2021 decisivo per ridare il mare a Pra’ – Palmaro

Alessio Ponte –

Pra’ tra i protagonisti del convegno “Genova 2021, l’anno che cambierà il volto del Porto e della Città” organizzato da Primocanale il 30 dicembre 2020, per presentare l’importante piano di investimenti che si riverseranno sul territorio genovese a partire dal 2021 con un duplice scopo: aumentare la competitività dei terminal del Porto di Genova ed allo stesso tempo garantire un miglioramento della qualità della vita dei cittadini e sopratutto degli abitanti dei centri urbani più a contatto con il Porto. All’evento “phygital” organizzato da Primocanale e condotto da Matteo Cantile sono intervenuti Marco Bucci, Sindaco di Genova, Paolo Emilio Signorini, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Vincenzo Macello, Direttore Investimenti RFI, Beppe Costa, Presidente Terminalisti di Confindustria Genova, Guido Barbazza, Presidente Onorario FondAzione PRimA’vera, Marco Rettighieri, Responsabile dell’attuazione del Programma Straordinario e l’architetto Stefano Boeri. Gli interventi più importanti che sono stati presentati sono la nuova diga foranea a Sampierdarena, il nodo ferroviario di Genova, l’ampliamento delle aree di Fincantieri a Sestri Ponente e, come sottolineato da Signorini, gli interventi di mitigazione dell’impatto del Porto di Pra’ tramite le dune alberate e l’elettrificazione delle banchine. Guido Barbazza ha sottolineato la necessità urgente di procedere anche con lo spostamento a mare della linea ferroviaria GE-XX Miglia nel tratto antistante il sestiere di Pra’-Palmaro, prolungando la Fascia di Rispetto lungo tutto il litorale praese, progetto per cui è in atto una positiva collaborazione Comune – Autorità di Sistema Portuale – RFI e che prevede anche la relizzazione di una “lama d’acqua”. Barbazza ha anche definito Genova come «“Città Policentrica”, unica al mondo, in quanto priva di grandi periferie più o meno degradate come le altre grandi città, bensì dotata di tanti pregevoli centri storici distribuiti su tutto il territorio, da valorizzare per migliorare la qualità della vita di tutti gli abitanti». «Realtà come Pra’, Pegli, Nervi, e tutti gli altri comuni accorpati a Genova – ha sottolineato – hanno identità, storia e dimensioni comparabili a molte città capoluogo, e devono essere considerate e gestite con la cura e l’attenzione che meritano». Concetto prontamente recepito dal Sindaco Bucci che ha riconosciuto il «valore delle diversità in ambito genovese». Il 2021 si preannuncia così come l’anno decisivo per “ridare il mare a Pra’ – Palmaro”.

Qui i link al sito di Primocanale per vedere la trasmissione in differita:

https://www.primocanale.it/video/genova-2021-l-anno-che-cambier-il-volto-del-porto-e-della-citt-1–121988.html

https://www.primocanale.it/video/genova-2021-l-anno-che-cambier-il-volto-del-porto-e-della-citt-2–121989.html

