29-30-31 gennaio I giorni della Merla

Giuseppe Bruzzone

In questo periodo di fine gennaio a Pra’ e in Liguria il clima invernale è abbastanza mite, il 29, 30 e 31 del mese, per tradizione son ritenuti i più freddi dell’anno, questi tre giorni sono conosciuti come Giorni della Merla. Vengono chiamati così per via di una leggenda. Una volta le merle avevano le piume bianche, la leggenda parla appunto di una merla bianca che per resistere al rigido freddo di fine gennaio si nascose in un camino. La merla dal bellissimo piumaggio bianco, era sempre strapazzata da gennaio, mese freddo, scuro, e scherzoso; non aspettava altro che lei uscisse dal nido in cerca di cibo, per scatenarle contro freddo e gelo. Stufa di patire tanto freddo, un anno la merla accumulò provviste che bastassero per un mese intero e si rinchiuse nel suo nido. Rimase lì, al riparo, per tutto il mese di gennaio, che allora durava ventotto giorni. Giunta all’ultimo giorno del mese, la merla, credendo di aver ingannato il maligno gennaio, uscì fuori dal nido e si mise a cantare per prenderlo in giro. Gennaio, furioso, si arrabbiò a tal punto che chiese tre giorni in prestito a febbraio che allora era di trentuno giorni. Avutoli in dono, scatenò così bufere di neve, vento, gelo, pioggia. La merla per la sorpresa si nascose allora in un camino e vi restò ben nascosta e aspettò che la bufera passasse. Trascorsi i tre giorni e finita la bufera, la merla uscì dal camino credendo di essere a febbraio, ma a causa della fuliggine, il suo bel piumaggio bianco si era annerito. Così essa rimase per sempre con le piume nere e da quel giorno tutti i merli nascono di colore scuro. Come in tutte le leggende, c’è un fondo di vero: infatti nel calendario romano il mese di gennaio era di ventinove giorni. Si narra che Giulio Cesare volendo modificare il calendario incaricò per questo Cornelio Merula, astronomo e sacerdote di Giove. Così l’astronomo prese tre giorni da febbraio e li spostò a gennaio, e da allora furono chiamati i giorni di Merula che poi il popolino, che è solito storpiare i nomi di cui non conosce bene il significato, ribattezzò di… Merla. Secondo la saggezza popolare, se i giorni della merla sono molto freddi, la primavera sarà bella; se sono caldi, la primavera arriverà in ritardo. Cosa impariamo: Questa favola tipicamente invernale insegna che dopo un periodo difficile, ne inizia sempre un altro felice. E che nella vita bisogna saper portare pazienza.

I giorni della merla di Jolanda Restano
Oh che freddo! Oh che gelo!
Vento forte e nubi in cielo!
La pozzanghera è ghiacciata,
la grondaia si è gelata!
Indossiam sciarpe e cappelli,
bei maglioni e gran mantelli,
paraorecchie e poi giacconi
canottiere, calzettoni!
Ma ‘sto freddo non va via:
gela tutto, mamma mia!
Più pungente di una sberla:
sono i giorni della merla!

2 Comments

Rispondi a Rita Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*