici della narrativa mondiale, ai romanzi più recenti (inclusi i successi di Stephen King e Ken Follett e l’intera saga di Harry Potter), dai libri scolastici, ai saggi e uno spazio piacevole dove poterli leggere.
 La biblioteca è aperta al pubblico da lunedi 5 ottobre, si trova nella sede del Collettivo Burrasca, proprio davanti alla Scuola Primaria Evasio Montanella ed è il risultato di un’idea e del grande impegno che i volontari del “Burrasca” hanno messo nella realizzazione di questa importante iniziativa e dei tanti che hanno voluto donare libri per una buona causa: creare uno spazio dove tutti possono accostarsi alla lettura. Nella Biblioteca Orsetti si possono infatti ritirare i libri e conservarli per 30 giorni e anche usufruire della sala della biblioteca per leggere o studiare, tutto nel pieno rispetto delle norme anti covid; per questa ragione si potrà entrare solo muniti di mascherina e bisognerà igienizzare le mani prima e dopo aver toccato i libri.
Il Collettivo Burrasca, promotore della biblioteca, nasce nel 2008 ad opera di un gruppo di ragazzi praesi e si caratterizza come associazione a forte carattere antifascista; concerti, laboratori di pittura e di teatro, spazi e iniziative di conoscenza e approfondimento culturale e di impegno sociale vanno infatti di pari passo con la stretta collaborazione con la sezione dell’ANPI di Genova-Pra’ e non è certo un caso che l’attuale presidente della sezione praese dell’Associazione Partigiani Silvano Chierotti provenga proprio dal Collettivo Burrasca.
L’idea della biblioteca popolare rientra nell’alveo delle tante iniziative che il Collettivo porta avanti in favore del territorio, in questo caso per cercare di colmare il vuoto dato dall’assenza di una biblioteca al servizio dei tanti che abitano nei sestieri centrali di Pra’ visto che l’unica biblioteca della ex Circoscrizione, la Edoardo Firpo si trova in via della Benedicta nel sestiere di Pra’- Ca’ Nova. La Orsetti viene invece a trovarsi in via Branega 10 q, nel bel mezzo degli storici sestieri praesi di Sapello e Palmaro e proprio accanto alla scuola primaria Montanella e secondaria Assarotti.
Grazie ai ragazzi del Burrasca, dopo mesi di appelli sui social, passaparola tra amici e diversi viaggi per raccogliere volumi in giro per la città, la biblioteca è diventata realtà. E la raccolta di libri per potenziare la biblioteca prosegue: < Siamo ancora alla ricerca di titoli, soprattutto di filosofia, psicologia e poesia, di cui siamo carenti. Mentre siamo sommersi dai testi scolastici e ci ritroviamo già con dei doppioni della narrativa più nota > fanno sapere i ragazzi del Collettivo che grazie anche all’aiuto di alcuni volontari sono riusciti ad organizzare i turni per l’apertura al pubblico.
La biblioteca è intitolata a Lorenzo Orsetti, antifascista e anarchico che ha combattuto a fianco della milizia curda YPG in Siria ed è stato ucciso in uno scontro con l’ISIS nel 2019 all’età di 33 anni; un murales in una delle stanze della biblioteca lo ritrae in battaglia.

Questi i normali orari di apertura della biblioteca popolare Orsetti che sono stati comunicati:
Lunedi dalle 15 alle 18 – Martedi dalle 9 alle 12 – Mercoledi dalle 9 alle 12 – Giovedi dalle 16 alle 19 – Venerdi dalle 15 alle 18 – Sabato dalle 9 alle 12.
In questo particolare periodo però, vista la situazione socio-sanitaria e le nuove ordinanze regionali si è stati costretti a ridurre l’orario di apertura della biblioteca che è limitato al solo giovedì ed al sabato; si potranno solo ritirare o consegnare i libri e per il momento non sarà possibile ospitare nessuno all’interno per leggere o studiare. Appena possibile però si tornerà al normale orario sopra indicato.

4 Comments

  1. Bellissima iniziativa, davvero lodevole che il collettivo abbia attivato questo servizio in un territorio carente …..la biblioteca Montanella doveva essere aperta anche al pubblico ma questa ” Orsetti” e’ davvero ricca, luminosa e ben realizzata. Quando il volontariato supplisce al pubblico…fa grandi cose!

  2. Un ringraziamento speciale a questi giovani che trascorrono gran parte del loro tempo in attività al servizio di tutti. Le immagini ci mostrano degli spazi molto belli, curati e confortevoli. La biblioteca è da sempre il luogo di elezione per la promozione umana: il sapere è la base indispensabile per una buona convivenza civile e questi tempi bui ce lo confermano
    L’ignoranza è la peggiore malattia dell’umanità e rende ancora più gravi tutte le difficoltà.
    Grazie ancora, ragazzi del Collettivo Burrasca e grazie a SUPRA’TUTTO che ci aggiorna sempre su quanto accade nella nostra piccola città.

  3. Riguardando le foto della biblioteca…nell ultima della serie ho avuto un tuffo al cuore! Iin alto a sinistra si intravede un quadro a mosaico, una Liguria…venne realizzata dal mio papa,u maestru Giorgio Provinciali, con gli alunni a scuola…anni 70 circa! Spero di non sbagliarmi ma credo di no e ringrazio di cuore i ragazzi del Burrasca che l hanno restaurato ed esposto.
    Alla mia prima visita, portero’qualche copia dei volumi di poesie che mio padre scrisse allora, su gli affetti famigliari, su Genova, sulla guerra, sul mare.
    Sperando fare cosa gradita per arricchire il patrimonio librario della “Orsetti”.

  4. Ma che bella iniziativa!
    Come scrisse Marguerite Yourcenar…. (nel suo capolavoro “Memorie di Adriano”) “Fondare biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che, da molti indizi, mio malgrado, vedo venire. Ho ricostruito molto, e ricostruire significa collaborare con il tempo, nel suo aspetto di “passato”, coglierne lo spirito o modificarlo, protenderlo quasi verso un più lungo avvenire; significa scoprire sotto le pietre il segreto delle sorgenti.” Migliore dedica non credo sia più adatta. Complimenti francesco provinciali

Rispondi a francesco Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*