Adotta un albero !

Nuovi Alberi Piazzale Stazione Pra'

Guido Barbazza –

Nella vita bisogna fare tre cose: fare un figlio, scrivere un libro, piantare un albero. L’antico detto, di incerta attribuzione, per quanto riguarda l’albero, risulta di attualità se consideriamo la situazione di Pra’ e le sue necessità. Gli alberi sono fondamentali per la salubrità dell’ambiente, assorbendo l’anidride carbonica dell’atmosfera e generando ossigeno, ma riescono anche ad assorbire i particolati. Un albero di circa 20 metri di altezza può assorbire oltre 1000 gr. di Pm all’anno. Tra i più indicati alberi anti-inquinamento figurano specie autoctone quali leccio, pino e cipresso che, essendo anche sempreverdi, forniscono tali prestazioni tutto l’anno. Piantumare intensamente è perciò un metodo rapido, efficace, ed economico per ridurre l’inquinamento atmosferico, attutire i rumori e quindi aumentare la qualità della vita e tutelare la salute dei cittadini praesi. Per tali motivi la FondAzione PRimA’vera ha puntato proprio sulla piantumazione intensa per quanto riguarda le nuove aree litoranee create dal POR-Pra’ Marina e delle “dune” della Fascia di Rispetto e della Fascia di Rispetto stessa. Positivi ed incoraggianti risultati sono stati ottenuti con gli alberi, palme ed alberelli del POR-Pra’ Marina, che si sono andati ad aggiungere al bellissimo “polmone verde” del Parco Achille Dapelo; sulle dune stanno cominciando a comparire i primi alberi, anche se con quanche problema di “mortalità infantile” che si spera venga risolto con ulteriori piantumazioni in autunno, e a breve i primi alberi cominceranno a comparire nell’area del Bacino Portuale di Pra’ per creare una ulteriore “barriera verde” tra il Distripark e le abitazioni del sestiere praese di Palmaro. Sfortunatamente esiste però una zona litoranea di Pra’ dove, nonostante le numerose richieste, la piantumazione, già molto scarsa in fase di realizzazione, stenta a ricevere l’attenzione che merita: il piazzale della nuova stazione RFI di Pra’. Nonostante la sua importante estensione, è stato dotato solo di qualche aiuola in malarnese e molto poco curata, di qualche cespuglio ed alberello, che sembrano efficaci solo nel trasferire un senso di degrado e tristezza ed a raccogliere e trattenere rifiuti e spazzatura. In estate, poi, la zona è una distesa di asfalto rovente senza alcuna zona d’ombra. Svariate segnalazioni e richieste sono state indirizzate da anni e per anni a Comune e Municipio dalle pagine di SuPra’tutto, e proprio la piantumazione intensa di tale piazzale era stata inserita nel documento progettuale “Waterfront Praese” del Consiglio di Comunità Praese, ma senza ottenere alcun risultato. Per risolvere il problema si può però utilizzare proprio l’antico adagio del “piantare un albero”, attraverso l’idea “adotta un albero”, che la FondAzione sta valutando e preparando. Ogni cittadino di Pra’ potrà, tramite una semplice e minima oblazione a copertura dei costi vivi, vedere un albero di sua scelta piantato nelle aiuole del piazzale della stazione, dotato di una targhetta provvista di data e riportante il nome del donatore e/o di una persona cara a cui l’albero viene intitolato. Alla prossima puntata.

7 Comments

  1. Mi sembra un’idea bellissima. Un albero è un regalo che facciamo ai nostri figli e nipoti, oltre a goderne pienamente anche noi.
    Avanti così che andiamo bene…

  2. Splendida iniziativa. Nel mio piccolo ho piantato un ulivo e una mimosa. Ho regalato un altra pianta che è diventata gigantesca. Tutto questo nella via dove abito. Mi piacerebbe vedere alberi anche a Palmaro. Credo che parteciperò volentieri.

  3. Anche io ho idea di dedicare una o due piante ai miei adorati genitori, che sono ” andati avanti” …così i miei nipoti cercheranno gli alberi dei.nonni ed i loro figli magari ancora…

  4. Ottima iniziativa! Gli alberi sono la possibilita’a nostra portata di invertite il fenomeno del cambiamento climatIco. Adoriamo numerosi e avremo un posto migliore dove vivere!

  5. Nel 2007 la Toyota, in collaborazione con il Toyota Team SARD, realizzo la Supra HV-R. La particolarita del modello era una propulsione di tipo ibrido, in quanto veniva alimentata da un propulsore benzina 4.5 V8 da 480 CV di potenza e da un motore elettrico principale da 200 CV abbinato a due ausiliari da 13 CV ciascuno. La Supra HV-R rappresento la prima vettura ibrida a vincere una competizione sportiva, in quanto ottenne il gradino piu alto del podio nella 24 Ore di Tokachi del 2007

  6. Idea semplicemente ottima. Anche io sono interessato ad adottare un paio di alberi. Bene che la Fondazione faccia cose che ne il municipio ne il comune fanno, una integrazione che sta facendo rinascere Prà. Grazie

Rispondi a Матвей Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*