La generosa risposta di Pra’ in aiuto all’Ucraina

Redazione –

Abbiamo sentito Remo Rimotti, che insieme a Domenico Lavagetto e Mauro rossi, hanno ideato e coordinato la raccolta solidale per questa nazione martoriata dalla guerra ed i profughi ucraini che cercano di sfuggire alla feroce operazione militare russa.
<< C’è stata una forte adesione alla raccolta, in tutti i punti previsti e continuerà ad oltranza, grazie ai tanti volontari che si avvicendano per preparare i pacchi selezionati in varie tipologie, come si legge dalla locandina, nella quale abbiamo aggiornato i nuovi orari per conferire cibo, farmaci, coperte e quanto specificato >> racconta Remo <<abbiamo già riempito e caricato un camion ed un container, che sono partiti e raggiungeranno i nostri amici; gli alunni dell’ICPra’ hanno fatto dei bellissimi disegni, per i loro coetanei lontani, trasmettendo affetto e vicinanza >>
Un’azienda di Pra’ ci ha donato un grande stock di contenitori termici per il cibo, molte anche oltre a merce, cartoni vuoti, che servono tanto, gli abitanti hanno risposto con il cuore aperto al bene, come sempre fanno i praini quando vengono chiamati ad aiutare il prossimo.un elenco parziale di ciò che è stato inviato, il numero si riferisce non alle unità bensi agli scatoloni : pannoloni 40, coperte e piumoni 30, igiene 5, pannolini bimbi 10, biscotti pasta e riso 13, asciugamani e lenzuola7, biancheria bimbi7, in partenza medicinali, scatolame, the, caffè, omogeneizzati e alimenti bimbi, cibo per animali, vettovaglie monouso…e via continuando! >>

Benvenuti nuovi volontari.

1 Comment

  1. Faccio parte dello stuolo dei volontari che sono incaricati per conto delle numerose associazioni che hanno aderito all’iniziativa, di raccogliere le donazioni di chi vuole, nel suo piccolo, fare un gesto di solidarietà molto importante per l’Ucraina! Posso dire che la gente ha risposto con slancio e generosità!
    Mi sono anche piacuti i ragazzi delle medie che “hanno voluto fare ” la loro parte aiutando a scaricare e caricare i cartoni pieni di tutto ciò che ci è stato richiesto come aiuto alla popolazione in guerra.
    Speriamo che questo orribile incubo finisca presto e si possa incominciare a parlare di ricostruzione di uno stato devantato dalla follia di uomo che per i crimini commessi e che continua a commettere, non merita di essere chiamato tale.

Rispondi a Rita Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*