A Pra’, aule senza confini per imparare da ciò che ci circonda

Gianluca Ferrantin –

Incuriositi da un servizio del TG3 Regionale, in cui alcuni bambini dell’I.C.Pra’ erano protagonisti, abbiamo contattato telefonicamente la maestra Barbara Battisti, in rappresentanza dell’Istituto Comprensivo, per una chiacchierata a 360 gradi sulle iniziative in calendario per quest’anno scolastico.  Al termine della telefonata è stato subito chiaro che scrivere un articolo sarebbe stato un problema. Poco materiale a disposizione per scrivere?  No… esattamente il contrario! Proviamo a fare ordine… Il filo conduttore dei progetti è l’Educazione Civica. Grazie all’inserimento di tale disciplina all’interno dei programmi di studio di tutti e tre i cicli scolastici dell’Istituto Comprensivo Pra’ (infanzia, primaria, secondaria di primo grado, che quelli della nostra generazione chiamano più facilmente asilo, elementari e medie), è stato più semplice riuscire ad individuare percorsi comuni per i ragazzi. Lo si è visto, ad esempio, con il progetto degli orti ricavati nei cortili di Villa Ratto e Montanella. Gli studenti hanno realizzato qualcosa di loro, hanno potuto veder crescere e maturare il frutto del loro impegno, per poi passare le consegne ai bimbi dell’infanzia, che hanno portato avanti il lavoro fino a luglio.  Grazie ai Carabinieri Subacquei è stato invece trattato in questi giorni il tema della biodiversità, di quanto sia importante e quanto sia minacciata dall’inquinamento. Ricordiamo tutti il disastro della Haven nel 1991, esempio di tragedia umana e ambientale, ma anche simbolo della voglia di rinascere, testimoniato dalle molte specie di pesci stanziali che sfruttano gli anfratti della petroliera come se fossero grotte e cunicoli. La visita dei Carabinieri è stata utile anche per discutere con i ragazzi di un argomento quanto mai attuale, il cyberbullismo. Gli studenti hanno potuto così comprendere quanto sia facile al giorno d’oggi, con uno smartphone, rovinare la vita di un coetaneo. A proposito di inquinamento, gli alunni sono stati sensibilizzati sul riciclo e la differenziazione dei rifiuti; non solo plastica e carta, ma anche oggetti ahimè d’uso comune che ormai si trovano disseminati ovunque… le mascherine…Grazie ai disegni appesi davanti alle scuole e lungo la Fascia di Rispetto, ci hanno spiegato quanto sia inopportuno buttarle a terra e, cosa cui magari non pensiamo affatto, quanto sia importante staccare gli elastici, per evitare che possano rimanere impigliate negli animali, compresi i pesci. Il concetto di riciclo è stato esteso anche al cibo. Quanto ne viene buttato ogni giorno, anche nelle mense scolastiche? Purtroppo le leggi spesso impediscono di poterlo donare, ma qualcosa per fortuna può essere fatto. Ed è così che la frutta non consumata viene portata all’istituto delle Suore di Calcutta. L’argomento biodiversità verrà ripreso prossimamente, grazie al coinvolgimento del direttore dell’Area Marina di Bergeggi, uno dei paradisi per sub dilettanti e professionisti che abbiamo in Liguria. Sempre in tema di biodiversità, unita stavolta al concetto di legalità, l’I.C. Pra’ ha aderito al progetto nazionale  Un albero per il futuro; l’Istituto riceverà una quindicina di piantine, appartenenti a specie differenti, che saranno poi reinserite nel terreno e faranno parte del Grande bosco diffuso. A queste si aggiungerà una talea molto speciale, prelevata dall’Albero di Falcone, che cresce nei pressi della casa del giudice assassinato dalla mafia nel 1992. Ovviamente non mancano le iniziative “a km zero”, grazie alle realtà del territorio che chiedono di entrare nelle classi. Primo esempio è la Società Mutuo Soccorso Pescatori Pra’, che ha organizzato un concorso scolastico volto a far conoscere agli alunni la storia del loro quartiere, i mestieri di una volta come il “calafato” o il “cordaniere” e, perché no, qualche parola in dialetto. Per loro, del resto, vedere i container è una normalità; sono infatti restati attoniti alla scoperta che un tempo le persone trascorrevano le estati nelle spiagge che si trovavano a pochi passi dalle loro case. Tempi che cambiano… A proposito di cordanieri… come si producevano le corde usare dai pescatori? Con le “lische”, ossia le graminacee che crescono sui monti della Liguria; non a caso, uno dei sentieri più conosciuti, si chiama Lische Basse. E allora, perché non andarle a vedere da vicino? A fine ottobre c’è stato l’appuntamento con il SportAbility, manifestazione legata al progetto Stelle nello Sport, patrocinato dalla Regione Liguria. Nel contesto del campo di calcio della Praese l’ospite d’eccezione è stato Francesco Bocciardo, tre volte campione olimpico (una a Rio e due a Tokyo), che ben volentieri si è prestato a rispondere alle domande degli alunni. Il nuotatore genovese ha voluto soprattutto testimoniare quanto sia importante affrontare di petto le difficoltà e non arrendersi facilmente, e quanto lo sport sia un grande alleato nello stimolare corpo e mente. Ad inizio novembre, invece, è stata la volta del concorso fotografico Prainfoto, organizzato in collaborazione con Il Pesto di Pra’. Le scolaresche hanno girato per il quartiere alla ricerca della location più suggestiva per scattare una foto e pubblicarla, nella speranza di vincere il premio. Chi vi scrive ha partecipato all’evento e ha potuto vedere le numerose istantanee esposte fra le serre; pur vivendo a Pra’ dalla nascita ha avuto la sensazione di vedere certi luoghi per la prima volta; spesso di va di corsa e non ci si sofferma ad osservare, cosa che invece hanno fatto benissimo i bambini e i ragazzi delle varie classi.

Ultimo evento recente, cui era importante partecipare, è stata la Giornata Mondiale dei diritti dei bambini, che ha avuto luogo il 20 novembre. Di questo ne parleremo prossimamente nella sezione Junior. Stay tuned!

1 Comment

  1. Grazie a genitori come Gianluca, peraltro padre di Anita, redattrice Junior, veniamo a conoscenza dellle cose straordinarie che accadono all’ICPra’…bravi ragazzi e maestre, fare scuola nei dintorni, senza cattedre e banchi, e’ sempre bellissimo!

Rispondi a Elisa Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*