A Pra’ un ritorno alle origini

Giuseppe Bruzzone

Lo scorso 24 luglio in una calda domenica sulla fascia di rispetto, nella struttura nord del centro remiero il Club Sampdoria Pra’ & Palmaro Anteo Dodi “Praini” è ritornato alle origini.
Lasciato il locale di Palmaro la bandiera blucerchiata sventola nella zona dove il club ebbe i natali cinquanta anni fà dirimpetto all’ attuale bar “Grisù” che negli anni 60 aveva il nome di “Bar Bo” in via Pra’ 88 r. Un locale storico gestito da Piero uno dei fondatori con Giovanni Peri e Anteo Dodi, autore di uno dei primi inni della Samp a cui fu poi dedicato il club, che ebbe il record di circa seicento iscritti e una squadra formata da tifosi che partecipava a diversi tornei amatoriali. Successivamente negli anni 80 il club si trasferì in un appartamento in via Airaghi 4-2 e poi a Palmaro in diversi locali.
Ora la nuova sede con più di un centinaio di soci è al primo piano del centro remiero lato nord in tandem col Gruppo Sportivo Speranza. Diversi soci insieme al presidente Agostino Mantero armati di cazzuole e pennelli hanno risistemato il locale, addobbandolo con foto, sciarpe e felpe di varia foggia.  L’ inaugurazione della sede è iniziata all’esterno, il presidente del club ha salutato i tifosi e simpatizzanti, ricordato gli inizi di cinquanta anni fa quando cominciò l’ avventura nell’ estate del 1972. I vari periodi: le partite in serie B, la risalita in sere A, l’ era del presidente Mantovani, le Coppe Italia, lo scudetto 1991, le trasferte in Europa, il rientro nelle file delle comprimarie in serie A, gli incontri con i vecchi non dimenticati giocatori, il recente periodo dei i biglietti prenotati on line, le pay tv, il calcio con la pandemia e la ripresa delle trasferte; le ultime di Verona e Milano. A seguire la lettera della Federclub e la premiazione dei soci. La festa è continuata all’ interno del complesso con un rinfresco conviviale grazie ai cuochi e agli sponsor: i panifici Rocco, Priano e il Pesto di Pra’. Chiusura sul piazzale, ricordando Vittorio De Scalzi gran tifoso e autore della canzone inno” Lettera da Amsterdam”, mancato recentemente, poi i fuochi d’ artificio che oramai a Pra’ siamo abituati. Un simpatico ritorno nel centro di Pra’ che animerà assieme al gruppo Sportivo Speranza il centro remiero, con un bel gruppo di amici e simpatizzanti che non mancheranno di portare con entusiasmo, ora si dice la “mission” dei primi fondatori: organizzare trasferte, far feste per raccolte benefiche, cene e incontri con le vecchie glorie sampdoriane in armonia e allegria.
Ah! I cuochi del club stanno già pensando ai prossimi menù oltre alle trasferte

1 Comment

Rispondi a Mario Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*