Alla ricerca del Natale perduto

Francesco Provinciali
Natale è un giorno di ricordi più che di speranze. Ricordo i Natali della mia infanzia . Erano tempi diversi si coglieva la bellezza del presente e si guardava con fiducia al domani, c’era più attesa, più innocenza, più intimità, una magia speciale. Mio padre teneva molto agli addobbi dell’albero e del presepe. Curava ogni dettaglio. Trovavamo i regali al mattino ed era sempre una gioia e una sorpresa. Il pranzo durava fino al pomeriggio. Ci si parlava, si comunicava, gli anziani erano ascoltati con rispetto, i bambini sapevano distinguere i ruoli genitoriali. Tutto scorreva lentamente perche’ quel giorno ogni altra cosa si doveva fermare per contemplare l’arrivo del bambinello in ciascuna casa. Eravamo diversi dentro ed era la realtà che si adattava al nostro sentirci un po’ speciali.
Hegel studiato alle superiori ci parlava di interiorita’ oggettiva. Il Natale semplice della gente semplice ci insegnava che esisteva in ciascuno di noi una interiorità soggettiva fatta di emozioni , intimità, sensazioni speciali. Un giorno atteso e reso sacro, non un giorno qualunque come sta diventando , nel grande casting sociale della mistificazione e del pensiero omologato ai luoghi comuni e all’apparenza.
La famiglia rinsaldava gli affetti e simbolicamente rappresentava l’allegoria di quella festa speciale.
Ripensati oggi si tratta di ricordi sideralmente lontani nel tempo e nei contesti di vita abituali. Ricordare ha il sapore di un bilancio, lo sguardo a ritroso ci restituisce momenti speciali e indimenticabili nelle storie personali delle nostre esistenze apparentemente effimere. Eppure oggi a riguardarle contano eccome. Siamo cambiati noi o è cambiato il significato del Natale? Certo il mondo è messo male se la Messa di mezzanotte è abolita per ragioni sanitarie: una cosa che non avremmo mai immaginato, ci saranno motivazioni valide per la scienza ma non significative per il cuore. Consumismo e globalizzazione hanno sradicato le tradizioni e ci hanno privato di libertà personali un tempo sacre e irrinunciabili. Il mondo intorno a noi sta cambiando vorticosamente e l’umanità sta perdendo il gusto della lentezza, della meditazione, del pensiero divergente.
Natale diventerà definitivamente un bene di consumo a progettazione variabile? Il panta rei della vita fa scorrere tutto verso l’ignoto. Manca un modello di società giusta che garantisca una sostenibilità per tutti, le povertà materiali e spirituali dilagano in un mondo sempre più indifferente, rancoroso, dove cattiveria ed egoismo ci fanno vivere una sorta di tutti contro tutti. Natale un tempo era preceduto da una lunga attesa ed era vissuto con una intensità emotiva che oggi il relativismo esistenziale ci sta sottraendo , privandoci del “ gusto di vivere”. La secolarizzazione lo rende un giorno qualunque , da passare in fretta, di vivere con l’ansia anticipatoria di un domani privato di certezze. Natale era un passaggio cruciale nella nostra vita. Oggi lo viviamo come una ricorrenza obbligata che si celebra alle casse dei supermercati, nei negozi e nello shopping compulsivo. Rimane in ciascuno di noi il desiderio insopprimibile di ritornare per un giorno bambini. Speriamo che la folle corsa verso l’indeterminato non ci privi di questa innocente e gratuita soddisfazione. Ecco: il Natale dovrebbe essere il giorno della gratuità e del dono senza ritorno. Speriamo che PIL, pandemia, sentimenti deliberatamente vocati al male , prepotenza della politica, odio per il nostro prossimo, ingiustizia e violenza del Dio denaro non lo rendano a poco a poco un giorno qualunque , confuso e annullato nel mesto calendario di una vita piatta. Un Natale autentico dovrebbe insegnarci a vivere ogni giorno dell’anno. La parola chiave è amore : cerchiamo di usarla più spesso. Auguri!

6 Comments

  1. Molto bello e intimista.
    Mi è piaciuto perchè la nostra infanzia resta il periodo più spensierato della vita. E il Natale aveva un fascino che ora ha perduto, diventando un evento commerciale e di consumo, le famiglie si stanno disgregando (ricordo un intervento di una lettrice qui su Supratutto che qualche anno fa ci ricordava che un tempo c’erano le famiglie a cementare gli affetti) , per questo duravano di più.
    E’ un articolo di fronte al quale nessuno può alzare la mano e dire: io non la penso così.
    Il fascino del Natale era unico: c’era meno ricchezza ma più bontà.
    Purtroppo non si vive solo di ricordi come dice Provinciali ma anche di nostalgia.E dentro il vaso della nostalgia ognuno ritrova se stesso.

  2. Uno scritto molto bello e persino commovente.
    Ricordare la propria infanzia è persino una prova di maturità.
    Incorniciare i ricordi nel Natale e nel clima magico che sa suscitare è un segno di grande sensibilità personale.
    Molto bello il testo e pure l’illustrazione, adatta e suggestiva

  3. Articolo intimo e pieno di fascino struggente.
    Grazie, lo condivido pur essendo abbastanza giovane, immagino che ci sia stato un passato migliore di oggi.
    A Prà e nel mondo intero

  4. Una nota sull’illustrazione: si tratta di uno scorcio del passo del Faiallo, quest’anno pieno di neve, ricevuto da una lettrice.
    Quanto al contenuto, Francesco ha rievocato l’atmosfera magica che permeava i Natali passati, con la consueta penna lieve e piena di sentimento, nella prima parte dell’articolo, per poi passare a riflessioni condivisibili: quanto è cambiato tutto, soprattutto a favore di una marcata commercializzazione degli affetti e delle sensazioni…non sia banale ricordare che noi bimbi di quegli anni valorizzavamo ogni cosa nel Natale, dall’attesa dei doni sotto l’albero, allo stare finalmente molto tempo in famiglia,le tombolate, i riti della poesia recitata in piedi sulla sedia, a casa mia c’ era anche quello della letterina ai genitori, posta sotto il piatto, con mille promesse di “fare i buoni”…Essi stavano ogni anno al gioco “Cosa c e’ qui sotto?”…adorabili ricordi, grazie Fra

  5. Peccato che il Natale è passato.
    Restano i ricordi.
    Quello di quest’anno è stato il peggiore degli ultimi 50 anni.
    L’unica speranza sono i vaccini.
    Prima producono il virus e poi mettono in vendita i vaccini.
    Mi sorge un dubbio atroce: è stato un business per qualcuno con gli occhi a mandorla?Sulle disgrazie altrui c’è sempre chi ci treppa e si arricchisce.
    Concludendo: viva i Natali di una volta. Eravamo più poveri ma anche più semplici e onesti e in giro c’erano meno imbroglioni.
    Oggi tutta la vita è un grande imbroglio. Per cento che vanno in rovina c’è chi diventa miliardario.

  6. Il bellissimo articolo di Francesco e’ dolce e amaro: ci accarezza l’anima con i nostri ricordi più belli ma ci riporta alla dura realtà di oggi . Speriamo che quei sentimenti di attesa, speranza e condivisione tornino nelle nostre vite quotidiane non solo a Natale.

Rispondi a Emanuela Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*