5 Comments

  1. Importantissimo convegno, da seguire con attenzione perchè già dal titolo riassume quello che potrà essere il nostro futuro, come Genova, città porto, e come Pra’,che vuole convivere in modo sempre più armonioso con l’infrastruttura mercantile che si affaccia, letteralmente, sulle proprie case e strade.
    Come Fondatrice, ho trovato l’intervento di Barbazza chiaro, coinvolgente, incisivo…è di solare evidenza che la FondAzione Primavera perseguirà questo difficile ma non impossibile obiettivo di dialogo e sostenibilità reciproca porto/territorio, con costanza assoluta e fino alla completa soddisfazione delle esigenze di entrambi. Già, come ha ricordato Barbazza, questa interlocuzione virtuosa ha portato concreti risultati in ordine ad una minor invasività(vedi progetto dune ed elettrificazione banchine, tester cicalini e sostituzione gru a metano con le meno inquinanti ad alimentazione elettrica)…e possiamo star certi che i risultati continueranno, nei confronti dei sestieri estremi, specie Pra’-Palmaro; lo diciamo da sempre su questo magazine, e la recente iniziativa per “ridare il mare “, articolata nel Pra’lmarium (cerca sul giornale)lo dimostra, come trampolino di lancio dell’attesa riqualificazione.
    Naturalmente, non va dimenticato che determinati progetti devono essere proficuamente discussi e condivisi con le Istituzioni a ciò competenti: il Sindaco ed il dott Signorini sembrano completamente in linea con queste visioni, ed anche la presenza del dott. Macello (Rfi)al convegno indica una sintonia di scopo molto apprezzabile; Tutto ciò trasmette grande fiducia ai praini, se aggiungiamo le cospicue risorse destinate…possiamo davvero sperare nel 2021, quale anno epocale per il CAMBIAMENTO! L’anno che verra’ sia quello giusto, quello che traccia la line e determina il nostro futuro.

  2. Copernican revolution… Vedere un rappresentante di Pra’ in un Convegno “di vertice” in cui si parla di piani per il futuro della portualità genovese è una soddisfazione massima. Constatare che la riqualificazione di Pra’-Palmaro ipotizzata anni fa sul Praino, sponsorizzata dalla FondAzione PRimA’vera e dal Consiglio di Comunità Praese, sviluppata nel tavolo di lavoro PRA’LMARIUM, potenziata dall’università di Genova, grazie all’ ing. Fabio Currò e alla dottoressa Francesca Franchelli è una grandissima soddisfazione.
    Il Porto di Pra’ è una realtà importante, ma Pra’ e i suoi abitanti sono altrettanto importanti…
    Questo assunto che oggi nessuno mette in discussione era impensabile solo pochi anni fa
    Il vento è cambiato e il potere delle idee insieme alla determinazione e alla volontà di riuscire ci hanno condotto fin qui. Adesso manca l’ultimo tratto: trovare il finanziamento ma come già accadde per il POR PRA ‘ MARINA confidiamo che sarà possibile.
    Anche questa volta MISSION IS POSSIBLE

  3. Speriamo davvero che il futuro ci riservi la concretizzazione dei progetti così fortemente voluti e sostenuti dai cittadini Praesi,e quindi anche di Palmaro, che migliori in maniera determinante la qualità di vita dei nostri sentieri, così fortemente compromessa da ogni genere di inquinamwnto e occupazione di territorio!
    Grazie per l’impegno di chi ha continuato a crederci e a perseverare nella speranza che fra non molto tempo
    questo “sogno ” si avveri!

  4. I conflitti, le contrapposizioni, gli interessi personali, l’invidia , la gelosia, l’ignoranza, la menzogna rappresentano la parte negativa e sterile dei sentimenti umani e, come la storia insegna, quando va male generano catastrofi, quando va bene non portano a niente.
    In questo brodo si sono consumati gli orribili misfatti che hanno mutilato e stravolto un territorio dolce, bello e generoso, privandolo dell’identità, della dignità e della bellezza unica del suo paesaggio.
    Il dialogo, la concordia, il senso del bene comune, il rispetto, l’attenzione, la conoscenza, la consapevolezza, l’intelligenza, il senso della realtà e della verità rappresentano gli elementi positivi e fecondi a servizio degli esseri umani e, come la storia insegna, quando vengono utilizzati generano l’armonia necessaria dalla quale si sviluppa quell’energia positiva che rende qualsiasi sogno possibile e concreto.
    La Fondazione PRimA’vera è la sintesi di questa energia positiva e, grazie ai suoi associati, è già Oggi quella visione della Pra’ Futura alla quale tutti aspiriamo, ma che solo loro hanno avuto la capacità, la costanza, l’impegno e la forza di trasformare in realtà.
    Grazie Fondazione, grazie da un Praino che ormai ha un’età da manifesti e che, per questo, ha vissuto tutto quello che ha scritto.

Rispondi a Rita Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*