Pra“Il Praino” fino dal suo primo numero, di febbraio del 2010, si è occupato della surreale vicenda per cui il Municipio Ponente pare incapace di mantenere nel decoro le bandiere (Italiana, Genovese ed Europea) che dovrebbero sventolare dalle aste dell’ex palazzo comunale di piazza Bignami. Ciclicamente, a seguito sia di articoli del giornale, sia di sdegnate lettere dei lettori, il Municipio VII Ponente (Pegli-Pra’-Voltri) ha provveduto a sostituire le bandiere male assortite, lacere e consunte del palazzo comunale di Pra’, che trasmettevano un senso di incuria e scarso decoro veramente inaccettabili. Tocca adesso a SuPra’tutto raccogliere il testimone de “il Praino” e denunciare come le bandiere del palazzo si trovino nuovamente in uno stato pessimo. Quella di Genova si è ormai sbrindellata e non esiste più, quelle italiana ed europea, sporche e malconce, si trovano ancora mestamente a mezz’asta dalla giornata di lutto nazionale proclamata il 4 ottobre scorso a seguito del disastroso naufragio di una imbarcazione di immigrati clandestini nel mare di Lampedusa. Però, guardando un po’ in giro, pare che il Municipio questa incuria la applichi solo per Pra’. Infatti, le bandiere del palazzo di Pegli sono in buone condizioni e posizionate correttamente, con la sola mancanza di quella genovese, si spera in fase di sostituzione, mentre il palazzo di Voltri le porta tutte e tre, pulite e nuove di zecca. A questo punto, dopo anni di questa situazione, il fatto che dalle aste del palazzo di Pra’ penzolino Voltrisempre ed ancora delle bandiere ridotte a stracci non può più essere considerata una dimenticanza, ma una colpevole ed intenzionale  mancanza di rispetto sia per le bandiere di per sé stesse, sia della popolazione di Pra’ che dovrebbero rappresentare. Resta il fatto che, come recita l’articolo 292 del Codice Penale, «Chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato è punito con la reclusione fino a due anni». Infine, osservando le bandiere dei tre ex-palazzi comunali di Pegli, Pra’ e Voltri non si può non notare come, mentre i palazzi di Pegli e Voltri si trovano in buone, anzi ottime, condizioni di conservazione e di manutenzione, quello di Pra’ è Peglitenuto in condizioni scandalose, poco dignitose, con vistose pezze di cemento sulla facciata, la coloritura scrostata, nugoli di cavi che corrono e penzolano sui prospetti, il tetto in precarie condizioni e che porta vistose ed antiestetiche protezioni per evitare la caduta di detriti. E’ da ricordare che il palazzo, costruito nel XVII secolo come Villa Grimaldi – D’Oria – D’Angri, comprende anche la Cappella di San Bartolomeo, eretta agli inizi del ‘700, ed una scalinata di accesso in marmo bianco eretta a fine dell’800. E’ stato sede del Comune di Pra’ dal 1797 al 1926 e da allora ha continuato ad ospitare gli uffici comunali ed essere sede prima del Consiglio di Delegazione e poi di Circoscrizione di Pra’.

Velocifero

1 Comment

  1. a volte lamentarsi paga!
    ieri mattina ho notato con piacere che almeno la bandiera di genova è stata sostituita, casualità? coincidenza?
    ad ogni modo se continuiamo così forse per l’anno nuovo almeno le bandiere dovrebbero cambiarle, per il resto….

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*